SCHNEIDER, FEDERALBERGHI FVG: ‘ORA NON CI RESTA CHE AVERE FIDUCIA’

«Non basta per ripartire, ma aiuta. E poi sono fiduciosa. La gente ha voglia di uscire, di riprendersi spazi ed esperienze. Ora è meglio star chiusi un giorno in più che in meno, pur di ripartire, poi, una volta per tutte».Paola Schneider, presidente di Federalberghi Fvg, commenta così il decreto Sostegni che il Governo Draghi ha varato venerdì e guarda con rinnovata positività ai mesi che verranno.«I ristori non sono granché, sia chiaro, variano dall’1,5 al 5% sul fatturato perso l’anno scorso – precisa la presidente -. Tuttavia, è vero che per il turismo sono previsti diversi canali di intervento. Uniti ai ristori della Regione, che ha agito con un occhio di riguardo nei confronti del turismo, possiamo dire che qualcosa è stato fatto. Come ha detto il Governo presentando il provvedimento – aggiunge -: è un primo passo, non la risposta definitiva».Schneider condivide con Draghi la certezza che valga la pena sostenere il comparto perché «il turismo tornerà a essere un’impresa prospera», archiviata la pandemia. La presidente ha in memoria i weekend di febbraio 2021, quando gli alberghi avevano potuto restare aperti nelle zone di villeggiatura: «Le persone c’erano ed era evidente la necessità di uscire, di tornare a una vita di normalità. Sono convinta anch’io che si riprenderà».È necessario, però, agire con in modo adeguato. Per questo la presidente di Federalberghi conferma «la validità del passaporto vaccinale per mobilitare il flusso turistico o l’attestazione di un tampone negativo recentissimo». Necessario, inoltre, «implementare la campagna vaccinale, coinvolgendo anche gli operatori turistici. Ciò ci consentirà di poter giocare la carta della sicurezza sul fronte promozionale, quella che l’anno scorso è riuscita a dare al Friuli Venezia Giulia una stagione estiva decente».Sono questi gli strumenti per guardare al futuro. Auspicando una loro applicazione accelerata, Schneider è pronta a dire: «Meglio rimanere chiusi un giorno in più che in meno, pur di ricominciare senza doverci fermare di nuovo. Pensavamo di non aver abbastanza pazienza e invece stiamo scoprendo di averla infinita».Sul più lungo periodo, comunque, «serviranno sostegni qualificati per importanti interventi di ammodernamento e adeguamento delle strutture. Attendiamo il superbonus del 110% anche per le categorie commerciali inserito nel Recovery plan – esemplifica Schneider – e poi le linee di supporto bancarie, i finanziamenti regionali e gli interventi su più fronti per garantire ai turisti sicurezza e affidabilità».Il comparto turistico è atteso a nuove sfide, dunque, dopo il ciclone Covid 19, ma è pensando a questi scenari che Schneider si dice «fiduciosa nella ripresa».

MOLO17: L’APPROCCIO DEL DESIGN THINKING CENTRATO SULLE PERSONE

MOLO17, parte della Holding The Harbor è una software house che sviluppa soluzioni software personalizzate e servizi end-to-end con sede a Pordenone, in Friuli Venezia Giulia. La software house pordenonese offre un percorso condiviso, strutturato e flessibile allo stesso tempo, strutturato su cinque passi finalizzati alla Trasformazione e Innovazione Digitale che partono dalla generazione dell’idea dirompente sino alla sua implementazione dentro l’azienda così come fuori: concept, design, development, deployment e counseling.

“Data l’importanza strategica dei progetti di innovazione e la complessità di trasformazione digitale che impatta nella relazione tra l’azienda e i suoi clienti come anche a livello organizzativo e dei sistemi informatici di supporto – spiega Daniele Angeli (nella foto), Ceo di MOLO17 – il mio consiglio è quello di intraprendere un processo di Design Thinking, ovvero l’approccio, la modalità di pensiero, la cultura centrata sui bisogni delle persone che è alla base della trasformazione digitale, e una gestione dell’iniziativa Lean/Agile per acquisire flessibilità e reattività nella gestione interdisciplinare tra tutte le figure di business (cliente, consulenti) e tecniche (team di progettazione) impiegate”.

Il Design Thinking è “uno dei più moderni modelli manageriali di gestione aziendale – specifica Andrea-Massimo Valcher, CMO di MOLO17 – particolarmente adatto a semplificare e dunque a trattare problemi complessi dall’esito incerto e che comportano rischi decisionali”. Per il manager della realtà innovativa pordenonese, “implementare il Design Thinking nel proprio stile gestionale significa muoversi nella direzione del Design Management, ovvero adottare metodi e strumenti, tipici del mondo del design utili a quello del business, per comprendere e portare innovazione efficace a differenziare l’azienda nel mercato. “Quello che proponiamo – precisa Valcher – è di seguire metodologie di lavoro che facilitino la semplificazione, stimolino la creatività e l’innovazione, e supportino i processi strategici aziendali”.

Parliamo quindi di uno strumento che, innanzitutto, coinvolge consumatori, utilizzatori, progettisti e manager in un processo integrato con un metodo che consente di immaginare scenari futuri e portare prodotti, servizi, esperienze al mercato con efficacia. Utile a crescere, anche e soprattutto in tempi di crisi.

A questa metodologia efficace, MOLO17 e le altre aziende del gruppo The Harbor affiancano la loro digital expertise e la integrano nel proprio modello consentendo a chi intraprende questo percorso di fare vera propria Digital Innovation & Transformation e non solo sterili operazioni consulenziali.

Come viene utilizzato il Design Thinking da MOLO17 per creare valore e supportare le realtà aziendali? “Le aiuta a riprogettare il proprio modo di pensare – spiega Valcher – con un approccio centrato sulle persone per creare prodotti, processi e servizi digitali che siano efficaci, che piacciano, che siano utili e usabili bilanciando i tre requisiti chiave per fare davvero innovazione, ovvero: desiderabilità umana, fattibilità tecnologica e possibilità economica”.

RESIA, MICELLI: ‘VOGLIAMO LA SCUOLA NEL PARCO’

La scuola in montagna «diventa lo strumento per la sopravvivenza delle rispettive comunità», perché «il volere mantenere la montagna friulana viva e abitata non può essere disgiunta dall’offerta scolastica nel Comune di residenza».

Sono le convinzioni fondamentali che hanno mosso i Comuni di Resia e Chiusaforte a stringere un accordo per inoltrare alla Regione domanda di finanziamento per realizzare un nuovo plesso scolastico nel territorio di Resia, a favore dei bambini e ragazzi che frequentano la scuola dell’infanzia, la primaria e la scuola secondaria di primo grado.

Così desiderata dalle comunità locali, questa nuova costruzione ha già un nome: «La Scuola nel Parco», a richiamare le radici di questa istituzione nel meraviglioso Parco delle Prealpi Giulie e della Riserva Biosfera Mab Unesco. L’intervento necessita di un finanziamento pari a 4,859 milioni. Un importo inferiore a quello che sarebbe necessario per mettere a norma antisismica e continuare a gestire e manutenere l’attuale polo scolastico di Resia, costruito subito dopo il terremoto per una popolazione scolastica che oggi non c’è più e rende la struttura sovradimensionata e onerosa.

«Abbiamo provveduto a un’analisi tecnica molto puntuale e circostanziata», sottolinea la sindaca di Resia, Anna Micelli, «prima di giungere alla conclusione che l’uso più attento delle risorse e le esigenze odierne suggeriscono la costruzione di una nuovo polo scolastico, piuttosto che il riattamento dell’esistente». La scelta è stata compiuta con il coinvolgimento della popolazione. «È emersa la conferma dell’interesse da parte della popolazione di proseguire verso una tematizzazione della scuola in chiave naturalistica – aggiunge la sindaca – e di promozione delle peculiarità territoriale, con una proposta formativa di stampo naturalistico stabilmente incorporata nella vita della scuola. Dopo una prima assemblea fatta con i genitori e con la comunità, a settembre 2019, si proseguirà in un percorso più marcato di partecipazione e condivisione, in merito all’offerta formativa che sarà alla base della nuova scuola, con il supporto dell’Università di Udine – cantiere Friuli  -, coinvolgendo le direzioni didattiche di Trasaghis e Tarvisio oltre che le famiglie. Non una scuola fatta di muri ma di contenuti, Verrà siglata a giorni una convenzione in questo senso e si apriranno nuovi fronti di lavoro; appena possibile, verranno organizzati incontri per iniziare questo nuovo cammino».

Con la richiesta di finanziamento, Resia e Chiusaforte hanno inviato alla Regione anche un dettagliato cronoprogramma, che prevede l’esproprio dei terreni già a maggio 2021, l’apertura dei cantieri a maggio 2022 e l’inaugurazione della scuola esattamente un anno dopo.

L’area individuata è una porzione di territorio prossima all’attuale scuola. Il nuovo plesso scolastico si caratterizzerà per rispondere a tutti i nuovi requisiti di sicurezza richiesti ed essere espressione dei migliori saperi costruttivi, in quanto a materiali, impianti, benessere termo-igrometrico, ambientale e pedagogico.

Quanto fu costruito l’attuale plesso, la popolazione scolastica contava circa 180 unità. Ora sono una sessantina e la domanda «se non dovesse esserci una nuova scuola» la comunità se l’è fatta. I bambini piccoli (infanzia e scuola primaria) devono avere la possibilità di andare nella ‘loro scuola’ per rafforzare il senso di appartenenza alla comunità, i ragazzi della scuola secondaria di primo grado possono così avere occasioni di confronto e apprendimento diverso e da qui nasce l’idea dello scambio con la scuola di Chiusaforte». Con altrettanta convinzione, però si è data la risposta: «Fuori dalla scuola non c’è salvezza – sintetizza la sindaca -. Vorremmo che questo percorso potesse essere visto dall’interno del territorio montano regionale quale occasione di sperimentazione e proposta di redazione di un protocollo educativo applicabile a tutte le analoghe realtà territoriali, anche partendo da realtà vicine, come quelle di Naturpark Volkschule Doebratsch, in Carinzia. Con un’offerta formativa legata ai saperi della gente di montagna, all’outdoor education, non solo scienza della natura, ma anche apprendimento sensoriale ed educazione emotiva saranno alla base dell’offerta didattica. Un bambino che cresce apprendendo in un contesto come quello montano, dove tutto diventa materia di insegnamento diventerà un adulto più consapevole; la bellezza della Val Resia con i suoi usi, la sua lingua, la sua musica e la sua danza faranno il resto. Esistono già realtà anche a noi vicine che investono molto su questo aspetto».

Prosciutto di San Daniele DOP: EXPORT IN FLESSIONE

I dati di mercato del Prosciutto di San Daniele riferiti al 2020 registrano performance in linea con le attese del comparto alimentare, nonostante una flessione dell’export, il prodotto si è confermato come uno dei principali driver del settore alimentare italiano. 

La produzione totale del Prosciutto di San Daniele DOP nel 2020 è stata di 2.546.000 cosce avviate alla lavorazione, provenienti dai 54 macelli che trasformano la materia prima fornita dai 3.641 allevamenti italiani autorizzati. Rispetto alla produzione totale, il 18% è stato destinato al mercato estero, mentre il restante 82% al consumo interno. Il fatturato totale ha raggiunto i 310 milioni di euro

Pur registrando una flessione di qualche punto percentuale nelle vendite all’estero, causata dalla pandemia in corso che ha ridotto le esportazioni, i dati export rivelano risultati interessanti, a testimonianza del riconoscimento mondiale del San Daniele DOP, attestando le vendite a un totale di circa 4 milioni di chilogrammi di prodotto indirizzato al mercato extra Italia. Il 57% delle quote totali è stato destinato all’Unione Europea. 

Le quote più rilevanti per l’esportazione confermano, in ordine: la Francia con il 26,1% del mercato, gli Stati Uniti con il 16,5%, la Germania con il 15,3% e, ultimo paese in doppia cifra, l’Australia con il 12,3%. Seguono il Belgio (6,1%), la Svizzera (5,7%), l’Austria (2,2%) e in misura inferiore Brasile, Canada, Giappone, Regno Unito, Lussemburgo e Olanda. 

Segnali di apprezzamento arrivano anche dalla crescita dei mercati dell’est Europa. Si registra infatti un positivo incremento, rispetto allo scorso anno, in Romania (+194%), Polonia (+82%), Slovenia (+49%), Ucraina (+46%) e Repubblica Ceca (+15%). 

Il totale della produzione delle vaschette di pre-affettato registra un trend in costante crescita con oltre 21,3 milioni di vaschette certificate, pari a 398.968 prosciutti, per un totale di oltre 1,85 milioni di kg. Di queste il 22% è stato destinato all’estero. 

INFOSTAR: FUCINA DEI POSTI DI LAVORO DEL FUTURO

Infostar, azienda friulana dell’hi-tech punta ai cosiddetti lavori del futuro.  ‘Ci riteniamo una “piccola Microsoft” afferma uno dei soci, Luca Noacco.  Stiamo vivendo un momento favorevole, in cui la trasformazione digitale delle aziende è sottoposta ad una grande accelerazione, dovuta anche alla pandemia. 

La società in genere ha capito cosa è possibile fare con il digitale, in tutti i settori. In particolare, il passaggio al cloud, semplifica e velocizza di molto alcune procedure IT, un tempo molto complesse. Il cambiamento sarà ancora più veloce nei prossimi dieci anni con l’avanzare di tecnologie come l’intelligenza artificiale, che contribuirà a generare decine di milioni di nuovi posti di lavoro su scala globale mandando contemporaneamente in pensione alcune professioni ormai obsolete.

Otto lavori su dieci, nel campo tecnologico, cambieranno da qui ai prossimi dieci anni. Quindi, investire nella formazione e nell’occupazione nel campo dell’IT, pare essere sempre e comunque una buona scelta. 

Le opportunità lavorative che si creano sin da subito e per il futuro, saranno basate sulle capacità e le competenze per organizzare e rendere disponibile il cloud, l’intelligenza artificiale ed altre nuove tecnologie a favore delle aziende clienti. Questo obiettivo ha il duplice scopo di aumentare i posti di lavoro e contribuisce ad accelerare la digital transformation delle aziende clienti. 

‘Studiare, impegnarsi e soprattutto essere curiosi ed appassionati delle novità tecnologiche. Con la passione, oltre che le competenze, si riesce ad avere quella marcia in più per farsi notare nel panorama lavorativo in continua evoluzione. Anch’io personalmente mi porto dentro la passione per l’innovazione tecnologica fin dai tempi dall’Università e sono certo che, anche in futuro, essa continuerà ad essere una delle mie migliori compagne di viaggio. Siamo pronti per gettare le basi per il futuro delle nuove professioni. Infostar è e sarà una fucina a questo riguardo. Qui, getteremo le basi. Io, continua Noacco, sono entrato in Infostar, come socio, nel 2006, dopo gli studi di ingegneria elettronica e due esperienze in aziende diverse, ora ricopro il ruolo di operation manager e Cfo e sono orgoglioso del percorso che ho fatto e che sto facendo assieme a Cristian Feregotto’ conclude Noacco.