ESPERIENZE DA VIVERE NELLA MOTOR VALLEY PER GLI OSPITI DI VILLA LA PERSONALA DI MIRANDOLA

ESPERIENZE DA VIVERE NELLA MOTOR VALLEY PER GLI OSPITI DI VILLA LA PERSONALA DI MIRANDOLA

(Ti Lancio dall’Emilia Romagna) Modena 17 ottobre 2022 – Gli ospiti di Villa La Personala di Mirandola catapultati nella valle dei motori. Con esperienze direttamente sulle auto di lusso e sportive che fanno grande questa terra. In dialogo con il territorio, «perché l’unione fa la forza ed è esaltando reciprocamente le eccellenze che tutti possono ottenere più risultati. Dobbiamo dare valore, anche con l’esperienza direttamente sul campo, a coloro che vengono nel nostro territorio». 

Gli itinerari proposti ai visitatori sono: i motori, l’enogastronomia, con la possibilità di imparare a fare i tortellini. «Portiamo i nostri ospiti a provare l’ebrezza dei motori, e ad ammirare il fascino delle auto dai brand memorabili. Modena e la sua provincia hanno tantissimo da offrire» spiega Sofia Malagoli (nella foto), direttrice de La Personala. 

È in questo connubio di pensiero ideale e pragmaticità che trova fondamento l’accurata attività sviluppata da Villa «La Personala», una splendida testimonianza millenaria magnificamente restaurata dopo il sisma che ha colpito Mirandola e il Modenese dieci anni fa e oggi pronta accogliente struttura da 12 suite.

A creare “esperienze” da vivere tra percorsi enogastronomici, culturali, fashion e contatti ravvicinati con i prestigiosi brand della motor valley, sono la proprietaria, Angelica Ferri Personali, e la direttrice della struttura, Sofia Malagoli (nella foto). «Teniamo moltissimo al rapporto personale con i nostri ospiti e con i soggetti con cui costruiamo legami sul territorio – spiega la direttrice -. In un tempo in cui le distanze sono aumentate e sta quasi diventando un’abitudine coltivare relazioni mediate dallo schermo di un computer, noi abbiamo puntato sul rapporto umano, che è e resta fondamentale». 

Così, ciascuna attingendo alle proprie esperienze pregresse e al proprio background culturale, le due donne, insieme a tutta la struttura di Villa Personala, hanno creato delle proposte coinvolgenti da offrire ai propri ospiti. La formula ha avuto un apprezzamento tale che «sempre più spesso sono i turisti a chiamarci perché interessati a qualche specifica esperienza o per chiederci di costruire percorsi su misura». La creatività delle animatrici della Villa e la ricchezza delle opportunità insite nel modenese permettono scelte sempre vincenti. 

Un tour nel distretto della motor valley, cioè tra nomi come Pagani, Maserati, Ferrari, Lamborghini o Dallara se si allunga fino a Parma, permette di visitare le factory aperte oppure i musei realizzati dalle famose Case automobilistiche o, ancora, alcune collezioni private, per finire in pista, mettendosi al volante di qualche sontuoso esemplare.
Non meno accattivante l’esperienza tra i sapori e i profumi del Modenese, con visite alle acetaie e al mondo del balsamico, alle aziende dove si produce il Parmigiano o dove invecchiano i prosciutti. A suggellare il viaggio, la cooking class, in Villa o in contesti particolari, per insegnare a realizzare ottimi tortellini. 

Per gli amanti dello shopping, tour guidati tra le boutique di Modena, alcuni stilisti, e una delle ormai pochissime pelletterie che continua a produrre tutto in loco, utilizzando materia prima di gran pregio. 

Il ritorno in Villa è anch’esso sempre un’esperienza. «Il restauro – racconta la direttrice – ha esaltato la storia di questa struttura che dal Mille è di proprietà della stessa famiglia, recuperando al meglio le particolarità tipiche, i pavimenti, gli affreschi. A questo patrimonio, è stato aggiunto ogni dettaglio necessario a rendere la Villa particolarmente confortevole e all’altezza dell’accoglienza contemporanea». Storia e innovazione si fondono così perfettamente, conferendo una precisa e robusta identità alla location. «Ed ora, gli ospiti e coloro che pensano alla Villa per qualche evento avranno a disposizione anche il servizio ristorazione interno, garantito dal nostro chef», conclude la direttrice Malagoli. 

Leave a Reply

Your email address will not be published.