Coronavirus, Siagri (Eurotech), in ‘fase 2’ imprenditori eroi. Digitale fondamentale per questa ripartenza

  

“Stiamo entrando nella fase 2. Se nella fase 1 gli eroi erano i medici, nella fase 2 gli eroi saranno gli imprenditori, quelli che riapriranno le attività, quelli che ritorneranno a portare l’economia ai livelli di prima, quelli che continueranno ad assumere, quelli che daranno lavoro alle persone che senza lavoro non saranno in grado di portare avanti i loro progetti, anche perché nella Costituzione al primo posto c’è il lavoro, non c’è la sanità, e senza lavoro non c’è neanche la sanità. Il lavoro è importantissimo, ripartire è importantissimo. Chi genera lavoro sono gli imprenditori, gli imprenditori sono questi nuovi eroi e ne abbiamo tanto bisogno”. Lo sostiene in un video diffuso oggi Roberto Siagri, a.d. di Eurotech, multinazionale friulana che si occupa di ricerca, sviluppo e produzione di computer miniaturizzati e di computer ad elevate prestazioni “Abbiamo bisogno che l’Italia dia delle regole che siano semplici per fare partire le imprese, abbiamo bisogno di imprenditori che non mollino e che continuino a credere nei loro sogni, che il covid tutto sommato passa, non rimane, si potrà superare, abbiamo bisogno che queste persone continuino a sognare e bisogna anche che ci aiutino a sognare e abbiamo anche bisogno di tanti giovani che prendano questa occasione come opportunità per partire e per avere anche più spazio perché forse c’è più spazio – prosegue Siagri – C’è qualcuno che lascerà lo spazio e bisogna prenderlo. Le tecnologie digitali sono fondamentali per questa ripartenza.Il digitale – secondo il manager – se prima sembrava importante, adesso penso che sia chiaro a tutti che è ineludibile e grazie al digitale potremmo costruire una società più sostenibile, potremmo costruire una nuova economia ma alla fine abbiamo bisogno di imprenditori. Per cui coraggio, stringiamoci forte e grazie alle tecnologie del futuro, le tecnologie del digitale entreremmo in questo futuro e possiamo entrare meglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *