SCHNEIDER, FEDERALBERGHI FVG: ‘ORA NON CI RESTA CHE AVERE FIDUCIA’

«Non basta per ripartire, ma aiuta. E poi sono fiduciosa. La gente ha voglia di uscire, di riprendersi spazi ed esperienze. Ora è meglio star chiusi un giorno in più che in meno, pur di ripartire, poi, una volta per tutte».Paola Schneider, presidente di Federalberghi Fvg, commenta così il decreto Sostegni che il Governo Draghi ha varato venerdì e guarda con rinnovata positività ai mesi che verranno.«I ristori non sono granché, sia chiaro, variano dall’1,5 al 5% sul fatturato perso l’anno scorso – precisa la presidente -. Tuttavia, è vero che per il turismo sono previsti diversi canali di intervento. Uniti ai ristori della Regione, che ha agito con un occhio di riguardo nei confronti del turismo, possiamo dire che qualcosa è stato fatto. Come ha detto il Governo presentando il provvedimento – aggiunge -: è un primo passo, non la risposta definitiva».Schneider condivide con Draghi la certezza che valga la pena sostenere il comparto perché «il turismo tornerà a essere un’impresa prospera», archiviata la pandemia. La presidente ha in memoria i weekend di febbraio 2021, quando gli alberghi avevano potuto restare aperti nelle zone di villeggiatura: «Le persone c’erano ed era evidente la necessità di uscire, di tornare a una vita di normalità. Sono convinta anch’io che si riprenderà».È necessario, però, agire con in modo adeguato. Per questo la presidente di Federalberghi conferma «la validità del passaporto vaccinale per mobilitare il flusso turistico o l’attestazione di un tampone negativo recentissimo». Necessario, inoltre, «implementare la campagna vaccinale, coinvolgendo anche gli operatori turistici. Ciò ci consentirà di poter giocare la carta della sicurezza sul fronte promozionale, quella che l’anno scorso è riuscita a dare al Friuli Venezia Giulia una stagione estiva decente».Sono questi gli strumenti per guardare al futuro. Auspicando una loro applicazione accelerata, Schneider è pronta a dire: «Meglio rimanere chiusi un giorno in più che in meno, pur di ricominciare senza doverci fermare di nuovo. Pensavamo di non aver abbastanza pazienza e invece stiamo scoprendo di averla infinita».Sul più lungo periodo, comunque, «serviranno sostegni qualificati per importanti interventi di ammodernamento e adeguamento delle strutture. Attendiamo il superbonus del 110% anche per le categorie commerciali inserito nel Recovery plan – esemplifica Schneider – e poi le linee di supporto bancarie, i finanziamenti regionali e gli interventi su più fronti per garantire ai turisti sicurezza e affidabilità».Il comparto turistico è atteso a nuove sfide, dunque, dopo il ciclone Covid 19, ma è pensando a questi scenari che Schneider si dice «fiduciosa nella ripresa».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *