I MISTERI DELLE ERUZIONI SOLARI SVELATI DA METIS, STRUMENTO ITALIANO NELLA MISSIONE ESA

I MISTERI DELLE ERUZIONI SOLARI SVELATI DA METIS, STRUMENTO ITALIANO NELLA MISSIONE ESA

(Ti Lancio dal Piemonte) Torino 13 settembre 2022 – Ci stiamo avvicinando significativamente alla comprensione dell’origine dei misteri del Sole. In una foto, realizzata da immagini composite, è mostrato per la prima volta lo switchback solare, un fenomeno magnetico che accade sulla superficie della nostra stella. La struttura blu e bianca che si estende verso sinistra è la propagazione delle perturbazioni del campo magnetico nella corona solare. 

La prova del fenomeno è possibile grazie a uno degli strumenti a bordo della sonda Solar Orbiter dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), un programma di osservazioni scientifiche che per la prima volta si svolge alla distanza più prossima: 0.28 UA (dove 1 UA è la distanza fra la Terra e, appunto, il Sole). 

METIS (ph. credit INAF)

Lo strumento chiave è METIS, un coronografo tutto italiano, fra gli altri 10 presenti a bordo della sonda. Progettato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) con le Università di Firenze e di Padova e con il Cnr-Ifn (Istituto di Fotonica e Nanotecnologie), per l’Agenzia spaziale italiana (ASI). METIS – spiegano i ricercatori INAF – è un coronografo: “crea un’eclisse artificiale, occultando il Sole per osservarne la corona”.

Daniele Telloni dell’INAF di Torino è primo autore dello studio. “La prima immagine di uno switchback nella corona solare – ha detto l’astrofisico – ha svelato il mistero della sua origine. Continuando a studiare il fenomeno potremmo riuscire a far luce sui processi che accelerano il vento solare e lo riscaldano a grandi distanze dal Sole”.

Solar Orbiter prosegue adesso nella serie di passaggi ravvicinati in programma: il prossimo accadrà il 13 ottobre 2022. 
(MARIFRE)

Ph credit: Esa & Nasa/Solar Orbiter/Eui & Metis Teams and D. Telloni et al. (2022)

Leave a Reply

Your email address will not be published.