In evidenza

ICT FVG: GROWING, QUALIFIED, ALONGSIDE COMPANIES DURING THE PANDEMIC

A well-diversified sector in terms of the outlet sectors served, with the forecast of a positive sales volume, in tune with the history of the last decade when, from 2009 to 2019, this world grew by 8.8% in terms of active locations and consolidated the expansion paths of the companies born in the early 2000s, the golden age of “dot.com” companies.

This is how the ICT entrepreneurship in Friuli Venezia Giulia is presented in “FVG Digitale – Le imprese digitali in Friuli Venezia Giulia, Report 2021”, the first systematic report dedicated to this area promoted by the Ditedi Cluster, realized with a joint work between professors of the University of Udine and the University of Trieste and whose presentation is scheduled for Thursday, July 8, at 5 pm online at .

at www.fvgdigitale.ditedi.it.
The document analyzes in the multiplicity of its aspects a sector that became even more crucial during the Covid-19 pandemic.

The survey at the base of the Report involved about one hundred ICT companies in Friuli Venezia Giulia, active in the production of hardware, software and services. The data were collected through a survey between July and November 2020 acting on a large scale – companies with turnover between 250 thousand and 50 million euros -, which were accompanied by twelve in-depth interviews to as many entrepreneurs.

The picture that emerges from the report is very varied. From the point of view of human resources, the ICT sector stands out for the high presence of personnel with a high level of education, with an average percentage of 36.1% of employees in the sample. Degrees in IT disciplines (present in 70% of companies) and economic/legal disciplines (present in 40% of companies) prevail, but specializations in humanistic areas are also evident, present in 30% of companies. Few women still work in the sector; within the sample surveyed, on average, they account for 19.5%. A low figure, but still in line with the values recorded at European level (European Commission (2021), Women in Digital Scoreboard 2020, https://digital-strategy.ec.europa.eu/en/library/ women-digital-scoreboard-2020).

Companies with between 10 and 25 employees represent the largest group (44.2%), but the component of medium-large companies (with more than 50 employees) is also significant, i.e. 9.3%. Forty-two percent of the average turnover is produced in the region, 48.4 percent in the rest of the Italian market, while direct export represents less than 10 percent.

“The work carried out by the professors of the Universities of Udine and Trieste is fundamental to understand the state of the art of the Ictregional sector – says the project manager of the Cluster, Francesco Contin – We wanted to take a picture of what exists, also in the light of the impact that Covid-19 has had on the economy. The analysis conducted has allowed us to better frame the size and economic scope of the sector, investigating the dynamics of growth and strategies for approaching the market, and provides us with some food for thought that will be useful in setting up future support actions and intervention policies”. Among these, above all, “the training of the new generations, also and above all female – continues the director -, with still few high school and university graduates to meet the current and future needs of companies and the managerial training of entrepreneurs themselves that affects the dynamics of growth and internationalization of companies and the ability to attract and enhance the skills and talents available, through corporate welfare and staff retention policies, for example”.

The Report also focuses on the behavior of ICT companies during the period of the pandemic, to conclude that with regard to the business model in this period companies seem to have played “in defense”, marginally modifying their model. Instead they have played “on the attack” alongside their customers, helping them to rethink their ways of working and selling remotely.

The report promoted by Diredi is the first of its kind and is destined to be followed up. “With the support of Regione Fvg, Ditedi has the intention and the objective of not leaving this event isolated – confirms Contin -, but of continuing with the activity of analysis, deepening some points and aspects of the study carried out. The idea is to create a fixed appointment (annual or biennial) to monitor the state of health and the growth of the sector and to bring out the points of excellence and the needs of regional ICT companies”

In evidenza

NAUTICAL ACADEMY OF TRIESTE, IN SEARCH OF NEW ‘SAILORS’

The Nautical Academy of the Adriatic, born in 2015 in Trieste, currently the busiest port in the country, as an Its dedicated to high professional training in the port maritime sector, continues its rise. And its students after training easily find work being often already recruited during the training period. So much so that this year, in addition to the courses that have already begun and are already well established, there will be a course on cyber security.
These are the courses that will start in October of this year: the one for train drivers at the headquarters of Gorizia, for technicians for logistics, in Trieste and Pordenone, for technicians of naval design and production, in Trieste, for trainee officers of deck and machine, in Trieste, and, the novelty, the one for systems expert in cybersecurity, in Trieste.
“The academy – explained the director of the educational institution in Trieste, Bruno Zvech – is certainly a key element in the port cluster of Trieste, inserted in a region, Friuli Venezia Giulia, which is a formidable logistics platform. We speak of a cluster to the vanguard and to the step with the times that follows with attention the next-future developments tied to the energetic efficiency, to the computer game, passing for the automation and the robotizzazione. In this context – it has continued Zvech – the academy carries out its role of formative infrastructure of high range with a national breath, above all tied up to the Adriatic, because there are not many similar realities in our Country”.
A sector, the maritime port one, which, as explained by Zvech, “despite the very difficult period linked to the pandemic, has held up, indeed I must say that from the point of view of intermodality, the logistics mechanism in this country has been able to hold up, with wide margins for future development.
And in the face of this current and future development, it goes without saying that there will be an increasing need for highly specialized personnel, with a very high demand for technicians. Therefore, the validity of our mission is confirmed”. The Academy debuted over six years ago with the deck officer cadet course, which is increasingly involved in interesting developments: “at the moment – explained the director of the academy – we are getting positive feedback regarding the embarkation of our students on passenger ships.
This is also an evolution because until now we only did the merchant with Italy Maritime that is our main partner. Another successful course is the one that trains technicians for logistics, which is held in Trieste and Pordenone Interport, one of the most important infrastructures in the northeast, where the railway operator Upac operates and with whom excellent relations have been established.
Other courses that represent the backbone of the Trieste institution are the course for designers, created at the instigation of Fincantieri but which then expanded to include collaboration with a large number of professionals, and finally, the last course created last year, for shunting line railway drivers, which is based in Gorizia and which has met with considerable success: “With our partner Adriafer – explained Zvech – we are managing continuous permanent training”. Now for the director of the Academy “it is necessary to sound out new areas.
And for this reason, we will start with a two-year course for system technicians of cyber security, which will be coordinated by Ivano Di Santo, cyber security officer of the Port Authority of the Eastern Adriatic, and we have already set up a network of high-level teachers. Half of the course will be held in English”.
As proof of the strong interregional projection of the Academy, 18 apartments for a total of 34 beds are available for “off-site” students in two buildings in the historic center of Trieste, a few meters from the sea and not far from the Academy’s headquarters in Via von Bruck, a stone’s throw from the Port Authoriy. In addition, the status of the students is equivalent to that of a university student, with discounts on transportation, cinema, theater, use of libraries, as well as the agreement for meals in affiliated establishments.

In evidenza

FARMING: NEVER AGAIN WITHOUT AI

An agriculture 4.0, more and more advanced and attentive to sustainability. This is one of the missions of the Digital Innovation Hub for Agriculture and Food Production – DIH Agrifood, a digital cluster connected to agriculture that is based in Murska Sobota, Slovenia, and that for the last six months has included among its members Video Systems of Codroipo (Udine), active in the field of vision and artificial intelligence and in quality and process control.
“In this cluster – explains Alessandro Liani, CEO and R&D technical director of the Friuli-based company – they have begun to map all the European realities that produce digital technology for the world of agriculture. A large geolocalized database has been created so that the agricultural sector and related research can interact and fully understand the potential that exists in Europe. The cluster is becoming a sort of European reference for the digitalization of the agricultural and food world. The advantages that can derive from the digitalization of production processes in the agricultural sector lie, according to Liani, “above all in the possibility of collecting data that can be used for future analysis. This means the possibility of setting up predictive systems that allow, over time, to improve the production process. Moreover, the digitalization of processes, besides optimizing them, leads to a reduction in process costs. We have already experienced this in the industrial manufacturing sector and in the same way this will also impact the agricultural sector, perhaps with even more important repercussions given that processes have even higher margins for improvement”. Moreover, a better management of natural resources is foreseen, i.e. a better use of the land and a saving of water: “predictive treatments, possible through data analysis, will allow to improve production processes, replacing the programmed ones.” Video Systems brings to the cluster its experience gained over the years: “For years – underlines Liani – we have been developing some technologies that can be used in the agri-food sector. In 2007, for example, we developed systems for the automatic search of white asparagus on, in collaboration with a farm in the Prata di Pordenone area, which led to the creation of a robot that runs between the rows, recognizes the white asparagus and automatically extracts it. In this case, we only dealt with the part related to artificial vision, while the robotic and mechanical part of the rover was developed by another company”. Over the years there have been further developments: “from 2014 to 2018 we have been involved – always Liani – in projects in the field of aquaculture, in particular with regard to the selection of fry, through a system, made by us in its entirety, through which the fry end up on a ribbon, are photographed on both sides for the recognition of the caliber and to trace those that may have morphological malformations, in order to eliminate the non-compliant fry from the production cycle before its maturation. The idea is to make a selection as soon as possible in order to have a production that has an impact on energy and resources as limited as possible. I want to underline – remarks Liani – that we have reached a product selection capacity of over 95%, a very good percentage”. But which are the users and therefore the potential customers? Certainly the immediate users, i.e. large agricultural companies and those linked to aquaculture and fish farming. But not only: “we are trying to intercept the manufacturers of machines in the agro-alimentary sector.

In evidenza

VLADIMIR PUTIN IN FVG ON VACATION?

Could Vladimir Putin be interested in spending a vacation in Friuli Venezia Giulia? Carlo Dall’Ava (in the pic by Anna Airone), who is Russian honorary consul in Udine, confirms:’Certainly yes. I will do it through the Russian diplomats in Italy. He loves water torrents very much, and practicing in them the different possible sports, as well as he likes forests. Fvg could be very suitable for him”. Putin was born in 1952, and he is president of Russian Federation since 2012. Carlo Dall’Ava is Russian honorary consul in Udine since 2013. Val Resia has been called ‘the small Russian country of Italy’, because of the linguistic link between Resian and Russian.

Pandemic. The customs that arose during and after the pandemic, with the associated lockdowns, created a new ‘luxury’. But what is luxury? Many say that it is, in a nutshell, the time we have available. The time we have left to live. The raging death by Covid has perhaps made us more appreciative of our time and how best to spend it. Time that must be of quality. Carlo Dall’Ava, a well-known entrepreneur linked to the production of the well-known prosciutto in San Daniele del Friuli (Ud), confirms how and how much, in this historical moment, Friuli Venezia Giulia can be better and even more appreciated. How? And above all, why more now, than before? Because it is still a ‘wild’ region and in many ways, not yet explored, as it could be. Few inhabitants on a particularly extensive territory between sea, mountains and hills.

Today, more than ever, luxury is represented by enjoying one’s time in unique environments, little frequented. Services are lacking in some places. Even if things are improving. Then there is everything that can fulfill this prevailing desire to enjoy one’s own vacation time, in the beauty of nature, eating well, and far from mass attendance. A new sobriety of living the time of leisure, the so-called free time. The concept of free time is perhaps an obsolete one. All time, even working time, should be under the banner of quality and freedom.

In evidenza

CYBERSECURITY: INFOSTAR (IT) ‘IS ONE OF OUR GOALS’. ROUND TABLE WITH SIAGRI

Cybersecurity, between technology and ongoing training of people in the company to avoid fatal errors on computer systems; Cloud as a secure solution for the management and storage of their data; efficient and effective services, because companies have no other concern but to focus on their core business. And then a now incontrovertible assumption: the pandemic, if there was any need, has made clear the inescapability of digitization. Better if it is carried out with the support of subjects that have a history in the area, are permanently present and, by constantly innovating, have proven to be credible and reliable.

These were the central themes developed during the meeting between entrepreneurs that was attended by Roberto Siagri, Cristian Feregotto and Luca Noacco, partners and administrators of Infostar, based in Tarcento (Ud), which since 1999 has specialized in the supply and integration of IT solutions for the benefit of businesses.

And it was this mission, the advantage for businesses, that drove the discussion on the digital future. “Cybersecurity is a fundamental issue for every company, whether large or small,” Siagri stressed, “and it’s certainly not worth saying, ‘It doesn’t happen to me or no one comes in here’. It is necessary to be fully aware that those who do not protect their connection system are like turning on a beacon in the Net. It is easy to deduce that – continued Siagri – it becomes an excellent target for ill-intentioned people. Who usually make themselves noticed when they have already done a lot of damage, for example extracting already everything they were interested in. Only then, it happens more and more often, they block everything asking maybe the ransom and sealing an already very important damage”.

Technological systems, however, are not enough on their own to guarantee security. “In most cases, it is human error or superficiality that opens the door to hackers,” Siagri continued. “It follows that a widespread culture of consistently safe behavior in the company is essential.

In order to build effective responses for corporate security, it is necessary to have an overall view of the problem, from the analysis of the state of the art, to the application of technology and training, to the periodic control of the system. An approach that, if it guarantees the user company to have a single interlocutor specialized on several fronts, allows the proposing company to grow in a systemic way, at the service of the territory. This is exactly the path Infostar is pursuing, highlighted Feregotto and Noacco, whose plans for 2021 include, among other things, the acquisition of new figures to continue to expand the know-how to be made available to the productive fabric of Friuli Venezia Giulia. This is in addition to the many services designed to ensure, for example, business continuity – such as Argo supervisor and Assistant service – or those developed in the pandemic period to train technicians and end users, thanks to the Level UP academy, with respect to innovative platforms and software solutions to support remote work.

Infostar’s growth is based on competences: “Enterprises have an increasing need for digitalization and, usually – considered Siagri, looking at his entrepreneurial life – we turn to the subjects that have been able to conquer and preserve our trust. Yes, trust is undoubtedly an added value”.

With an eye on “the future and the unprecedented, Infostar remains open to sifting and developing ideas and collaborations that can give a competitive advantage to the companies of Friuli Venezia Giulia,” – concluded Feregotto and Noacco.

Technological systems, however, are not enough on their own to guarantee security. “In most cases, it is human error or superficiality that opens the door to hackers,” continued Siagri, “It follows that a widespread culture of consistently safe behavior in the company is essential.

In order to build effective responses for corporate security, it is necessary to have an overall view of the problem, from the analysis of the state of the art, to the application of technology and training, to the periodic control of the system. An approach that, if it guarantees the user company to have a single interlocutor specialized on several fronts, allows the proposing company to grow in a systemic way, at the service of the territory. This is exactly the path Infostar is pursuing, highlighted Feregotto and Noacco, whose plans for 2021 include, among other things, the acquisition of new figures to continue to expand the know-how to be made available to the productive fabric of Friuli Venezia Giulia. This is in addition to the many services designed to ensure, for example, business continuity – such as Argo supervisor and Assistant service – or those developed in the pandemic period to train technicians and end users, thanks to the Level UP academy, with the aim of improving the quality of the service.

In evidenza

Grappa IG, supply chain project in FVG. TOSOLINI BRAND

Grappa, the Friulian IG grappa, the European brand that defines, designates, presents and labels certain “spirit” drinks, which thanks to a project between seven winemakers from the Karst region and the Camel distillery, leader of the project, which includes the historic distillation brand Bepi Tosolini, is now also a little bit Giulian. Certainly it is even more so than Friuli Venezia Giulia. “A supply chain project started by the tenacious winegrowers of the Carso – illustrated Lisa Tosolini marketing director of the distillery of the same name – which we joined with pleasure because it gave us the opportunity to enhance the product and to be able to include the wording “grappa friulana” on the label”. A perfect meiosis between vintners and producer, all from the territory. “Two distant realities, Friuli and Venezia Giulia, with its Karst – explained Tosolini – that even if morphologically they may appear distant, have found a meeting point in a product part of the regional tradition. It’s a case of saying that “union is strength”. We have, in a certain way – Lisa Tosolini goes on (in the pic, by Anna Airone) – created a sort of bridge that has allowed us to arrive together at the goal that has led to the valorization of autochthonous vines and to the birth of the Friulian Grappa supply chain that is part of our history and our traditions”.
We are talking about a supply chain project, precisely the one related to Grappa Friulana IG, created to improve the production techniques of agricultural products, aimed at reducing the environmental impact during production and processing, with the aim of obtaining high quality products, handcrafted, with zero environmental impact, and 100 percent made in Friuli Venezia Giulia. Among the participants of this project, besides Bepi Tosolini, there are the karst viticulturists, Kante, Skerk, Zidarich, Parovel, Lupinc, Milic and Skerlj, famous names of karstic enology thanks to some autochthonous vines they turned into stars of quality enology, such as Vitovska. Winemakers who, after the vinification process – this is the fundamental step – according to the project, give 80% of the pomace to the leader of the project which takes care of the distillation process as well as the sale of the finished product.
A grappa produced, therefore, with regional pomace, in particular from Karst, to underline the regional nature of the product.
Among the objectives of the project there are the increase of the competitiveness of the aggregated companies on regional, national and international markets, the improvement of viticultural techniques, sustainable viticultural cultivation techniques, the study, development and implementation of innovative solutions related to the production of wine products and related processed products and common projects and investments related to the environmental improvement of production processes and the quality of wine productions and related processed products.
“The project – as informed by Claudio Cescutti, consultant and coordinator of the project – started in 2018 and will end in October this year, was born thanks to the synergy between the winemakers of the Karst and the distillery Bepi Tosolini.
With a supply chain call on PSR-FVG, 9 subjects were financed, namely the 7 winemakers, Camel and the KRAS-CARSO-CAMEL network, which is the owner of the promo-marketing project. As of today, all the agricultural projects and the distillery project have been closed, while the network’s project for promo-marketing remains open. The total cost of the project is 2 million 568 thousand euros against funding of 1 million 330 thousand”.

In evidenza

DALL’AVA BAKERY: QUEST’ANNO UNA COLOMBA PER LA SPERANZA

Dalle valli del Natisone “planano” sulle tavole pasquali due nuove referenze tra i lievitati del marchio “Maria Vittoria” della Dall’Ava Bakery. Questo anno, più che mai, il significato delle colombe evoca la speranza, come mai prima.  Sono le colombe alle clementine candite e glassa al cioccolato bianco e quelle alle albicocche candite e glassa con le mandorline. Le due novità vanno ad aggiungersi alle due colombe tradizionali alle arance candite e glassa alle mandorle di Noto e quelle alle amarene candite e alla glassa alle nocciole del Piemonte. Sono quattro, quindi, le referenze disponibili quest’anno – sfornate dal forno di Ponte San Quirino, frazione di San Pietro al natisone (Udine) – frutto della creatività del pasticciere Sergio Pontoni che utilizza il lievito madre, conservato in acqua e con tre rinfreschi prima dell’uso, abbinando la farina macinata a pietra del Molino Quaglia, il top che c’è sul mercato. Per quel che riguarda uno degli ingredienti che più caratterizzano il lievitato, vale a dire i canditi, sia le clementine, che arrivano dalla Calabria, che le albicocche, sono preparate appositamente  dal maestro Morandin di Sain-Vincent, in Valle d’Aosta, che attua procedimenti di lavorazione che mantengono invariate le caratteristiche organolettiche e nutrizionali. Ma come nasce una colomba “Maria Vittoria” della Dall’Ava Bakery? Sono cinque gli impasti, si comincia “rinfrescando” il lievito madre nel corso della mattinata, e poi, pian piano, agli impasti si aggiungono gli ingredienti. Nell’ultimo passaggio vengono aggiunti i canditi, il burro belga e le uova fresche per arrivare, infine, al prodotto finito. Non viene utilizzato nessun aroma artificiale. Per acquistarle è possibile farlo attraverso lo store on line https://prosciuttocompany.com. Infine, anche l’occhio vuole la sua parte: per quel che riguarda le confezioni: il fiocco di raso  abbellisce ogni confezione. Per chi volesse regalarle è a disposizione una confezione rigida nella classica livrea bianca e nera.

In evidenza

EUROLLS, LA FORZA DELLA FIDUCIA: ANCORA INVESTIMENTI SU IMPIANTI STRAORDINARI

E’ stata installata la nuovissima linea produttiva della Eurolls di Attimis (Ud), nel plant produttivo di Villa Santina, dove avviene il trattamento termico dei rulli. Eurolls è nota per  la produzione di rulli in acciaio e carburo di tungsteno. Un settore di nicchia, nel quale e per il quale, l’azienda guidata da Renato Railz (nella foto con Matteo Querini) eccelle, con sussidiarie nel mondo intero. Gli impianti nuovi sono tre, e sono già in funzione, per 2 milioni di euro di investimento.  

Si è composta così in Carnia, una nuovissima linea produttiva che va ad integrarsi con quella attuale risalente a 15 anni fa, con un incremento notevole della capacità produttiva: di circa il doppio. 

Gli impianti , completamente automatici, godono di cicli di lavorazione estremamente controllati grazie agli innovativi sistemi installati. Vengono lavorati pezzi di dimensioni e pesi molto importanti, ai limiti di quelle che oggi sono le esperienze a livello mondiale sul trattamento di questi particolari acciai.

Anche l’installazione degli impianti, visto la loro dimensione, è stata molto impegnativa. Si tratta di un unicum a livello nazionale per il trattamento speciale di acciai per utensili. 

Nei due stabilimenti di Villa Santina operano 55 addetti. L’intero gruppo conta  149 dipendenti e registra 30 milioni di fatturato. Con filiali in Messico, Brasile e Cina.

‘Sono fiducioso nel futuro, sento la speranza – spiega Railz – stiamo tutti vivendo un momento difficile, ma l’economia sta ripartendo. Guardiamo avanti con questo investimento in un’ottica di salvaguardia ed incremento dei posti di lavoro, insieme ad un mercato che, a livello internazionale, sta ripagando le nostre fatiche ed i nostri investimenti’.

L’azienda punta ad un incremento degli addetti, e questo nuovo linea produttiva conferma la scelta della Carnia, e quindi della montagna (Carnia Industrial Park) come luogo adatto alla produzione. 

In evidenza

MONTE LUSSARI IN ZONA ROSSA: DA CARTOLINA

Fotonotizia. Il Monte Lussari (1790 metri, Tarvisio Udine) in zona rossa, come non si era mai visto. Con una ancora consistente coltre di neve, si presenta vuoto di sciatori o amanti della nota sommità, con clima invernale.

La telecabina che porta in quota è aperta solo per le squadre di atleti agonisti che devono allenarsi sulla ben nota pista Di Prampero.

La pista si presenta ben innevata fino a fondovalle. Ques’anno, in una situazione non pandemica, si sarebbe potuto sciare anche per Pasqua, attività rara, negli ultimi anni.

La galleria di immagini in una giornata di clima piuttosto mite, anche in quota.

In evidenza

EUROTECH E COOP BILANCIAI, IL ‘PESO’ DI UNA PARTNERSHIP DI SUCCESSO CHE INIZIA LUSTRI FA

Quando l’innovazione è continua, la soddisfazione è reciproca e i rapporti di partnership durano anni e anni, senza soluzione di continuità.

Può essere raccontata così la storica collaborazione che lega l’azienda internazionale Eurotech, con sede centrale ad Amaro (Ud) in Friuli-Venezia Giulia e la Società Cooperativa Bilanciai di Campogalliano (Mo), realtà all’avanguardia, in grado di esaudire ogni richiesta di pesatura, dai componenti di una ricetta galenica sino ai vagoni ferroviari.

La vocazione di Eurotech allo sviluppo e produzione di computer miniaturizzati e computer ad elevate prestazioni trova un originale e variegato mondo d’applicazione nel mondo della pesatura; Bilanciai trova nella multinazionale tascabile dell’hi-tech il partner per le risposte più complesse e per le domande che il mercato comune si farà solo tra qualche tempo, consentendo così un buon margine competitivo. 

«È stato un felice incontro che ha trovato anno dopo anno l’intesa e la sintonia per alimentarsi e proseguire», sottolinea il presidente della Società Cooperativa Bilanciai, Enrico Messori, «con Eurotech l’intesa è sempre un obiettivo perseguibile».

Marco Polo, responsabile della divisione industriale di Eurotech: «Il consolidamento dei rapporti tra le aziende è un aspetto particolarmente significativo per la crescita di ogni realtà. Spesso, sono la conoscenza sempre più approfondita l’una dell’altra e la fiducia reciproca all’origine di sperimentazioni vincenti, di svolte innovative, di scommesse tecnologiche per il futuro ».

Cooperativa Bilanciai è nata nel 1949 e, grazie all’intuizione, al coraggio e alla passione di un piccolo gruppo di operai, nel tempo si è specializzata nella progettazione, produzione, vendita e assistenza di sistemi di pesatura e controllo, declinati in una pluralità di soluzioni. Ha acquisito progressivamente posizioni di leadership sui mercati italiani e poi internazionali grazie alla capacità di essere tra i protagonisti di cambiamenti tecnologici che per il settore sono stati letteralmente epocali, come la produzione di celle di carico, di terminali elettronici e lo sviluppo di software dedicati. L’intelligenza artificiale e la gestione dei big data rappresentano l’attuale sfida tecnica che soddisferà le nuove esigenze dei clienti sempre più proiettati nella dimensione digitale. Il 1999 è l’anno di fondazione del gruppo internazionale Bilanciai Group che si compone di dieci società controllate e partecipate di cui quattro sono industrie di fabbricazione e le restanti commerciali. Nove hanno sede nel continente europeo, una negli Stati Uniti. Il gruppo realizza un fatturato di oltre 70 milioni di euro e offre lavoro a 430 persone.

Eurotech è impegnata come fornitore di edge computer e di soluzioni per l’Internet of Things. Ha una presenza globale grazie a sedi operative in Europa, Nord America e Giappone.

In evidenza

SCHNEIDER, FEDERALBERGHI FVG: ‘ORA NON CI RESTA CHE AVERE FIDUCIA’

«Non basta per ripartire, ma aiuta. E poi sono fiduciosa. La gente ha voglia di uscire, di riprendersi spazi ed esperienze. Ora è meglio star chiusi un giorno in più che in meno, pur di ripartire, poi, una volta per tutte».Paola Schneider, presidente di Federalberghi Fvg, commenta così il decreto Sostegni che il Governo Draghi ha varato venerdì e guarda con rinnovata positività ai mesi che verranno.«I ristori non sono granché, sia chiaro, variano dall’1,5 al 5% sul fatturato perso l’anno scorso – precisa la presidente -. Tuttavia, è vero che per il turismo sono previsti diversi canali di intervento. Uniti ai ristori della Regione, che ha agito con un occhio di riguardo nei confronti del turismo, possiamo dire che qualcosa è stato fatto. Come ha detto il Governo presentando il provvedimento – aggiunge -: è un primo passo, non la risposta definitiva».Schneider condivide con Draghi la certezza che valga la pena sostenere il comparto perché «il turismo tornerà a essere un’impresa prospera», archiviata la pandemia. La presidente ha in memoria i weekend di febbraio 2021, quando gli alberghi avevano potuto restare aperti nelle zone di villeggiatura: «Le persone c’erano ed era evidente la necessità di uscire, di tornare a una vita di normalità. Sono convinta anch’io che si riprenderà».È necessario, però, agire con in modo adeguato. Per questo la presidente di Federalberghi conferma «la validità del passaporto vaccinale per mobilitare il flusso turistico o l’attestazione di un tampone negativo recentissimo». Necessario, inoltre, «implementare la campagna vaccinale, coinvolgendo anche gli operatori turistici. Ciò ci consentirà di poter giocare la carta della sicurezza sul fronte promozionale, quella che l’anno scorso è riuscita a dare al Friuli Venezia Giulia una stagione estiva decente».Sono questi gli strumenti per guardare al futuro. Auspicando una loro applicazione accelerata, Schneider è pronta a dire: «Meglio rimanere chiusi un giorno in più che in meno, pur di ricominciare senza doverci fermare di nuovo. Pensavamo di non aver abbastanza pazienza e invece stiamo scoprendo di averla infinita».Sul più lungo periodo, comunque, «serviranno sostegni qualificati per importanti interventi di ammodernamento e adeguamento delle strutture. Attendiamo il superbonus del 110% anche per le categorie commerciali inserito nel Recovery plan – esemplifica Schneider – e poi le linee di supporto bancarie, i finanziamenti regionali e gli interventi su più fronti per garantire ai turisti sicurezza e affidabilità».Il comparto turistico è atteso a nuove sfide, dunque, dopo il ciclone Covid 19, ma è pensando a questi scenari che Schneider si dice «fiduciosa nella ripresa».

In evidenza

MOLO17: L’APPROCCIO DEL DESIGN THINKING CENTRATO SULLE PERSONE

MOLO17, parte della Holding The Harbor è una software house che sviluppa soluzioni software personalizzate e servizi end-to-end con sede a Pordenone, in Friuli Venezia Giulia. La software house pordenonese offre un percorso condiviso, strutturato e flessibile allo stesso tempo, strutturato su cinque passi finalizzati alla Trasformazione e Innovazione Digitale che partono dalla generazione dell’idea dirompente sino alla sua implementazione dentro l’azienda così come fuori: concept, design, development, deployment e counseling.

“Data l’importanza strategica dei progetti di innovazione e la complessità di trasformazione digitale che impatta nella relazione tra l’azienda e i suoi clienti come anche a livello organizzativo e dei sistemi informatici di supporto – spiega Daniele Angeli (nella foto), Ceo di MOLO17 – il mio consiglio è quello di intraprendere un processo di Design Thinking, ovvero l’approccio, la modalità di pensiero, la cultura centrata sui bisogni delle persone che è alla base della trasformazione digitale, e una gestione dell’iniziativa Lean/Agile per acquisire flessibilità e reattività nella gestione interdisciplinare tra tutte le figure di business (cliente, consulenti) e tecniche (team di progettazione) impiegate”.

Il Design Thinking è “uno dei più moderni modelli manageriali di gestione aziendale – specifica Andrea-Massimo Valcher, CMO di MOLO17 – particolarmente adatto a semplificare e dunque a trattare problemi complessi dall’esito incerto e che comportano rischi decisionali”. Per il manager della realtà innovativa pordenonese, “implementare il Design Thinking nel proprio stile gestionale significa muoversi nella direzione del Design Management, ovvero adottare metodi e strumenti, tipici del mondo del design utili a quello del business, per comprendere e portare innovazione efficace a differenziare l’azienda nel mercato. “Quello che proponiamo – precisa Valcher – è di seguire metodologie di lavoro che facilitino la semplificazione, stimolino la creatività e l’innovazione, e supportino i processi strategici aziendali”.

Parliamo quindi di uno strumento che, innanzitutto, coinvolge consumatori, utilizzatori, progettisti e manager in un processo integrato con un metodo che consente di immaginare scenari futuri e portare prodotti, servizi, esperienze al mercato con efficacia. Utile a crescere, anche e soprattutto in tempi di crisi.

A questa metodologia efficace, MOLO17 e le altre aziende del gruppo The Harbor affiancano la loro digital expertise e la integrano nel proprio modello consentendo a chi intraprende questo percorso di fare vera propria Digital Innovation & Transformation e non solo sterili operazioni consulenziali.

Come viene utilizzato il Design Thinking da MOLO17 per creare valore e supportare le realtà aziendali? “Le aiuta a riprogettare il proprio modo di pensare – spiega Valcher – con un approccio centrato sulle persone per creare prodotti, processi e servizi digitali che siano efficaci, che piacciano, che siano utili e usabili bilanciando i tre requisiti chiave per fare davvero innovazione, ovvero: desiderabilità umana, fattibilità tecnologica e possibilità economica”.

In evidenza

RESIA, MICELLI: ‘VOGLIAMO LA SCUOLA NEL PARCO’

La scuola in montagna «diventa lo strumento per la sopravvivenza delle rispettive comunità», perché «il volere mantenere la montagna friulana viva e abitata non può essere disgiunta dall’offerta scolastica nel Comune di residenza».

Sono le convinzioni fondamentali che hanno mosso i Comuni di Resia e Chiusaforte a stringere un accordo per inoltrare alla Regione domanda di finanziamento per realizzare un nuovo plesso scolastico nel territorio di Resia, a favore dei bambini e ragazzi che frequentano la scuola dell’infanzia, la primaria e la scuola secondaria di primo grado.

Così desiderata dalle comunità locali, questa nuova costruzione ha già un nome: «La Scuola nel Parco», a richiamare le radici di questa istituzione nel meraviglioso Parco delle Prealpi Giulie e della Riserva Biosfera Mab Unesco. L’intervento necessita di un finanziamento pari a 4,859 milioni. Un importo inferiore a quello che sarebbe necessario per mettere a norma antisismica e continuare a gestire e manutenere l’attuale polo scolastico di Resia, costruito subito dopo il terremoto per una popolazione scolastica che oggi non c’è più e rende la struttura sovradimensionata e onerosa.

«Abbiamo provveduto a un’analisi tecnica molto puntuale e circostanziata», sottolinea la sindaca di Resia, Anna Micelli, «prima di giungere alla conclusione che l’uso più attento delle risorse e le esigenze odierne suggeriscono la costruzione di una nuovo polo scolastico, piuttosto che il riattamento dell’esistente». La scelta è stata compiuta con il coinvolgimento della popolazione. «È emersa la conferma dell’interesse da parte della popolazione di proseguire verso una tematizzazione della scuola in chiave naturalistica – aggiunge la sindaca – e di promozione delle peculiarità territoriale, con una proposta formativa di stampo naturalistico stabilmente incorporata nella vita della scuola. Dopo una prima assemblea fatta con i genitori e con la comunità, a settembre 2019, si proseguirà in un percorso più marcato di partecipazione e condivisione, in merito all’offerta formativa che sarà alla base della nuova scuola, con il supporto dell’Università di Udine – cantiere Friuli  -, coinvolgendo le direzioni didattiche di Trasaghis e Tarvisio oltre che le famiglie. Non una scuola fatta di muri ma di contenuti, Verrà siglata a giorni una convenzione in questo senso e si apriranno nuovi fronti di lavoro; appena possibile, verranno organizzati incontri per iniziare questo nuovo cammino».

Con la richiesta di finanziamento, Resia e Chiusaforte hanno inviato alla Regione anche un dettagliato cronoprogramma, che prevede l’esproprio dei terreni già a maggio 2021, l’apertura dei cantieri a maggio 2022 e l’inaugurazione della scuola esattamente un anno dopo.

L’area individuata è una porzione di territorio prossima all’attuale scuola. Il nuovo plesso scolastico si caratterizzerà per rispondere a tutti i nuovi requisiti di sicurezza richiesti ed essere espressione dei migliori saperi costruttivi, in quanto a materiali, impianti, benessere termo-igrometrico, ambientale e pedagogico.

Quanto fu costruito l’attuale plesso, la popolazione scolastica contava circa 180 unità. Ora sono una sessantina e la domanda «se non dovesse esserci una nuova scuola» la comunità se l’è fatta. I bambini piccoli (infanzia e scuola primaria) devono avere la possibilità di andare nella ‘loro scuola’ per rafforzare il senso di appartenenza alla comunità, i ragazzi della scuola secondaria di primo grado possono così avere occasioni di confronto e apprendimento diverso e da qui nasce l’idea dello scambio con la scuola di Chiusaforte». Con altrettanta convinzione, però si è data la risposta: «Fuori dalla scuola non c’è salvezza – sintetizza la sindaca -. Vorremmo che questo percorso potesse essere visto dall’interno del territorio montano regionale quale occasione di sperimentazione e proposta di redazione di un protocollo educativo applicabile a tutte le analoghe realtà territoriali, anche partendo da realtà vicine, come quelle di Naturpark Volkschule Doebratsch, in Carinzia. Con un’offerta formativa legata ai saperi della gente di montagna, all’outdoor education, non solo scienza della natura, ma anche apprendimento sensoriale ed educazione emotiva saranno alla base dell’offerta didattica. Un bambino che cresce apprendendo in un contesto come quello montano, dove tutto diventa materia di insegnamento diventerà un adulto più consapevole; la bellezza della Val Resia con i suoi usi, la sua lingua, la sua musica e la sua danza faranno il resto. Esistono già realtà anche a noi vicine che investono molto su questo aspetto».

In evidenza

Prosciutto di San Daniele DOP: EXPORT IN FLESSIONE

I dati di mercato del Prosciutto di San Daniele riferiti al 2020 registrano performance in linea con le attese del comparto alimentare, nonostante una flessione dell’export, il prodotto si è confermato come uno dei principali driver del settore alimentare italiano. 

La produzione totale del Prosciutto di San Daniele DOP nel 2020 è stata di 2.546.000 cosce avviate alla lavorazione, provenienti dai 54 macelli che trasformano la materia prima fornita dai 3.641 allevamenti italiani autorizzati. Rispetto alla produzione totale, il 18% è stato destinato al mercato estero, mentre il restante 82% al consumo interno. Il fatturato totale ha raggiunto i 310 milioni di euro

Pur registrando una flessione di qualche punto percentuale nelle vendite all’estero, causata dalla pandemia in corso che ha ridotto le esportazioni, i dati export rivelano risultati interessanti, a testimonianza del riconoscimento mondiale del San Daniele DOP, attestando le vendite a un totale di circa 4 milioni di chilogrammi di prodotto indirizzato al mercato extra Italia. Il 57% delle quote totali è stato destinato all’Unione Europea. 

Le quote più rilevanti per l’esportazione confermano, in ordine: la Francia con il 26,1% del mercato, gli Stati Uniti con il 16,5%, la Germania con il 15,3% e, ultimo paese in doppia cifra, l’Australia con il 12,3%. Seguono il Belgio (6,1%), la Svizzera (5,7%), l’Austria (2,2%) e in misura inferiore Brasile, Canada, Giappone, Regno Unito, Lussemburgo e Olanda. 

Segnali di apprezzamento arrivano anche dalla crescita dei mercati dell’est Europa. Si registra infatti un positivo incremento, rispetto allo scorso anno, in Romania (+194%), Polonia (+82%), Slovenia (+49%), Ucraina (+46%) e Repubblica Ceca (+15%). 

Il totale della produzione delle vaschette di pre-affettato registra un trend in costante crescita con oltre 21,3 milioni di vaschette certificate, pari a 398.968 prosciutti, per un totale di oltre 1,85 milioni di kg. Di queste il 22% è stato destinato all’estero. 

In evidenza

INFOSTAR: FUCINA DEI POSTI DI LAVORO DEL FUTURO

Infostar, azienda friulana dell’hi-tech punta ai cosiddetti lavori del futuro.  ‘Ci riteniamo una “piccola Microsoft” afferma uno dei soci, Luca Noacco.  Stiamo vivendo un momento favorevole, in cui la trasformazione digitale delle aziende è sottoposta ad una grande accelerazione, dovuta anche alla pandemia. 

La società in genere ha capito cosa è possibile fare con il digitale, in tutti i settori. In particolare, il passaggio al cloud, semplifica e velocizza di molto alcune procedure IT, un tempo molto complesse. Il cambiamento sarà ancora più veloce nei prossimi dieci anni con l’avanzare di tecnologie come l’intelligenza artificiale, che contribuirà a generare decine di milioni di nuovi posti di lavoro su scala globale mandando contemporaneamente in pensione alcune professioni ormai obsolete.

Otto lavori su dieci, nel campo tecnologico, cambieranno da qui ai prossimi dieci anni. Quindi, investire nella formazione e nell’occupazione nel campo dell’IT, pare essere sempre e comunque una buona scelta. 

Le opportunità lavorative che si creano sin da subito e per il futuro, saranno basate sulle capacità e le competenze per organizzare e rendere disponibile il cloud, l’intelligenza artificiale ed altre nuove tecnologie a favore delle aziende clienti. Questo obiettivo ha il duplice scopo di aumentare i posti di lavoro e contribuisce ad accelerare la digital transformation delle aziende clienti. 

‘Studiare, impegnarsi e soprattutto essere curiosi ed appassionati delle novità tecnologiche. Con la passione, oltre che le competenze, si riesce ad avere quella marcia in più per farsi notare nel panorama lavorativo in continua evoluzione. Anch’io personalmente mi porto dentro la passione per l’innovazione tecnologica fin dai tempi dall’Università e sono certo che, anche in futuro, essa continuerà ad essere una delle mie migliori compagne di viaggio. Siamo pronti per gettare le basi per il futuro delle nuove professioni. Infostar è e sarà una fucina a questo riguardo. Qui, getteremo le basi. Io, continua Noacco, sono entrato in Infostar, come socio, nel 2006, dopo gli studi di ingegneria elettronica e due esperienze in aziende diverse, ora ricopro il ruolo di operation manager e Cfo e sono orgoglioso del percorso che ho fatto e che sto facendo assieme a Cristian Feregotto’ conclude Noacco.   

In evidenza

WCF, MASSARO: ‘LE DONNE FANNO IL SUCCESSO DELLA MIA AZIENDA’

Stabilimento tutto in rosa alla Water Care Filters di Ferrara. «La precisione, puntualità, cura e dedizione femminili sono fondamentali per la produzione delle nostre 20 tipologie di filtri», afferma il presidente Fabio Massaro. 

Ci sono produzioni in cui è l’abilità costruttiva a dare pregio alla materia prima e a rendere il prodotto altamente performante. È il caso dei sofisticati filtri per l’acqua per utilizzo umano realizzati dall’azienda ferrarese Water Care Filters, dove una manodopera tutta al femminile garantisce ogni giorno un processo produttivo delicato, preciso e complesso. 

«Qui lavorano 15 donne, un gruppo di collaboratori tutto in rosa non a caso», afferma il presidente dell’azienda Fabio Massaro, che l’ha rilevata dal fallimento alcuni anni fa garantendole una nuova vita e un futuro interessante. «I nostri filtri sono destinati a molteplici ambienti e a un impiego importante, poiché contribuiscono al mantenimento della salute delle persone – premette l’imprenditore -. Il loro processo produttivo, perciò, richiede attenzione, precisione, puntualità, costanza e meticolosità. Tutti pregi che abbiamo costantemente riscontrato nella manodopera femminile, sempre affidabile e appassionata nel proprio impegno lavorativo». 

Massaro richiama così le considerazioni che sono ricorrenti a livelli prestazionali piuttosto importanti: «Nel team sono strategici collaboratori preparati sì, ma prima ancora affidabili». È questa la prima carta vincente, dunque, delle donne che si stanno facendo strada alla Water Care Filters, dove sono alla guida di ogni processo: dalla saldatura alla piegatura dei materiali per i diversi filtri, dall’amministrazione al marketing. 

Water Care Filters produce 20 differenti tipologie di filtri per acqua, destinati a una molteplicità di ambienti, tra cui gli ospedali. «La nostra mission è confermare in modo continuativo la qualità del nostro brand e di ogni singolo filtro che esce dalla nostra azienda», afferma Massaro, particolarmente grato alle “sue” donne per la professionalità e la passione che dimostrano. «È grazie a loro che anche l’ambiente lavorativo è sereno e al contempo frizzante, un luogo dove si viene volentieri a lavorare e dove si sta bene con se stessi e con i colleghi», conclude l’imprenditore.

In evidenza

VENEZIA, GONDOLIERI SENZA LAVORO DA UN ANNO, IN UNA MERAVIGLIOSA CITTA’ VUOTA, MA SENZA TURISTI

Maurizio Galli della Stazione di Santa Maria del Giglio: “Mesi terribili, anche se la città è splendida nella sua solitudine”. Venezia come non si era mai vista nei tempi moderni: splendida nella sua solitudine, “in mano” solo ai residenti. Ma c’è il rovescio della medaglia e tra le categorie più colpite dallo stop al turismo causato dalla pandemia da Covid-19 ci sono i gondolieri. «Ormai è da più di un anno che il reddito è pari a zero», conferma Maurizio Galli, coordinatore dei gondolieri della stazione gondole Santa Maria del Giglio. I 28 gondolieri che qui, in altri tempi, rimanevano immortalati nelle fotografie di persone arrivate da tutto il mondo e facevano loro conoscere il fascino della città sull’acqua oggi trasportano al più personale sanitario da una parte all’altra delle calli e lo fanno gratuitamente.Condivide la sorte con questi lavoratori il ristorante Al Giglio e il Messner, luogo famoso proprio per ospitare i gondolieri e i loro ospiti. Il virus continua a mordere e in questa primavera alle porte è diventato ancora più aggressivo, forse addirittura più di un anno fa. A differenza di allora, però, ora la campagna vaccinale sta cercando di soffocarlo alla radice. Nel frattempo, però, per tutti i 433 più 180 sostituti gondolieri di Venezia le condizioni di lavoro continuano a essere pessime. Tra di loro l’auspicio è che l’estate porti un deciso cambio di passo e, come si attende tutta l’economia, il secondo semestre 2021 sia l’inizio della rinascita.«Venezia è straordinariamente bella in questi mesi, sorprende anche noi che pure ne conosciamo ogni dettaglio – ammette Galli -. Tuttavia, il nostro auspicio è che possa tornare al più presto a essere ammirata dai turisti di tutto il mondo, anche grazie al nostro servizio di trasporto».

A Venezia le gondole e i gondolieri datano addirittura attorno al Mille, mentre la prima rappresentanza visiva di una gondola risale al 1400. Per costruirne una ci vogliono circa due mesi e solo chi ha la tecnica necessaria e si attiene a un rigoroso codice di costruzione ha il permesso di esserne costruttore. Sono lunghe da 10.50 a 11.00 metri, peso a scafo vuoto kg.350 , per la sua realizzazione si usano otto diversi tipi di legno: olmo, mogano, betulla, quercia, tiglio, ciliegio, noce e larice.Una “barca” unica, che può essere condotta da “capitani” altrettanto unici, come i gondolieri. Un tempo essi acquistavano il diritto a esercitare questo mestiere come eredità, poiché il titolo di gondoliere veniva tramandato di padre in figlio per generazioni. Oggi, si diventa gondolieri dopo aver superato un test molto competitivo gestito dall’Ente Gondola. Al termine di questo iter si ottengono i requisiti per poter esercitare il mestiere di gondoliere, chi passa l’esame finale è inizialmente sostituito gondoliere, ovvero sostituisce il titolare di licenza x ferie o malattia. Necessario aver frequentato la scuola di voga, conoscere le lingue straniere e la storia della città. Dopo aver superato il test dell’Ente Gondola, è necessario svolgere uno stage e sostenere l’esame finale di pratica. Solo al termine di questo iter si ottiene la licenza di gondoliere.

In evidenza

D’AGARO AUTOTRASPORTI: NUOVA SEDE PRESTIGIOSA

Nuovi spazi per un lavoro che non si è mai fermato, neppure nei mesi più duri della pandemia, e che continua ad avere un flusso significativo, pur con elementi di novità. 

La carnica D’Agaro Trasporti è entrata con questa energia nella nuova sede direzione insediata nel polo industriale di Amaro (Ud). Ambienti eleganti, innovativi ma con le radici sul territorio – i marmi usati negli ambienti direzionali sono rigorosamente carnici (nella foto) -, il nuovo quartier generale della società, che vanta una flotta di 44 mezzi ad alto tasso green, è una nuova porta d’ingresso al Carnia Industrial Park e il risultato di 2 milioni di investimenti che si sono trasformati nel pieno della pandemia. 

I progetti di consolidamento e di ampliamento in azienda non si sono, infatti, mai fermati, tanto che il fatturato 2020 chiude in linea con quello del bilancio 2019 – 5,5 milioni – e con la tenuta dei livelli occupazionali. 

“L’azione di diversificazione dei clienti che abbiamo intrapreso negli anni scorsi si è rivelata fondamentale per la tenuta dell’attività nei mesi pandemici e per scongiurare la flessione del business”, afferma Angelo D’Agaro, espressione della quarta generazione. La richiesta di trasporto, quindi, non si è fermata. “Anzi – aggiunge D’Agaro -, con l’incremento dell’e-commerce è aumentata, anche se in contemporanea ha cambiato alcune sue caratteristiche”. 

Una mutazione di cui D’Agaro si è fatta subito e naturalmente interprete, sapendo leggere i segni del mercato e corrispondervi con flessibilità e risposte adeguate. Tra queste, la sostenibilità di un’attività che ha un impatto indubbio sull’ambiente. Antesignana nell’uso dei software per la gestione delle flotte, oggi D’Agaro Trasporti gestisce in tempo reale il controllo dei suoi mezzi, riducendo in tal modo i consumi e quindi l’inquinamento, a favore dell’ambiente e dell’uomo.

In evidenza

LA SOSTENIBILITA’ PARTE ANCHE DALLE PICCOLE ATTIVITA’ COMMERCIALI: FORNO ARCANO UN ESEMPIO

Antesignano dell’economia sostenibile e, per questo, sperimentatore e innovatore di processi e prodotti, il Forno Arcano – primo forno biologico in Friuli Venezia Giulia, dal 1988 attivo a Rive d’Arcano – continua ad affinare una produzione rispettosa dell’ambiente e della salute delle persone.

Con un nuovo investimento, realizzato in piena epoca Covid, ha installato sui propri forni a legna gli abbattitori di fuliggine, cioè un sistema di filtraggio che permette l’abbattimento di circa il 70% di fuliggine, del 50% degli odori e un notevole abbattimento della temperatura rilasciata nell’ambiente circostante.

«Gli abbattitori di fuliggine sono filtro naturale contro l’inquinamento atmosferico», spiega la fondatrice dell’azienda, Ada Pinzano, oggi in società con i figli Jonathan e Martin cui è affidato il futuro del Forno. «La riduzione della fuliggine – prosegue – si ha facendo passare il fumo prodotto dalla combustione della legna attraverso un velo d’acqua generato da un gruppo di nebulizzatori. In questo modo si riducono le particelle contenute nel fumo di scarico, depurando dalle scorie e raffreddandolo».

Il sistema di filtraggio adottato è tra i pochi presenti in Friuli Venezia Giulia e si inserisce in una realtà produttiva che già da 20 anni utilizza energia da fonti rinnovabili certificate. «Oggi, in un momento di difficoltà generale che tutti conosciamo, stiamo raccogliendo i frutti di un duro lavoro, della serietà sempre dimostrata, della competenza e disponibilità. Al contempo, guardiamo al futuro convinti che la sostenibilità richiede creatività e capacità di innovazione», concludono i componenti della famiglia imprenditrice.

Il Forno Arcano nasce dalla passione di Ada Pinzano e del marito Umberto Midena, da sempre sostenitori dell’importanza del mangiare sano, “pulito” e biologico. Nel 2000 entra stabilmente in azienda il figlio Jonathan e nel 2006 il figlio Martin. Attualmente il Forno utilizza due grandi forni a legna a diffusione diretta di calore, per la realizzazione di una vasta gamma di pani (38), con farine differenti, e una amplissima varietà di dolci. “Laboratorio sperimentale”, il Forno va alla ricerca di nuove ricette e nuovi gusti. È punto di riferimento anche per le persone che soffrono di particolari intolleranze alimentari.

In evidenza

EUROTECH: SIAGRI ‘LAUREE STEM E MERITO PER LE DONNE’

foto di Anna Tsaplina Aironefoto

Sono 4 le donne che compongono il consiglio di amministrazione di Eurotech, la multinazionale tecnologica friulana, su di u totale di 9 persone. Mentre, sono in totale 89, su 332 dipendenti, le presenze femminili in azienda, in ruoli anche apicali. La sussidiaria francese di Eurotech ha al vertice una donna, sempre una rappresentante del gentil sesso è la numero due del segmento americano dell’azienda. 

‘Siamo per la parità di genere – sottolinea Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech – nel senso obiettivo del termine. Ovvero: per la meritocrazia. Il giusto merito a donne e uomini va sempre riconosciuto’.

Sebbene costituiscano quasi metà (47%) della forza lavoro complessiva, le donne occupano meno di un terzo (28%) delle posizioni di leadership nel settore della tecnologia. E considerando l’impatto che il lavoro da remoto ha avuto sugli equilibri tra lavoro e vita privata specialmente per il genere femminile, la presenza di professioniste nel comparto sembra essere sempre più a rischio. Lo rivela BCG, che ha realizzato un’indagine su 457 donne leader del settore tecnologico Usa e 300 loro colleghi uomini.

‘C’è grande bisogno delle donne con lauree Stem  (Science, technology, engineering and mathematics) – continua Siagri – anche Eurotech è continuamente alla ricerca di giovani talenti con questo tipo di preparazione’.

Nel nostro paese solo il 16,5% delle giovani si laurea in facoltà scientifiche, contro il 37% dei maschi, un dato migliore della media europea ma di evidente squilibrio. Un gap che dunque nasce già nei primi anni di scuola e prosegue nel mondo del lavoro: nelle aree Stem, solo un professore ordinario su cinque è una donna.

Anche tra gli impegni del discorso programmatico di Mario Draghi è presente un investimento più convinto sulle lauree Stem. Il premier ha annunciato che si investirà «economicamente ma soprattutto culturalmente, perché sempre più giovani donne scelgano di formarsi negli ambiti su cui intendiamo rilanciare il Paese». Appunto quelli incarnati dalle competenze chiave «digitali, tecnologiche e ambientali». La parità di genere è infatti un argomento presente nel Recovery Plan, per investire più fondi e colmare così il gap di genere nell’istruzione, nell’occupazione e, in un’ottica più complessiva, nel capitale umano.

Fonte dati: MIUR – 

Le testimonianze in Eurotech.

‘Le donne possano contribuire con le loro capacità naturali che sono diverse da quelle appartenente agli uomini. Le donne sono più ‘verbali’ e più per i dettagli; vedono situazioni in modo più globale invece di essere focalizzate come gli uomini. Questo può risultare più efficace per brainstorming e per trovare soluzioni: molto utile soprattutto nel nostro campo di innovazione e soluzione tecnologiche’ afferma Katie Rouzee, al centralino.

‘Storicamente e culturalmente il mondo tecnologico è sempre stato in qualche modo “riservato” agli uomini così come quello “umanistico” alle donne, chiaramente anche frutto di percorsi di studio divisi allo stesso modo. Penso che servano ancora alcuni anni affinché si arrivi ad una presenza femminile nel mondo tecnologico numericamente paragonabile a quella maschile, la tendenza sembra essere in tal senso comunque’ Lidia Zantoni, project manager.

‘Le donne impiegate in ambito tecnologico sono in crescita. Credo che le donne stesse dovrebbero credere un po’ di più nella possiblità di far parte di questo mondo. E’ tranquillamente alla nostra portata’ Marzia D’Anastasio, coordinatrice reparto produzione.

‘É positivo che le donne siano entrate in questo mondo anche se fino a poco tempo fa era considerato tipicamente maschile come tutto l’ambito scientifico. Penso che alle volte le donne stesse siano il proprio limite e dobbiamo avere il coraggio di scegliere ciò che ci piace’ Sylvie Calligaro, resposanbile amministrativa.

‘Nonostante la presenza di profili brillanti, il rapporto tra donne e tecnologia non è mai stato facile: ancora oggi persiste il pregiudizio che scienza e tecnologia siano “cose da uomini”. Lo scenario lavorativo e i modelli di sviluppo però stanno cambiando. Una maggiore sensibilità verso la realizzazione di programmi di sostegno per le donne al lavoro è un evidente ed importante passo in avanti, anche a valorizzare il reale potenziale femminile in questo settore. Inoltre, le donne hanno soft skills importantissime per affrontare il futuro, possono fornire un contributo straordinario alla creazione di infrastrutture tecnologiche’ Giulina Vidoni, responsabile marketing.

‘Penso che proprio in questo difficile contesto di crisi economici e sociale, sia necessario valorizzare il capitale umano femminile agevolando l’inserimento di figure professionali qualificate e con alte capacità. Purtroppo però sono ancora presenti alcuni svantaggi che partono dalla prima socializzazione per poi amplificarsi nelle scelte scolastiche ed universitarie che incidono sulla ancora limitata presenza femminile in alcuni ruoli tecnici’ Beatrice Arbulla, HR assistant.

Le donne nel mondo tecnologico ci stanno bene nella misura in cui seguono i propri interessi, le proprie passioni, le proprie aspirazioni e si sentono realizzate, proprio come un qualsiasi individuo in un qualsiasi contesto
lavorativo indipendentemente dal genere di appartenenza. Ma questo è il mio pensiero e so che la realtà è molto diversa’ Barbara Cimenti, nel team di Technical Services che fa parte della Supply Chain con l’ufficio acquisti.

In evidenza

VIDEO SYSTEMS: AVVENIRISTICHE SOLUZIONI DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER IL CONTROLLO PRODUZIONE E QUALITÂ

Credit foto: @AironeFoto

Avveniristiche le applicazioni della visione ed intelligenza artificiali per il controllo qualità sviluppate ed applicate dalla friulana Video Systems, guidata da Alessandro Liani (nella foto): “occhio” digitale vigile nella complessa lavorazione del vetro, nella produzione di prodotti alimentari, nel controllo dello scarico dei rifiuti dai container, e l’elenco potrebbe continuare, perché l’azienda è specializzata in soluzioni su misura per la qualità dei prodotti e per il controllo dei processi nelle industrie manifatturiere.

Un’azienda competitiva per la sua capacità «di progettare in modo che visione artificiale e l’intelligenza artificiale ad alta tecnologia operino con le massime prestazioni ed affidabilità in ambienti difficili e si adattino ai contesti produttivi più complessi». In questa mission aziendale il posto strategico lo occupano da sempre gli oggetti IIot sviluppati all’interno, poiché «l’obiettivo è sempre stato quello di collegare tra loro le macchine, per farle dialogare per ottimizzare i processi produttivi».

Le soluzioni con intelligenza artificiale consentono ai contesti in cui sono inserite di acquisire ciò che oggi è considerata la materia prima pregiata per eccellenza, ovvero i dati, e di acquisirli in forma sempre più sofisticata, grazie alla capacità di “imparare” da parte degli oggetti resi intelligenti dalla specifica tecnologia. «L’acquisizione dei dati – esemplifica Liani – è utile per il controllo preliminare sulle condizioni delle proprie macchine in uso, per controllare i tempi di produzione industriale, per inviare dati precisi relativi alla quantità di prodotti in lavorazione».

In virtù delle sue conoscenze delle capacità di sviluppo e di applicazione dei prodotti, Video Systems è riuscita a essere partner di importanti progetti europei nell’ambito del programma H2020. Un’esperienza che consente all’azienda di implementare la sua offerta con sistemi di visione che, conclude Liani, «permettono il controllo qualità incrociando le diverse variabili che compongono un processo» ed un’attenzione specifica «su quelle variabili che incidono maggiormente sulla qualità finale».

A ulteriore conferma del livello di specialità e competenza raggiunti dall’intera azienda e dal suo Ceo, vi è anche la recentissima nomina di Liani nel board di IEEE-CIS, sotto comitato della principale associazione ingegneristico scientifica a livello mondiale che in particolare si occupa di intelligenza computazionale in ambito industriale.

In evidenza

LILLI SAMER: ‘LA START UP E’ DONNA’

Lilli Samer, a capo della Samer & Co. Shipping di Trieste, è un esempio di come una donna possa essere partecipe dell’ affermazione di altre donne. L’azienda Samer, fondata nel 1919, svolge principalmente l’attività di agenzia marittima raccomandataria e terminalista portuale. All’interno della società lavora il 70% di donne, su 450 addetti totali, con una età media di 40 anni. Lilli Samer la gestisce dal 1981 insieme al fratello Enrico.

‘Si tratta di una attività, la nostra, che potrebbe sembrare appannaggio maschile– spiega Lilli Samer – in realtà così non è. Fin dal 1981, quando ho iniziato, non ho mai avuto problemi ad assumere donne. E nemmeno io personalmente ad essere rispettata nel mio lavoro. L’importante è dimostrare di essere capaci. Il riconoscimento, prima o dopo, arriva. Ad oggi, c’è ancora necessità di quote rosa, ma c’è ancora molto da fare, anche nella nostra regione: il Friuli Venezia Giulia conta poche donne ai vertici di imprese, enti o istituzioni’.

Lilli Samer è presidente di AIDDA, Associazione imprenditrici e donne dirigenti di azienda, delegazione del Friuli Venezia Giulia, nata 60 anni fa con l’obiettivo di valorizzare e sostenere l’imprenditoria al femminile, il ruolo delle donne manager e delle professioniste.

 ‘Serve fare formazione nelle scuole e presso gli enti preposti, di modo che le giovani donne capiscano che è in loro potere fare ciò che vogliono nella vita, senza preclusioni di sorta, anche in contesti tecnici e tecnologici’ spiega Lilli Samer.

 ‘Mi sento di accogliere questo invito culturale di apertura verso le donne, mantenendoci aperti alla collaborazione anche con associazioni come AIDDA – spiega Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech, una delle eccellenze friulane in tema proprio di tecnologia – lo spazio per la realizzazione femminile nel settore tecnologico  è enorme, con ampi margini per un suo sviluppo e per un miglioramento. Sono ancora poche le donne ai vertici di impresa che puntano all’innovazione delle tecnologie. Eurotech può sicuramente fare da battistrada per molte esperienze sul campo e per la formazione’.

‘La start-up è donna – conclude Lilli Samer – buona parte delle start-up che resistono e non falliscono dopo pochi anni di vita, risulta in mano a donne. Questo dimostra quanta perseveranza c’è nell’animo femminile. Eurotech rappresenta un fiore all’occhiello in regione e nel mondo, per ciò che riguarda innovazione e futuro. E visto che il futuro appartiene anche alle donne, le vie della tecnologia possono essere molto proficue per qualsiasi donna voglia intraprendere un percorso professionale in questo campo’.

In evidenza

TECNEST RIDEFINISCE I CONFINI DELLA CULTURA DIGITALE, PETTARIN: ‘SIAMO IN UNA NUOVA ERA’

Tecnest, azienda tecnologica con sedi a Tavagnacco e Milano, ha chiuso un inimmaginabile 2020: con sette nuove assunzioni, inserimenti avvenuti in periodo di piena pandemia e conseguenti al lockdown. L’impresa, guidata dal presidente, Fabio Pettarin, non ha fatto ricorso alla cassa integrazione per i suoi oltre 60 collaboratori, adottando politiche di welfare, a livello trasversale aziendale, oltre che con azioni ad personam. Nuove commesse per quasi 1 milione di euro. Il 2021 sta disegnando i contorni di un Italia più digitale, moderna e forse finalmente pronta ad accogliere un cambiamento epocale sulla percezione e sull’applicazione della tecnologia in modo strategico e sistematico guardando verso un unico obiettivo comune di crescita.

“Ci troviamo in una nuova era quella a cui saremmo approdati forse, fra qualche anno, se la pandemia non avesse cambiato ed accelerato i nostri paradigmi. Ce ne stiamo accorgendo solo oggi. Gli equilibri dell’economia globalizzata, della sostenibilità, del gap di competenze e conoscenze, stanno tutti vacillando, ma non in senso assolutamente negativo. Anzi. Il ciclo pandemico, in generale ed in particolare nel nostro settore, ha portato ad un’accelerazione incredibile dell’innovazione e dello sviluppo digitale. Le esigenze delle aziende stanno cambiando radicalmente. Oggi, chi non è al passo della digitalizzazione con i vantaggi che questa può portare, rischia di andare in difficoltà se non di fermarsi”.

Ad affermarlo è Fabio Pettarin, Presidente di Tecnest, azienda tecnologica friulana, impegnata da oltre 30 anni  nell’ottimizzazione dei processi logistico-produttivi che guarda all’Italia di un futuro ormai prossimo, dove il digitale sembra destinato (finalmente) a diventare un asset strategico e di sviluppo di primaria importanza anche per le aziende manifatturiere.

A rafforzare questa ipotesi non solo i fondi del Recovery Fund, ma anche il deciso cambio di passo impresso dalle fortissime perturbazioni di mercato dettate dalla pandemia che costringono ora aziende e imprenditori del manifatturiero a collocare la digitalizzazione all’interno di un piano generale di sviluppo.

Le importanti disponibilità previste e messe a disposizione dal Recovery Fund, potranno servire per cambiare in modo decisivo la cultura industriale. Per crearne una nuova.

“Quando si parla di Recovery Fund – prosegue Pettarin – penso alla opportunità unica e irripetibile, di poter accedere a ingenti somme di denaro che, se ben utilizzati in progetti ed investimenti concreti, ci consentiranno di imprimere un altro peso sull’acceleratore a questo processo di cambiamento già così fortemente in atto. Penso che questo nuovo Governo guidato da Mario Draghi possa fare bene, sperando che la politica o meglio la partitica, non interferisca sul cambio di passo, ma si allinei e lo appoggi’.

“Ma, oltre agli aspetti tangibili, la nuova cultura che sta nascendo potrà sicuramente aiutarci a colmare il gap della competitività; un recupero che non è solo di tipo culturale, ma storico, antropologico e sociale: siamo tutti cambiati o costretti a cambiare in questo nuovo mondo. E mi auguro in meglio”. “Imparare dal passato è necessario, ma non è più sufficiente; dobbiamo essere consapevoli però, che il cambiamento non avviene solo fuori di noi, ma dovremo soprattutto essere in grado, con consapevolezza di cambiare noi stessi, come persone ed azienda”.

L’Italia potrà divenire quindi più competitiva, con la digitalizzazione, come sistema Paese.

“Sappiamo bene che l’Italia, in tema di digitalizzazione, è ancora indietro. Certamente faremo passi in avanti sulla nostra competitività in Europa o nel mondo. Ma, se ora andiamo più veloci, i Paesi intorno a noi, lo sono ancora di più. Pertanto, il gap non è colmato. Il divario rimarrà tale”.

“Da parte nostra, le richieste di ottimizzare e digitalizzare i processi logistico-produttivi, che ci provengono dai nostri clienti – continua Pettarin – sono notevolmente aumentate. L’industria, in special modo, quella in ambito manifatturiero, è obbligata a cambiare pelle. Pena: essere fuori dal mercato competitivo di oggi, del qui ed ora. La digitalizzazione dei processi, anche e soprattutto di quelli logistici-produttivi, è oramai un imperativo. Tecnest è in grado di rispondere a queste nuove esigenze. Noi ci siamo”.

In evidenza

PAOLETTI, CCIAA VENEZIA GIULIA: ‘IL FVG, LUOGO DI RIFERIMENTO PER LA SOCIETA’ DEL FUTURO’

Intervista di Luigi Putignano

Un territorio, quello della Venezia Giulia che appare sempre più una moderna area metropolitana che custodisce identità ben distinte ma che dialogano in maniera più smart ed efficiente. Questi in breve in numeri dell’area in questione: in rapporto alla popolazione, le imprese della Venezia Giulia generano un fatturato superiore del 31% alla media regionale, con investimenti in crescita del 62% negli ultimi 5 anni; la logistica e il trasporto navale sono un asset strategico, con Gorizia e Trieste prime Province d’Italia per export della cantieristica navale (45% del totale nazionale) e Trieste primo porto per movimentazione merci e “Città della Scienza”, con centri di ricerca e formazione di eccellenza e 37 ricercatori ogni 1.000 abitanti.

Uno degli esempi più performanti di questo territorio è certamente la Camera di commercio della Venezia Giulia, diventata pienamente operativa il 28 ottobre 2016, e nata dall’accorpamento tra le Camere di Commercio di Trieste e di Gorizia; “Ma la sua gestazione – ha spiegato il presidente dell’ente camerale, Antonio Paoletti – ha un trascorso decennale”. “Per scelta, con volontà collaborativa e progettualità – ha proseguito – abbiamo voluto unire due territori geo-economicamente unici quanto omogenei, fondendo le istituzioni e le imprese. Abbiamo inteso ratificare con l’ufficialità figlia della fusione delle Camere di Commercio una collaborazione intensa che è sempre esistita, ma che trova ora in un unico coordinamento operativo e di indirizzo l’efficacia delle azioni”. A Paoletti abbiamo rivolto alcune domande che spaziano dalla crisi politica del Paese alle prospettive dell’area giuliano al 2025.

Cosa ne pensa della crisi politica di queste settimane? E della soluzione Draghi?

La politica deve fare sistema nell’interesse del Paese. Con una figura dello spessore di Mario Draghi questo fare sistema trova una legittimazione che diventa  programma e obiettivi da raggiungere. Siamo stati messi in ginocchio da una emergenza sanitaria che ha una data di inizio, ma non una di fine, quindi vanno messe in atto tutte le azioni indispensabili a sostenere i vari settori economici, con una concreta attenzione a quei settori che si sono fermati completamente per mesi, ovvero il terziario, il turismo e la ristorazione. Comparti che danno lavoro a moltissime persone che viste le chiusure hanno subito un duro e immediato stop alle entrate familiari. Serve una pace sociale fondata sul lavoro, sugli investimenti per generare produzione e servizi, per sostenere chi è in difficoltà ma ha possibilità di ripresa. Ragionamenti che una persona come Draghi ha la forza di concretizzare.

Parco del Mare: perché é importante per Trieste e il Fvg?

Dopo 15 anni abbiamo inteso far parlare i fatti, ovvero gli investitori che hanno presentato un progetto e una proposta concreta di partenariato pubblico-privato per la realizzazione del Parco del Mare di Trieste. Finalmente Trieste avrà il suo grande attrattore collegato al mare, grazie a una condivisione unica di intenti tra il privato e il pubblico, in un momento storico in cui si intende dare speranza e tracciare il futuro socio-economico di questi territori, con ricadute di indotto turistico per tutto il Friuli Venezia Giulia.

Una visione per la costruzione del futuro che ha ricevuto la piena condivisione della Regione Fvg, del Comune di Trieste e dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, affiancate alle tre imprese promotrici del progetto, ovvero Icop Spa, Costa Edutainment Spa e Iccrea BancaImpresa.

A concludere definitivamente l’architettura finanziaria mista pubblico-privato, è il contributo di 8 milioni di euro confermato e inserito a bilancio dalla Regione che va ad affiancare la quota di finanziamento della Camera di Commercio Venezia Giulia. Il Parco del Mare andrà a riqualificare urbanisticamente un’area abbandonata a poche centina di metri da piazza dell’Unità d’Italia e che ora costituisce un pessimo biglietto da visita per le centinaia di migliaia di crocieristi che attraccano alla Stazione Marittima.

Tessuto commerciale in sofferenza per la pandemia: quali le ricette da mettere in campo da subito e dopo la buriana?

Occorre intervenire subito per mettere in sicurezza le imprese in maniera che possano ripartire e lavorare. Per far questo bisogna dilazionare nel tempo tutti i pagamenti che finora sono stati soltanto rimandati, dalle bollette alle tasse comunali, regionali e statali. E anche per le scadenze relative ai muti e ai prestiti avuti non si possono rimandare di tre mesi in tre mesi. Bisogna dare alle imprese un lasso di tempo sufficiente per potersi riprendere. E così facendo si metteranno in sicurezza anche i posti di lavoro. Allora si che potremo salvare l’economia. Altrimenti sarà dura.

Porto di Trieste sempre più in sinergia con Monfalcone e collegato all’interporto di Cervignano (Udine) e a quello di  Pordenone, spinta per il 2021 allo sviluppo della zona franca retroportuale di FREEeste: quali sono gli scenari prossimo futuri in Venezia Giulia? Se n’è parlato da poco con autorevoli esperti che ne hanno delineato gli scenari nel 2025: una sua considerazione.

Sul fronte della logistica, lo scorso 29 ottobre c’è stato il passaggio delle aree di proprietà dello scalo e dell’Azienda speciale per il porto di Monfalcone dall’Ente camerale all’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico Orientale. Un risultato direi fondamentale per aumentare la competitività del territorio e la sua interconnessione logistica.

Su FREEste, la Camera di commercio c’è sempre stata fin dalla partecipazione con 1 milione di euro all’aumento di capitale di Interporto Trieste utilizzato per dar vita al sito. Ora serve però che venga definitivamente risolta la questione della piena attivazione dei vantaggi del punto franco.

Sempre sul fronte della logistica, va ricordato l’ingresso del Comune di Gorizia, proprietario al 100% dell’Interporto di Gorizia-Sdag, in Interporto Trieste. Si tratta, certamente, di una piccola quota azionaria, ma di grande significato.

Infine, l’Ente camerale ha sostenuto l’integrazione dei Consorzi di garanzia fidi, strumenti fondamentali in questo periodo pandemico al sostegno delle imprese. Abbiamo sempre pensato che una economia in cresciuta deve fornire adeguati sistemi di sostegno finanziario alle imprese. Per tale ragione, sempre in questo difficile 2020, siamo arrivati alla fusione dei Consorzi di garanzia fidi di Gorizia e di Trieste in quello della Venezia Giulia.

Per quel che concerne il futuro, è emerso dalla presentazione nelle scorse settimane dello studio “Venezia Giulia 2025. Strategie e azioni per la competitività della Venezia Giulia” realizzato dalla Camera di commercio Venezia Giulia in collaborazione con The European House – Ambrosetti, una visione della Venezia Giulia intesa come laboratorio del cambiamento.

L’analisi ha permesso di identificare quattro competenze distintive su cui incentrare la strategia competitiva del territorio: logistica e navalmeccanica, commercio, scienza e innovazione, turismo. A queste competenze corrispondono nove linee di indirizzo per lo sviluppo della Venezia Giulia, tra cui: integrare la specializzazione sulla Logistica e Navalmeccanica; consolidare il ruolo strategico del territorio come piattaforma logistica integrata del centro Europa, potenziando il ruolo del Porto di Trieste; rafforzare l’attrattività verso i turisti (anche grazie alla leva del futuro Parco del Mare a Trieste) e i giovani talenti; valorizzare le vocazioni di Gorizia e Monfalcone rispettivamente su commercio e su nautica di lusso e refitting; ottimizzare e monitorare la capacità di innovazione delle eccellenze presenti; organizzare un innovativo «Festival del Cambiamento» a cadenza annuale per affermare la Venezia Giulia come luogo di riferimento dello studio e discussione delle trasformazioni dei territori e delle società del futuro.

Infine, stiamo lavorando concretamente alla possibilità di creare nel nostro territorio una “zona logistica speciale rafforzata” di carattere regionale, possibile grazie al fatto che l’infrastruttura logistica ed economica è ormai matura per questo ulteriore salto. Un balzo che la Camera di Commercio intende sostenere sotto tutti i punti di vista”.

In evidenza

ALESSANDRO LIANI: un friulano tra i dieci del board internazionale sull’intelligenza computazionale

 

Un friulano tra i dieci del board internazionale che presiede IEEE-CIS, il sotto comitato di IEEE dedicato all’ intelligenza computazionale: è Alessandro Liani, amministratore delegato di Video Systems con sede a Codroipo, in Friuli Venezia Giulia.  Liani, con la sua azienda, sta sviluppando sistemi di visione connessi con l’intelligenza artificiale ed è costantemente impegnato nel continuo ampliamento delle potenzialità di tali sistemi.

IEEE-CIS opera a livello mondiale per promuovere l’intelligenza computazionale nell’industria, coinvolgendo industrie e professionisti. Il sottocomitato Industry Liaison si occupa, nello specifico, del trasferimento di tecnologie di intelligenza computazionale dalle Università e dai laboratori di ricerca alle imprese, alle agenzie governative perché essa diventi parte di processi di produzione, di strumenti e di prodotti di uso comune.

‘Si tratta per me di un grande onore avere ricevuto questa nomina – spiega Liani – giunge inaspettatamente e per questo ancora più apprezzata. L’internazionalità di questa nomina rende il mio impegno maggiormente pervasivo ed interessante. Anche l’Italia può ambire a dire la sua ad una platea mondiale’.

Video Systems  è stata inoltre selezionata per partecipare ad un importante evento organizzato da EIT Manufacturing che si terrà online,  a partire da oggi, e vedrà coinvolta l’azienda di Ai,  giovedì 25  febbraio quando, un numero selezionato di 10 società in Europa, avranno l’opportunità di presentare le loro idee innovative in ambito manufacturing. 

EIT Manufacturing è la comunità dell’innovazione nel mondo manufacturing voluta dalla Commissione  Europea  all’interno del più vasto Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT) che collega i principali attori del settore manifatturiero in Europa.

‘Grazie a EIT Manufacturing presenteremo il nostro progetto APICUS, una soluzione che coniuga machine vision, AI e robotica in un’unica piattaforma: per eliminare gli errori e gli scarti nelle linee di prodotto intensive, con particolare attenzione alla salute del personale, riducendo i problemi generati da lavori ripetitivi ed alienanti’ conclude Liani.

In evidenza

EUROLLS, RAILZ: ‘IN PANDEMIA? ABBIAMO INVESTITO 5 MILIONI DI EURO. SERVE CORAGGIO’

Si sta concludendo in queste ore l’installazione di un nuovissimo impianto per il trattamento termico, totalmente automatico e di grossissime dimensioni,  nello stabilimento di Villa Santina (Ud) di Eurolls, l’azienda con quartier generale ad Attimis, e filiali in molti Paesi del mondo, tra le migliori  nella produzione di rulli in acciaio e carburo di tungsteno. L’investimento è stato di 2 milioni di euro, che vanno a sommarsi ad altri 3 milioni, che portano a 5 milioni i denari investiti per aumentare e migliorare la capacità e la qualità produttiva di questo gioiellino friulano.

‘Siamo pronti per ripartire – spiega Renato Railz,  presidente di Eurolls – gli investimenti sono serviti per renderci maggiormente competitivi sul mercato. Diciamo che abbiamo utilizzato questo tempo di pandemia per affinare, capire, e quindi introdurre tecnologie, impianti ed una organizzazione nuova. Sono stati mesi di riflessione,  anche se non abbiamo mai smesso di lavorare. Non avendo però possibilità di viaggiare, ci è stato così concesso più tempo per valutare strategie del prossimo futuro. Ora serve stabilità. Fiducia, anche e soprattutto di tipo economico. L’ambiente sociale e quindi lavorativo ha bisogno di certezze ora più che mai. Si assiste ad un aumento di nervosismo in generale, e rabbia sociale che, a mio avviso, sta andando verso una competitività non sana. Ma sfrenata’.

Nelle peggiori crisi viene fuori appunto il peggio: anche in contesti economici e di business.

‘C’è sicuramente preoccupazione per questa situazione, speriamo di natura contingente – continua Railz – indubbiamente le limitazioni alla libertà personale ed individuale minano le certezze ed i punti di riferimento presenti in ognuno di noi e come conseguenza, lo sfogo e la rabbia che a volte può trascendere in atteggiamenti non così pertinenti. Ricordiamoci dell’umanità e del rispetto, anche e soprattutto in contesti di affari, non devono e  non posso mai mancare’.

La recrudescenza degli attacchi informatici ha messo, ancora una volta, sotto pressione Eurolls che si è trovata ad affrontare due situazioni molto complesse: la prima accorsa in Italia qualche mese fa, e la seconda, solo recentemente,  presso la filiale messicana. Anche in Messico Eurolls ha subito un attacco informatico che ha mandato in tilt tutto il sistema, con profondi disagi.

‘A dimostrazione di come questa pandemia abbia esacerbato anche comportamenti colposi e dannosi per frodare magari il concorrente o semplicemente per creare problemi relativi al controllo informatico della produzione industriale. Contiamo che questo periodo, con tutte le sue conseguenze nefaste, possa concludersi nel più breve tempo possibile’ conclude Railz.

Con 149 dipendenti e 29 milioni di fatturato, Eurolls vanta sussidiarie in Messico , Brasile e Cina.

In evidenza

KONNER: COMMESSA IN RUSSIA DA 1,6 MILIONI

Commessa del valore complessivo di 1,6 milioni per la Konner di Amaro (Ud), che ha consegnato il primo elicottero K2 ad una delegazione russa, giunta in Carnia da Mosca. Si amplia così la presenza del marchio sul mercato internazionale, dopo la presenza in Cile, Polonia e diversi altri Paesi.

La consegna delle chiavi è avvenuta nello stabilimento di Amaro tra i vertici della società friulana presieduta da Sergio Bortoluz e Nikolai Makarov, l’imprenditore russo del settore estrattivo, e anche pilota, che ha siglato il contratto, il primo di una serie che Konner auspica molto lunga in Russia.

 Il contratto più ampio già sottoscritto è il risultato di un’attività di esplorazione del mercato e di allineamento alle norme e regole russe cominciato ben tre anni fa. “Per poter volare nella Federazione Russa – spiega infatti il presidente di Konner, Bortoluz – non è sufficiente acquistare l’elicottero. Prima occorre ottenere la certificazione e i permessi previsti dalle norme. Inoltre, è necessario attestare che il velivolo segua un protocollo di manutenzioni molto rigido adeguate al modello e che abbia un suo posteggio in un Heliport con puntuali specifiche, per esempio un sistema di mantenimento delle temperature, considerati i rigidi inverni russi. Non da ultimo, è necessario insegnare a guidare l’elicottero ai piloti russi».

Prima di giungere alla prima commessa, perciò, Konner ha dovuto individuare sulla piazza della Federazione il soggetto che in loco fosse in grado di garantire tutto quanto previsto dalla normativa e di sostenere tutto il complesso iter di permessi e certificazioni. Solo dopo ha potuto agire per individuare l’acquirente. Un percorso impegnativo in cui ha avuto come partner la società italiana Alnath e Helihome Russia, proprietaria dell’Heliport nella regione di Mosca e dealer di elicotteri di varia tipologia sul mercato russo. Contestualmente l’azienda friulana ha aperto una propria filiale a Mosca (Helihome Company – http://helihome.ru/uslugi/konner), affinché quel mercato abbia un preciso punto di riferimento in loco.

Dopo la consegna del primo elicottero, il programma prevede una settimana di formazione per i piloti e due settimane di formazione tecnica per ingegneri, nonché una settimana di incontri tecnici e commerciali con la direzione di Helihome per concordare i successivi ordini.

L’elicottero K2 è un concentrato di sicurezza, ridotte vibrazioni, alta tecnologia, potenza, agilità e manovrabilità, che si fondono con il comfort e il design. La fusoliera del K2 è interamente realizzata in materiale composito. Un’attenta distribuzione di fibre di carbonio, vetro e Kevlar ha reso possibile la realizzazione di un pezzo unico dalle forme accattivanti con i più alti standard di sicurezza, proprietà strutturali e leggerezza. Il motore a turbina ha il più elevato rapporto peso/potenza.

In evidenza

BENG, BEARZI: ‘CON QUESTO GOVERNO POSSIAMO OSARE SULL’INTERNAZIONALIZZAZIONE. PRONTI A RIALLACCIARE RAPPORTI DI BUSINESS CON LA RUSSIA’


In Carnia, alla Beng, azienda che crea fanali e proiettori per il mercato dell’auto e delle mote di lusso con 15 dipendenti e 2,5 milioni di fatturato l’anno, si guarda con molto interesse a come il neo presidente del Consiglio Mario Draghi declinerà quel passaggio del  suo discorso di insediamento in cui, riferendosi alla politica estera del Paese, ha sostenuto: «L’Italia si adopererà per alimentare meccanismi di dialogo con la Federazione Russa».

Proprio in Russia, infatti, il fondatore di Beng, Giovannino Bearzi, ha avuto esperienze interessantissime e opportunità imprenditoriali significative, fino a creare in quel Paese, nel 2008, una società compartecipata con una realtà locale. «Un’esperienza positiva e innovativa legata, già in quegli anni, allo sviluppo dell’illuminazione pubblica a lead». Poi però l’embargo europeo nei confronti della Federazione e l’irrigidimento dei rapporti politico-diplomatici con il mondo occidentale, ha decretato la fine di un’esperienza «nonostante quel mercato fosse e resti estremamente interessante per il nostro settore».

Bearzi ha cominciato a conoscere il mondo russo nel 1995 quando, da funzionario  della Seima Italia, fu inviato a individuare la possibilità di aprire una filiale e individuare l’area più promettente. Nacque così lo stabilimento di Ryazan, a 200 chilometri a Sud/Est di Mosca, ancor oggi un riferimento importante per la produzione a Est.

Avviata l’attività in proprio, Bearzi ha continuato a lavorare molto con il mercato russo, in particolare con due aziende del settore automobilistico: l’AutoVaz di Togliatti e la Gaz di Nižnij Novgorod. «Tra il 2015 e il 2016 – aggiunge Bearzi -, siamo stati contattati dalla Nami di Mosca per lavorare sull’ammiraglia personalizzata di Putin. La commessa si è bloccata alla fase della prefattibilità proprio a causa delle conseguenze generate dall’embargo».

Nel 2021 la Beng «resta assolutamente pronta a riavviare le relazioni e a scommettere su quel mercato – assicura Bearzi -. Per questo guardiamo con rinnovata speranza alle azioni che intraprenderà il nuovo Governo italiano. Sarebbe una spinta importante a voltar pagine dopo la grande pandemia che stiamo vivendo».

In evidenza

EUROTECH MONITORA COMPORTAMENTO DELLE API CON L’IoB. CREATO ALVEARE INTELLIGENTE

IoB: l’Internet of Behavior (internet del comportamento) entra nella concretezza con Eurotech. Infatti, la multinazionale tecnologica friulana, con il suo segmento di Ricerca e Sviluppo ha ideato un mini transponder in grado di leggere il comportamento delle api, rendendo un ‘alveare intelligente’. 

Il transponder, delle dimensioni di una pulce, è dotato di RFID, radio-frequency identification,  identificazione a radiofrequenza, per l’identificazione e/o memorizzazione automatica di informazioni inerenti a oggetti, animali o persone, basata sulla capacità di memorizzazione di dati da parte di particolari etichette elettroniche, chiamate tag. Questa identificazione avviene grazie alla radiofrequenza: un reader è in grado di comunicare e/o aggiornare le informazioni contenute nei tag che sta interrogando; infatti, nonostante il suo nome, un reader (ovvero: “lettore”) non è solo in grado di leggere, ma anche di scrivere informazioni.

I trasponder sono stati piazzati sul torace di api presenti in un alveare, in collaborazione con l’Istituto tecnico agrario Brignoli di Staranzano (Go). Gli insetti mostrano così, in tempo reale, il loro comportamento. Le api svolgono un ruolo molto importante nel nostro ecosistema. Sono responsabili di circa il 70% dell’impollinazione di tutte le specie vegetali  presenti sul pianeta. Sono pertanto fondamentali nella produzione del cibo che mangiamo  e garantiscono circa un terzo della produzione alimentare globale.

Il progetto si posiziona nell’ambito di Genki: Global environment network, knowledge and involvement – dal dato alla consapevolezza.

‘Si tratta per noi di un progetto sperimentale di IoB – spiega Roberto Siagriamministratore delegato di Eurotech – potremmo definirlo ‘l’alveare intelligente’. Le api sono insetti preziosissimi per l’uomo e il suo ambiente. Sono capaci di fornire informazioni che possono determinare le decisioni da assumere in merito alla sostenibilità ambientale. Sembrerebbe impossibile che un insetto, come l’ape, possa essere determinante per il livello di salute ambientale. Eppure è così. Per questo abbiamo messo a disposizione la nostra tecnologia per questo progetto. Anche Eurotech guarda, ormai da anni, alla sostenibilità, e grazie alla trasformazione digitale le imprese possono divenire sostenibili. Sempre di più le scelte strategiche si poggiano sui dati e sulla loro elaborazione,  con tecniche anche di intelligenza artificiale. Grazie all’internet delle cose (IoT) e all’internet del comportamento (IoB) si possono ora raccogliere una quantità importante di dati che ci permetterann  di conoscere meglio l’ambiente intorno a noi, prendendo le giuste decisioni anche  in termini di sostenibilità’. Marco Carrer, a capo dell’R&D di Eurotech spiega come l’Iob sia: ‘Una sorta di evoluzione dell’Iot. Se fino a poco tempo fa si parlava solo dell’Internet delle cose, ora si parla dell’Internet del comportamento’. Ovvero: la tecnologica consente oggi di monitorare determinati comportamenti, anche di tipo animale. L’equilibrio dell’ecosistema ambientale molto dipende dal comportamento delle api, e così pure, gli insetti sono fucina di informazioni utili per capire anche e come la sostenibilità ambientale è più o meno compromessa. ‘Siamo ad un nuovo punto dell’orizzonte – continua Carrer – anche Gartner posiziona l’IoB fra le parole chiave di questo 2021. Sistemi digitali sempre più evoluti, che sfruttano l’intelligenza artificiale, sono in grado di fornirci preziosissime informazioni sui comportamenti. Il futuro della tecnologia lo vedo sempre più legato all’intelligenza artificiale, applicata ad un numero sempre maggiore di settori’.

Nella foto: da sx  Ugo Padulosi (R&D), Roberto Siagri e Marco Carrer (Cto)

In evidenza

HELICA SI DOTA DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER INTERVENTI DI TUTELA AMBIENTALE

Nella foto, da destra Stefano Adami che parla nel testo ed i vertici di Helica al completo

Dov’è meglio far esondare il fiume nel caso di piena perché i danni siano quanto più contenuti possibile? Quali sono esattamente le piante, lungo quel viale della città, che, a dispetto dell’apparenza, sono così fragili da poter essere pericolosi? Due domande tra le tante che sono arrivate ad Amaro nel quartier generale di Helica, dove la flotta aerea della società s’impegna quotidianamente per effettuare ogni tipologia di telerilevamento che possa restituire numeri, simulazioni, cartografie quali risposte puntuali e affidabili ai quesiti provenienti da tutto il mondo.

È in questo mondo che, spiega il manager Stefano Adami, oggi l’applicazione dell’intelligenza artificiale diventa «un’opportunità strategica per offrire soluzioni all’avanguardia affinché la prevenzione diventi la prima risposta a molti rischi – da quello idrogeologico a quello degli incendi boschivi – ed alla gestione di diverse realtà, tra le quali il verde nelle città di ogni dimensione». Per questo Helica già da tempo ha deciso di investire «risorse finanziarie e umane significative» per implementare la capacità dei propri mezzi di raccogliere quante più informazioni (o dati), di modo che la loro elaborazione, con successivi sistemi sofisticati, dia risposte soddisfacenti quanto innovative.

«Dall’estero – esemplifica Adami – da tempo ci chiedono di condurre rilevazioni su ampi territori per verificare, attraverso una simulazione, quali fossero i punti più sicuri per far esondare un fiume nel caso di piena e contenere i danni. La precisione e puntualità della riposta è strettamente alla mole di dati utili che si riescono a raccogliere. Con essi i nostri sistemi basati sull’intelligenza artificiale elaborano soluzioni che diversamente impiegherebbe anni ad essere ottenuti e non con un così alto grado di affidabilità».

Se Helica investe dal punto di vista tecnico e tecnologico direttamente sui mezzi di rilevamento – dagli aerei ai droni -, una parte fondamentale degli investimenti in innovazione 4.0 la riserva per le collaborazioni con le università e i centri di ricerca del Friuli Venezia Giulia e non solo. «È una collaborazione indispensabile per poter avere sempre il meglio del know how – sottolinea Adami – e le risposte più avveniristiche, al passo con la rapida evoluzione delle conoscenze e delle tecnologie che si hanno negli ambiti connessi con l’intelligenza artificiale. Se un’azienda dovesse puntare tutto e solo su proprie risorse, non riuscirebbe di certo a mantenere un costante ed elevato tasso di innovazione e di risposte sempre molto performanti».

Già la realtà è nel presente, «l’intelligenza artificiale in Helica è considerata non come un’avversaria della forza lavoro umana, ma come un valore aggiunto – mette in chiaro Adami -. Governata al meglio, contribuisce a ridurre i tempi lasciando ai nostri professionisti tempo prezioso per creare innovazione. È a questa etica che il mondo imprenditoriale deve auspicabilmente ispirarsi nel prossimo futuro».

In evidenza

IANICH, LAVORAZIONE LEGNAMI: ‘CON LA PANDEMIA SI BEVE DI QUALITA’ MA A CASA’

Negli Usa tira aria di fiducia in una ripresa dell’economia nel 2021 e anche nell’aumento dei consumi del vino fuori casa, invertendo così la rotta conseguente alle restrizioni anti-Covid. Se, come è capitato sovente, l’andamento americano è un’anteprima di ciò che si trasferisce presto anche al di qua dell’oceano, la notizia è tra quelle buone e a credere in questo orizzonte è anche Michele Ianich (nella foto con il fratello Andrea, con il quale guida l’azienda), presidente della Lavorazione Legnami  di Tolmezzo, impegnata a impreziosire il vino con il packaging in legno.

“La prospettiva è senz’altro positiva anche per il comparto del vino – considera -. Tuttavia, realisticamente vedo un nuovo inizio nella seconda parte dell’anno, dato che i prossimi mesi primaverili saranno connotati ancora dall’incertezza”. Il mondo del vino esce dall’anno della grande pandemia «con perdite tutto sommato contenute», considera Ianich, che ha chiuso il bilancio 2020 della sua azienda con una riduzione poco sotto il 10%, «decisamente meglio delle stime che avevamo dovuto fare nel corso del primo lockdown».

Il settore vitivinicolo si è attrezzato per la vendita online, in alcuni casi accelerando una tendenza già avviata, ma ha anche beneficiato di un consumo entro le mura domestiche, con un aumento della qualità rispetto a periodi precedenti. “Non potendo recarsi nei bar e ristoranti – analizza Ianich -, le persone sembra abbiano investito sulla qualità del vino da gustare in casa”.

I mesi di pandemia hanno rivelato anche un’altra tendenza: un packaging di classe per pubblico più di diffuso. “Insieme alla conferma delle confezioni per i vini d’eccellenza di fascia alta, abbiamo avuto infatti un incremento della richiesta di questa tipologia di confezioni per i prodotti destinati alla Gdo e anche alla vendita online – spiega Ianich -. Quest’ultima è stata una tendenza che ci ha persino sorpresi, dato che l’e-commerce abitualmente punta su un packaging più friendly”. In ogni caso, prosegue l’imprenditore, all’appello mancano i numeri che “si potranno tornare a raggiungere solo quando riapriranno tutte le attività di ristorazione e, soprattutto, ritorneranno ad arrivare i turisti stranieri. Sono loro, infatti, a essere un traino significativo per il consumo dell’alta qualità della vitivinicoltura italiana”.

Negli stabilimenti di Tolmezzo e Asti, Lavorazione Legnami realizza packaging in legno su misura per le migliori bottiglie e lo contrassegna con il brand della casa vitivinicola marchiato a fuoco(non solo quindi leverei la specifica). L’impresa ha spinto ai massimi livelli la sua attenzione per la sostenibilità di tutta la filiera di cui fa parte e ha ottenuto di recente anche la certificazione ambientale PEFC ed FSC, che attesta la cura nella gestione dei boschi da cui proviene il legno utilizzato per il packaging.

In evidenza

MOLO17 INVENTA SIMULATORE INFORMATICO PER FORMARE RADIOLOGI. ALLEANZA CON L’UNIVERSITA’ DI UDINE

 

L’alta formazione del Friuli Venezia Giulia trova “in casa” risposte tecnologicamente all’avanguardia e del tutto inedite per le proprie necessità dalle aziende hi-tech del territorio. È il felice connubio creatosi tra l’Università di Udine e MOLO17, la software house di Pordenone che ha sviluppato una soluzione innovativa per consentire agli studenti del corso di laurea triennale in Tecniche di Radiologia dell’ateneo di Udine di poter simulare esami ed esercitazioni e approdare così molto più preparati alla pratica vera e propria. “L’addestratore simulato – afferma Rossano Girometti, coordinatore del corso di laurea in Tecniche di Radiologia medica – aiuta rendere automatica l’esecuzione di procedure complesse come la tomografia computerizzata”. I docenti avevano bisogno di un modo più sicuro e più disponibile per far allenare i futuri tecnici di radiologia all’uso degli scanner TC, prima che essi partecipino ai tirocini su pazienti dal vivo. L’utilizzo di veri scanner TC con fantocci didattici non è sempre possibile, infatti, a causa dei limitati periodi di utilizzo degli scanner a uso didattico. Inoltre, l’Università voleva ridurre i rischi sui pazienti reali e abbattere lo stress che si genera in fase di apprendimento se si opera in ambito clinico reale. Dato il problema, MOLO17 lo ha risolto creando, con il motore 3D Unity: «Un ambiente sicuro in cui sperimentare esami TC simulati che includono sia lo scanner TC virtuale, completo di software di controllo sulla sua console, sia un iniettore remoto di liquido di contrasto, un paziente virtuale con interazioni realistiche, e la possibilità di usare vere immagini Dicom per mostrare i risultati di un vero esame TC», spiega l’amministratore delegato Daniele Angeli. Il sistema, inoltre, può essere personalizzato autonomamente dai docenti, realizzando esercizi che possono essere creati con immagini Dicom fornite dagli stessi insegnanti e, con una conoscenza base del linguaggio Json, utilizzato per descrivere l’esame clinico. In questo modo è possibile la personalizzazione dell’esperienza secondo quanto ritenuto adatto per gli studenti. In virtù della soluzione creata da MOLO17 gli studenti, in sostanza, sperimentano le proprie abilità in completa sicurezza su pazienti virtuali che corrispondono però a veri casi clinici forniti dall’Ospedale Universitario di Udine. Possono simulare casi clinici rari più e più volte, arrivando al tirocinio vero e proprio con una solida conoscenza dell’uso della macchina TC e con la possibilità di potersi concentrare su ciò che è impossibile simulare al computer, a partire dalla relazione con il paziente. «Per la nostra azienda – conclude Daniele Angeli – è stata una scommessa che siamo sicuri di vincere, perché sono proprio soluzioni come questa che riescono a mitigare, se non addirittura a risolvere, molte delle problematiche tipiche degli addestramenti in ambienti complessi come quello ospedaliero. La nostra intenzione non è sostituire l’aspetto umano del tirocinio ma agevolarlo smarcando gli aspetti tecnici e stimolare l’attenzione a dettagli procedurali per garantire standard sempre più alti di servizio.”

Chi è MOLO17: fondata nel 2015, una software house con sede a Pordenone. La sua mission è quella di rappresentare un partner di riferimento per le aziende che vedono la tecnologia come strumento per innovare e migliorare le proprie attività. 

In evidenza

MEROI (ALFA SISTEMI): ‘LA PRIORITA’ E’ IL BENESSERE COLLETTIVO. L’IMPRESA DEVE FAR STARE BENE LE PERSONE’

Lui è Ferruccio Meroi (foto di AnnaAirone), presidente e amministratore delegato di Alfa Sistemi, azienda tecnologica con sede a Udine, uffici in Asia: 100 dipendenti e 7,5 milioni di fatturato (a fine 2020, con un + 8% rispetto al precedente anno). Una laurea in Lettere moderne, un intenso percorso professionale nel campo dell’informatica e dell’organizzazione, alcune esperienze manageriali in aziende multinazionali, ed oggi alla governance di una società tecnologica che ha fondato a Udine nel 1995, con core business in system integration e consulenza applicata all’implementazione di soluzioni Ict: Information and communications technology. 

Un ‘umanista’ alla guida di una società che si occupa di tecnologia? Evenienza considerata illuminata negli Stati Uniti. 

La preparazione sociologica e umanistica si accompagna, nel mio caso, alla competenza tecnologica e dei processi aziendali. Certamente, questo tipo di formazione aiuta nell’aspetto umano del business: ovvero scelta e motivazione dei collaboratori, ascolto e presa in carico delle loro necessità ed aspirazioni, gestione dei rapporti con i clienti e col mercato in generale, la capacità di chiedersi sempre “il perché” dei fenomeni che osserviamo. I valori che trascendono la mia azienda, e che vanno oltre ogni tipo di preparazione, sono però: credibilità, competenza e affidabilità, ai quali aggiungerei, passione e coraggio. Tutto ciò ha portato oggi Alfa Sistemi ad essere quella che è. Sono 25 anni che mi occupo della gestione d’impresa, con una particolare attenzione alla crescita ed all’occupazione.

Una ‘impresa’ impegnativa?

Esiste un particolare clima culturale in Italia che percepisce l’impresa come qualcosa di ostile e nocivo, che inquina l’ambiente, oppure che sfrutta i lavoratori, genera lavoro precario, magari evade le tasse e sicuramente si arricchisce alle spalle del lavoro. Noi invece crediamo che l’impresa sia una risorsa fondamentale e positiva per la società, che contribuisce alla creazione di lavoro e di Pil “buono”, contribuendo al benessere collettivo

Che cosa è per lei il successo?

Penso che sia la realizzazione di una idea, di un sogno. La soddisfazione personale è certamente una prima conseguenza, ma questo non basta, vi è qualcosa di più profondo: la consapevolezza di aver portato un valore ed un beneficio, anche piccolo, alla collettività che ci circonda ed alla società in generale. In sintesi il successo per me è lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato.

Come ha vissuto questo ultimo anno?

Nell’anno che il rapporto del Censis definisce come “l’anno della paura nera” abbiamo sicuramente avuto, come azienda, anche momenti di incertezza, dai quali però siamo stati in grado rialzarci e trovare le risorse morali e materiali per ricostruire un clima di normalità. Ricorrendo a strategie e processi interamente nuovi e mai sperimentati prima.

Il ruolo sociale dell’impresa, con il lavoro, è oggi fondamentale più che mai, non trova?

Certamente. In questo particolare momento, e nel periodo che seguirà, è fondamentale che l’impresa abbia un ruolo positivo nella società, si rafforzi il suo ruolo di comunità all’interno della quale nessuno deve sentirsi solo. L’interesse collettivo, della comunità, deve prevalere sul puro tornaconto individuale; i valori di coesione, impegno, coraggio devono poter contaminare positivamente l’ambiente e la società che ci circonda alleviando il clima di paura e di incertezza.Dobbiamo pensare che se la società sta bene, stanno bene le imprese, e di conseguenza sta parimenti bene anche il singolo individuo. Se viceversa la società sta male, non c’è beneficio per nessuno.

Si pone anche il tema ambientale, come concetto del ‘ben stare‘ della società?

Certamente. Il tema ambientale, visto in stretta correlazione ed integrato con altri aspetti, come: piena occupazione, istruzione, cultura, nuovo sistema di valori, infrastrutture, tecnologia, avrà un ruolo determinante nel miglioramento del benessere dell’intero sistema Paese.

Cosa ne pensa del momento che stiamo vivendo?  

Quando il Covid finalmente se ne andrà, lascerà nel nostro Paese una scia di macerie; forse, guardando gli aspetti positivi, la pandemia ci costringerà a prendere decisioni che, fino ad ora, non abbiamo avuto il coraggio di portare avanti. Ovvero ed anche, di passare dagli aiuti a pioggia e dalle spese per finanziare le spese correnti, agli investimenti mirati. Il Recovery Fund può essere l’occasione per prendere queste decisioni, forse l’ultima chiamata; dobbiamo essere in grado di gestire la selezione e la priorità dei temi da trattare per rendere il Paese più moderno e competitivo. Pensiamo alla digitalizzazione del Paese, alla modernizzazione del sistema produttivo, alle grandi infrastrutture, che accorcino ad esempio la distanza Nord-Sud, al sistema della formazione, alla sanità. Occasione ad esempio per ripensare al ruolo delle imprese come risorsa della società, magari aiutandole a crescere ed aggregarsi, e non come a un nemico da combattere.

Come giudica l’Italia dal punto di vista della digitalizzazione?

L’emergenza pandemica ha messo in luce, prepotenti, le debolezze sistemiche del nostro Paese in termini, ad esempio, di connettività, infrastrutture, strumenti digitali, sistemi informativi territoriali; il confronto con gli altri Paesi, non solo dell’Europa e del Nord America, ma perfino dell’Asia è impietoso e merita una riflessione profonda sulle scelte strategiche di politica industriale.

Quali, a suo avviso, le prossime sfide della nostra economia sociale?

La pandemia oltre che aver incrementato la forbice tra le consuete categorie dei ricchi e dei poveri, aumentandone notevolmente il numero, ha messo in luce una contrapposizione assolutamente nuova tra l’insieme, definito dal rapporto Censis, dei “garantiti” e dei “non garantiti”, ovvero coloro, i primi, che hanno un reddito garantito, e questi ultimi che non ce l’hanno. Durante i diversi lock down conseguenti la pandemia, tanti fra questi “non garantiti” sono diventati “più poveri dei poveri”. Penso che sia nostro compito e dovere impegnarci a fondo per ridurre questo divario, e migliorare il benessere complessivo della società. Infine: modernizzazione, occupazione, meritocrazia, ambiente, formazione possono contribuire a raggiungere questo risultato.

In evidenza

ROTONDI, MEP: ‘IN QUESTO MOMENTO STORICO DOBBIAMO OCCUPARCI DELL’ASPETTO UMANO, NOSTRO E DEGLI ALTRI. NEL SUO VALORE INTEGRALE’

‘Un manifesto dedicato ad un umanesimo olistico. Oggi, credo che si debba rinunciare ad una cultura decadente e simbolista che potrebbe essere espressione concomitante di una sub-competitività strutturale, che investe l’intera dimensione delle Human Capabilities, oltremodo indebolite e intimorite dalla congiuntura pandemica. Dobbiamo riflettere su di un nuovo umanesimo olistico-sociale, agire con un pensiero composto di identità plurime, assertive, capaci di coesione e inclusione, flessibili, intercambiabili, tecnologiche, tecniche, in continua evoluzione, con cultura economica, etico-umanistica e sociale. Ovvero: avere un dipinto olistico, “ganzheitliche malerei”, pensare al benessere altrui, come benessere individuale, mutuo e progressivo; ad un maggiore sviluppo dell’empatia nella modernità dei concetti di sostenibilità, responsabilità sociale, cultura dell’esistenza collettiva.  Verso il prossimo. Sì, i conti devono sempre tornare in azienda e sono anche numeri interessanti e descrittivi della cultura di un’impresa che ha indicatori e rating ammirevoli. Come mi sento? Mi sento bene e mi sono sentito sempre messo alla prova ad ogni livello. Gli eccellenti risultati non devono arrestare le prove. I rating positivi sono un allenamento anche per le aziende a fare meglio. Le aziende migliori sono integrali: perseguono il successo sociale, competitivo e reddituale. Le prove sono oltremodo attività generatrici di miglioramento. Chi non è pronto ora, non lo è mai stato prima e non lo sarà mai, a vari livelli, tempi e responsabilità. Obiettivamente non si può immaginare la realtà senza saperla vivere, il lavoro senza saper lavorare, la professione senza essere professionale. Dobbiamo credere al principio che sia lo spirito che dia vita alla materia; “mind over matter” (in latino: “mens agitat molem”). È attività di eccellente stimolo per tutti, l’essere costretti ad un esercizio vitale, lavorativo, professionale, sociale, concomitante a situazioni difficili, senza il tempo per aderire a modelli astratti che non siano fondati su esperienza, preparazione, competenza, coscienza, disciplina e educazione. Il migliore modello, l’esemplarità (“kata giapponese”) viene imposta dalla realtà e si ritrova ad essere la soluzione capace di conoscere le traiettorie esistenziali e professionali, individuali e collettive, di continuo progressivo apprendimento.   La possibilità di gestirsi nell’esistenza, ove le certezze della realtà si riducano, purché essa sia fondata sulle capacità di comprensione, decisione e azione. A vantaggio di tale visione agisce la dialettica tra competenze possedute e mutamenti che premiano la flessibilità di possederne altre.  È in questi momenti, relativamente difficile adeguarsi a modelli che non siano solidi, conosciuti, sperimentati e appresi. Se non fossero integrali, non sarebbero modelli. Sarebbero opinioni vuote di concretezza e non dimostrate, fuorvianti percorsi chiusi e sterili. Il pensiero postmoderno per un economista richiede la significazione più accurata dei modelli che spiegano la realtà in qualcosa di superiore al fatto che la aspettativa di vita sia prolungata, che l’identità digitale sia accompagnata da saggezza e stabilità. Nulla sarebbe senza modelli di esemplarità che siano in grado di generare ricchezza, benessere, equilibrio sociale già pregresso e progresso; senza che la libertà individuale possa divenire impegno sociale. L’unica realtà è la costante permutazione; il cambiamento in compimento continuo ove la riflessione apprenditrice è fenomeno rilevante e frequente per tutti gli aspetti della vita. Lavoro in primis. C’è un grande bisogno di consapevolezza in questo periodo storico. Anche da un punto di vista più strettamente antropologico; forse sono nate nuove capacità di adattamento, di visione. Di cultura.  Io la chiamerei autodiagnosi biochimica senza giungere ad una deriva filosofica. È un tema a me caro e a cui ho contribuito nella riflessione organizzativa per le aziende. La “Exaptation management” che metaforicamente nel business telling richiama anche per l’essere umano gli esempi della natura che integrano l’evoluzione: ad esempio il modello tecnico di costruzione ripetuta degli alveari e la capacità di nuotare del pinguino con le ali divenute pinne. Io credo nella postmodernità nella misura in cui l’individuo e le comunità siano capaci di riflettere sulla propria collocazione naturale e identitaria, acquisendo conoscenza e competenza, senza deumanizzarsi e destrutturarsi. Il lavoro e l’azienda, l’accademia e la società sono fondamentali in tale percorso che attraversa le generazioni e costruisce ricchezza, benessere, dignità, rispettabilità, esemplarità, sostenibilità, riflessività e responsabilità sociale.  Oggi forse la sensibilità supera la riflessività. È questione di tempo e potrà essere fenomeno globale ricorrente per ritrovare “le magnifiche sorti e progressive”.La visione dell’economia sociale di Amartya Sen, che conobbi nel marzo del 1990 al premio Giovanni Agnelli, mi ripropose la dimensione etica nelle società contemporanee; è ciò che caratterizza la modernità. Una riflessività globale, una coscienza della multidimensionalità umana, aziendale e sociale che genera una sorta di bypass culturale non surrealista, biochimico dell’esistenza’.

In evidenza

Zeno D’Agostino: ‘PORTO DI TRIESTE AL CENTRO DEGLI INTERESSI GLOBALI’. RECOVERY FUND: ‘SONO PREOCCUPATO ANCHE COME CITTADINO ITALIANO’

di Luigi Putignano

Quasi 62 milioni di tonnellate di merce movimentate nel 2019, delle quali poco più di 43 milioni rappresentate da rinfuse liquide, in larga parte petrolio, che ne fanno il più importante scalo petrolifero del Mediterraneo e uno dei più performanti d’Europa. Il porto di Trieste, primo scalo del Paese, è in forte crescita e sta assumendo sempre più importanza a livello globale per il suo essere incuneato nel centro dell’Europa, per i suoi fondali che permettono l’arrivo delle super porta container dal Far East, tanto da aver attirato le attenzioni della Cina e dell’anseatica Amburgo, uno dei principali hub portuali continentali. Oggi il contesto politico nazionale potrebbe minarne la crescita, a causa dei grandi punti interrogativi sul Recovery Fund, nel quale lo scalo internazionale del capoluogo del Friuli Venezia Giulia ha un ruolo da protagonista. Ne abbiamo parlato con Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di sistema portuale del mar Adriatico orientale, inserito, da Forbes, nella lista dei 100 migliori manager italiani del 2020.
“Le preoccupazioni per Trieste relativamente al Recovery Fund – ha spiegato D’Agostino – sono molto fondate, direi assodate. Nel testo si parla di 388 milioni che riguardano progetti ben specifici che abbiamo presentato, in tutte le forme gradite a Bruxelles, in termini di impatti sulla sostenibilità, sull’occupazione. Le cose che ci sono su Trieste sono molto concrete. Ora, alla luce di quanto sta accadendo dal punto di vista politico nello Stivale, bisogna capire che fine fa il piano”.

Sostenibilità significa anche elettrificazione delle banchine, per ridurre l’impatto del lavoro portuale sulla città e sui lavoratori portuali, e potenziamento della logistica su ferro. 
“C’è un progetto complessivo che riguarda tutti i porti, Trieste compresa, sulla questione dell’elettrificazione delle banchine, con circa un miliardo che viene messo sul tavolo dallo Stato, attraverso il Recovery.  Poi c’è tutta la componente ferroviaria: abbiamo già circa 200 milioni di finanziato sul ferroviario ma ne abbiamo ancora bisogno perché con la crescita esponenziale e anche dimensionale del porto deve progressivamente crescere anche l’infrastruttura ferroviaria di queste nuove aree che andiamo a sviluppare. Si tratta di una serie di progetti che stiamo preparando da giugno e che abbiamo già pronti da fine agosto. Che dire, la questione Recovery Fund è avvolta da un grosso punto interrogativo che mi pongo non solo da presidente del porto ma anche da cittadino italiano”. 

Il 2019 è stato l’anno del memorandum con la Cina, poi tutto sembra essersi arenato…
“Con la Cina noi abbiamo inaugurato un modus operandi che poi gli altri hanno detto che bisognava applicare, vale a dire quello della reciprocità. Con la Cina abbiamo messo in piedi un discorso che prevedeva progetti sia in Cina che in Italia. Non abbiamo visto tanti progressi sul suolo cinese e quindi, giocoforza, nemmeno in Italia. Quindi la critica per cui Trieste si è venduta o altre corbellerie del genere è stata smentita dal fatto che noi siamo stati quelli che per primi sono riusciti, pur nel loro piccolo, a chiedere al soggetto cinese che si partisse con dei progetti specifici in Cina. Su questo punto, devo dire, c’è stata una piccola ripresa a fine 2020, soprattutto sul tema della filiera del vino. Ed è li che misuriamo il nostro progetto sulla Cina, il resto sta anche alla trattative che fanno i privati. Noi siamo piccoli nel contesto globale ma le idee le abbiamo chiare e siccome abbiamo un patrimonio prezioso che è oggi Trieste, il suo porto e la sua collocazione a livello globale che comincia ad avere da qualche anno un’importanza rilevante, lo mettiamo sul tavolo delle trattative. Io non ho mai avuto dubbio su questo, magari è qualcun altro che ne ha sulle nostre capacità di dialogare.

Mentre con la Cina le cose appaiono più complicate, con i tedeschi di Hamburger Hafen und Logistik le cose sono andate avanti molto velocemente.
“Noi ragioniamo a livello tecnico e oggettivo. Ed è oggettivo che sono maggiori le difficoltà nel poter garantire un passaggio tranquillo di una golden power relativa a un’annessione o un acquisto di una struttura strategica per il Paese da parte di un soggetto cinese all’interno dello scalo di Trieste potrebbe provocare molti più problemi rispetto a una golden power sui tedeschi, come poi in effetti è avvenuto. Ed è una cosa risaputa, che noi tecnici comprendiamo, che i tedeschi di Amburgo per l’ingresso nella piattaforma logistica triestina hanno ottenuto il beneplacet abbastanza rapidamente perché soggetto comunitario”.

Intanto per quel che riguarda il prossimo futuro quali sono gli scenari e gli obiettivi?
“Una cosa che va detta e su cui noi lavoriamo sempre ma che non appare così scontata e che spesso va comunicata è che noi oggi abbiamo un sistema complessivo fatto si dal porto di Trieste, ma anche dagli interporti, dalle zone industriali – noi siamo al 52% nel Consorzio di sviluppo economico locale dell’area giuliana (Coselag) e io ne sono il presidente – dal porto di Monfalcone, abbiamo aree di punto franco che sono appetibili. Quindi è da lì che arriveranno le grandi novità nel corso del 2021. Anche perché il porto adesso ne ha di cose da fare, tra ungheresi all’ex Teseco per il terminal multi-purpose su un’area da 32 ettari, accordo di programma della Ferriera, e ampliamento del molo settimo. Insomma in porto ci sono così tante cose da fare che spero che ulteriori novità non arrivino. Non va quindi sottovalutato tutto quello che sta accadendo a livello di trasporti, di zona industriale e a livello di FREEeste, la nuova zona franca del porto di Trieste che sorge a Bagnoli della Rosandra. Ed è probabile che arriveranno proprio di lì le principali novità del 2021. Nella nuova zona franca abbiamo portato avanti attività logistiche, i magazzini sono pieni, ma non è quello l’intento, perché lì vogliamo fare anche attività industriale”.

Il collegamento con Pordenone ha reso ancora più evidente l’importanza delle connessioni con un retroporto che diventa sempre più interconnesso. Si può definire il Friuli Venezia Giulia come la grande piatta logistica del porto, definita così nei giorni scorsi dal governatore Massimiliano Fedriga?
“Penso che sia una gran bella cosa quando un governatore fa un ragionamento di questo tipo, perché è evidente che c’è un totale allineamento da tutti i punti di vista, sia di chi ha in qualche modo l’onere e la responsabilità di governo di tutta la regione e di chi come noi deve gestire i punti fondamentali di questo sistema. Quindi l’altro giorno in Camera di commercio, a Trieste, ero felice di ascoltare da Fedriga. Non è scontato vedere un allineamento di questo tipo. Da soddisfazione. E, mi permetto di dire, che la da anche agli esperti venuti da fuori Regione che, l’altro giorno, hanno assistito all’incontro organizzato dalla Camera di commercio della Venezia Giulia e The European House – Ambrosetti sulle strategie e le azioni per la competitività della Venezia Giulia al 2025.
Tutti i partecipanti hanno enfatizzato il ruolo dello sviluppo logistico della Regione. Non mi sembra fosse così scontato sei anni fa. Oggi è diventato un mantra un po’ per tutti ed è una grande soddisfazione”.

In evidenza

A PESARIIS, IN VAL PESARINA, IL ‘VALTEMPO RELAIS’, UN HOTEL NUOVO IN UN PALAZZO ANTICHISSIMO

Peasriis è un piccolo gioiellino. Un paesino fra le montagne della Carnia, in provincia di Udine. Novantuno abitanti: 91. Però: pare di essere al centro del mondo. Sì, a Pesariis c’è tanta energia. Anche se è isolato, lontano da tutto o quasi: ci troviamo in Val Pesarina. Eppure. C’è una magia. E’ il paese degli orologi, nel Comune di Prato Carnico (Ud). Un’antichissima tradizione lo vede come luogo deputato alla creazione di orologi per torri civiche e campanarie, questo già a partire dal 1725. Gli orologi sono ancora più particolari se ricoperti da una coltre di neve: l’orologio ad acqua, a vasche d’acqua, ad acqua e vasi basculanti, e poi l’orologio calendario perpetuo, quello con carillon, e dei pianeti, a meridiana, planisfero notturno, a palette giganti.

La meridiana orizzontale, la meridiana del 1770, l’orologio a scacchiera, a cremagliera ed anche l’orologio di Leonardo Da Vinci. Questa è storia: la realtà oggi è fatt’anche di un nuovissimo relais. Valtempo relais: 20 posti letto in una antichissima casa, completamente ristrutturata, di Fabio Massaro (nella foto in alto e in basso con Massimiliano Cecotto), un uomo innamorato di Pesariis, perché lì c’è nato. ‘Vivo a Verona, ma il mio cuore è a Pesariis’, conferma. Un investimento e Pesariis può contare su di una nuovissima struttura ricettiva dotata anche di un centro benessere. Camere accoglienti, silenzio, il tutto in armonia con la natura. ‘Il mio principale obbligo morale per questo paese è offrire posti di lavoro – spiega Massaro – e con questa nuova attività – pronta un anno fa e poi in stand by a causa del Covid – riusciamo a fare lavorare una famiglia del luogo, e questo mi riempie di orgoglio’. Massaro è titolare della Itabedis (azienda nota per la lavorazione dell’acqua) in provincia di Verona, le sue attività imprenditoriali gli hanno consentito di poter investire anche in Carnia. Un desiderio reso ancora più forte ed evidente nella sua mente dopo essere scampato al Covid. Massaro è stato uno dei primi pazienti ad avere contratto il virus, il mese di marzo dello scorso anno. ‘Da allora mi sento cambiato: se già prima desideravo fare del bene, creare occupazione, oggi questo è il mio principale obiettivo, con più forza e determinazione di prima. Questo luogo merita tutto ciò ed altro, e soprattutto qualità dei servizi ricettivi. Ciò significa tenere aperto sempre (ove e quando possibile), accoglienza, disponibilità’. Anche Massaro sulla scia della tradizione degli orologi: ha creato alcuni modelli tutti in legno, da polso. Oggetti di grande valore intrinseco, ed al contempo belli e raffinati: www.valtempo.com. ‘La mia priorità è continuare la tradizione a Pesariis, ho investito, ci credo, non sono interessato al profitto: voglio far continuare a vivere il paese degli orologi’. Nella cronaca di una giornata d’inverno a Pesariis la presenza stupita anche di Massimiliano Cecotto, direttore commerciale di Credifriuli: ‘La nostra banca è vicina al territorio. Ammirare l’impegno di imprenditori come Massaro, fa bene: da speranza e fiducia per il futuro’. 

In evidenza

EUROTECH: AUTO A GUIDA AUTONOMA SEMPRE PIU’ VICINA

Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech, annuncia la partnership con Nvidia, ufficializzata di recente, per incrementare le performance dei supercalcolatori installati sui prototipi di auto a guida autonoma, attualmente in studio in Silicon Valley, in California. L’annuncio giunto nell’ambito di un dialogo, avvenuto in video-call, fra Roberto Siagri e Marco Pavone, professore alla Stanford University in California, presso il dipartimento di Aeronautica e Astronautica, direttore dell’Autonomous Systems Laboratory.

‘L’auto a guida autonoma sarà presto una realtà’. E’ quanto emerso dallo scambio fra Siagri e Pavone.  ‘Era fantascienza fino a soli dieci anni fa – confermano entrambi – ora è sempre più una realtà’. A Phoenix, in Arizona, Waymo, azienda del gruppo Alphabet, ha inaugurato il primo servizio di taxi al mondo, senza conducente. Gli abitanti di Phoenix, dallo scorso autunno, possono usare l’app Waymo One per prenotare la propria corsa e venire scarrozzati da un auto a guida autonoma in un’area di 50 miglia quadrate. Pavone si occupa anche dell’elaborazione degli algoritmi di intelligenza artificiale che stanno dietro alle auto a guida autonoma, in special modo, con riferimento alla predizione sui comportamenti umani in determinate situazioni, e su quali azioni compiere in caso di incertezza.

‘Penso che realizzare un auto a guida autonoma sia, in fin dei conti, più difficile che mandare un razzo sulla luna. Siamo andati sulla luna con un calcolatore dalle prestazioni inferiori a quelle di un telecomando. Il calcolatore dell’Apollo11 eseguiva meno di 100mila operazioni al secondo. Un telefono cellulare di oggi è 100mila volte più veloce. L’auto senza pilota è tra le cose più complesse che stiamo tentando di realizzare. Eurotech produce  supercalcolatori miniaturizzati raffreddati a liquido che eseguono circa 100 mila miliardi di operazioni al secondo. Nel bagagliaio di una berlina ne stanno 5:  che porta il conto a 500 mila miliardi di operazioni al secondo. Un auto ‘prototipo’ con i sensori per livello 5 produce tra i 2 ed i 4 Terabyte ora di dati (tra i 2mila miliardi ed i 5mila miliardi). Solo la memorizzazione in tempo reale di questa enormità di dati è una sfida. Con la partnership di Invidia che abbiamo ufficializzato di recente, stiamo aumentando le performance di questi supercalcolatori’ conferma Siagri. 

‘Arriveremo presto all’auto a guida autonoma di livello 5: ovvero, ad una situazione in cui, l’automobile non avrà bisogno di nessun intervento umano per il suo uso. Ciò che sta accadendo a Phoenix dimostra già che siamo vicini a quel risultato. Se non altro, nella quotidianità, le automobili prodotte stanno divenendo sicuramente più sicure, dotate di sistemi per una maggiore sicurezza’ sottolinea Pavone che, conferma che le attuali ricerche per l’auto a guida autonoma, portano già i loro effetti sulle automobili di ultima generazione, dotate di sistemi di sicurezza sempre più evoluti.

Eurotech (ETH:IM) è una multinazionale che progetta, sviluppa e fornisce soluzioni per l’Internet of Things complete di servizi, software e hardware ai maggiori system integrator e ad aziende grandi e piccole. Adottando le soluzioni di Eurotech, i clienti hanno accesso alle pile di software (stack) open-source e standard più recenti, a gateway multiservizi flessibili e robusti e a sensori sofisticati, allo scopo di raccogliere dati dal campo e renderli fruibili per i processi aziendali. In collaborazione con numerosi partner di un ecosistema mondiale, Eurotech contribuisce a realizzare la visione dell’Internet delle Cose, fornendo soluzioni complete oppure singoli blocchi “best-in-class”, dalla gestione dei dispositivi e dei dati alla piattaforma di connettività e comunicazione, dai dispositivi periferici intelligenti agli oggetti “smart”, con modelli di business idonei al mondo dell’impresa moderna. Per maggiori informazioni su Eurotech, www.eurotech.com.

In evidenza

CARLO DALL’AVA: ‘SONO UN SOPRAVVISSUTO, ORA MI SENTO UN ALTRO UOMO’

Foto di @AnnaAirone

Non sempre le cose vanno bene. Le sfide nella vita, ci sono per tutti. Anche per chi, nella vita, può dire di avere tutto, soprattutto la felicità quotidiana per quello che si è e si fa. Nessuno è immune però alle vicende avverse. Questo periodo di pandemia ce lo sta dimostrando. Già essere imprenditori è di per suo una prova quotidiana. C’è anche chi, le sfide, le affronta e poi torna più forte di prima. È quanto accaduto a Carlo Dall’Ava, noto fondatore del marchio Dok, degli altrettanto noti prosciutti da San Daniele del Friuli. Fondatore di diversi ristoranti e prosciutterie. No, non è uno scampato al Covid. È comunque un sopravvissuto.

Come stai, oggi?

Oggi bene. Ma ho passato un periodo duro, durissimo, da cui sono uscito diverso.

Cosa è successo?

Un infarto. Giorni e giorni in ospedale. Operazioni. La terapia intensiva. Non poter comunicare con i miei cari. A mia moglie, al telefono, dall’ospedale han detto, mentre mi trovavo in rianimazione: ‘È stato operato, vediamo se passa la notte’. È stata dura. Ma sono qui a raccontarla.

Ora ti senti diverso?

Sì. Diciamo che molte delle persone che credevo amiche mi hanno voltato le spalle. Ed allora, dentro di me, è scattato qualcosa: non ho più tempo per non dire ciò che penso. I freni inibitori sono saltati. Mentre, molti altri mi hanno stupito per la loro vera amicizia: a loro sono grato, non me lo dimenticherò. Mai.

Cosa vorresti dire oggi, in questa situazione economico-poltica-sanitaria che stiamo vivendo?

Che si vergognino. Mi riferisco a coloro che hanno il potere di tenere chiusi locali e ristoranti. A chi ci governa. A mio avviso non si rendono conto del danno che stanno apportando all’intero sistema economico, così facendo. Chi ci governa non ha la minima idea di cosa voglia dire fare impresa. Ovvero: svegliarsi ogni giorno con una miriade di problemi da risolvere. Lottare perché le cose vadano bene. Dare da lavorare a centinaia di persone e non sapere cosa sarà domani. Ci dicono di adeguarci alla norma per: il distanziamento, un numero limitato di posti a tavola. E poi ci fanno chiudere, senza nessuna certezza su quando e come riaprire. Siamo un popolo tollerante, accettiamo ciò che ci viene imposto. Fossimo in Francia, on in altri Paesi al mando, le reazioni sarebbero differenti.

Quanto del vostro personale è a casa?

Ho 80 persone a casa. Abbiamo anticipato la cassa integrazione, non so se saremo ancora in grado di farlo. Quando in molti altri Paesi nel mondo tutto funziona, con le regole, rispettando i dettami anti Covid. L’Asia è ripartita. Israele ha vaccinato l’intera popolazione e noi siamo nel pieno di una crisi di Governo, nel bel mezzo della pandemia. Solo noi  registreremo, con i nostri ristoranti, un meno 80% degli introiti. I ristori sono compensazioni a dir poco ridicole. 

Cosa farai appena si tornerà alla normalità?

Un giro in moto. Adesso i medici mi hanno detto che non posso ancora farlo.

Chi ti senti di ringraziare dopo questo brutto momento?

Oltre alla mia famiglia, i medici e gli  infermieri degli ospedali di Udine e Pordenone: mi hanno curato con grande professionalità e umanità. 

In evidenza

TRIESTE IN PANDEMIA: LE FOTO

di Luigi Putignano

Un fine settimana uggioso a Trieste. Che di colorato ha solo l’arancione della zona nella quale, almeno per la prossima settimana ancora, l’intero Friuli Venezia Giulia si ritroverà, stando ai parametri stabiliti dal comitato tecnico scientifico e dal commissario all’emergenza sanitaria da Covid-19. E’ la pandemia vissuta nella città più a sud dell’Europa centrale e più a nord di quella meridionale. Che, dal suo esordio, ha portato “in dote” alla città giuliana e al suo territorio 12 mila 953 contagiati e 519 decessi (fonte Regione Fvg al 22 gennaio). Un calo delle attività commerciali tale da aver decretato un cambiamento epocale del variegato tessuto cittadino. Sta soffrendo il centro, anima borghese di una città cosmopolita, così come le periferie, popolari e una volta chiassose, a volte lontane anche chilometri dal “salotto” cittadino. Sta soffrendo il negozio di vicinato (anche se in misura minore) ma anche lo shopping mall ipertrofico. Poca gente in giro, i numerosi caffè, peculiarità tutta triestina, che lavorano a ritmo ridotto per l’asporto obbligato fino alle 18. Dopo neanche quello. I dehors, che a Trieste sono sempre super affollati, nonostante la latitudine del capoluogo del Fvg sia la stessa della continentale Lione in Francia, e che da sempre ricreano quell’atmosfera tutta levantina della città, in questo periodo sono sbarrati. Come la scena di un crimine. Ci sono ma non li può toccare. Neanche per girare lo zucchero nel caffè, comprato pochi metri prima e servito all’uscio sui classici tavolini zincati o in granito. C’è poca gente in giro, poche auto. Le rive, che normalmente sembrano una sorta di autostrada urbana a quattro corsie, sono semi deserte. Piazza Goldoni, centro nevralgico da cui si dipartono le principali arterie cittadine, lo è altrettanto. Solo i rider, con i loro caratteristici borsoni termici, sfrecciano numerosissimi in scooter e in bici, per pochi euro (secondo gli ultimi dati dell’osservatorio di JustEat, Trieste, nel 2019, era ai primi posti in Italia per utilizzo delle piattaforme di digital food delivery. Figuriamoci ora). In compenso sono ancora numerosi i triestini che fanno jogging o passeggiate veloci lungo i pittoreschi percorsi che il Carso mette a disposizione (Trieste è una delle città più sportive del Paese, stando alle classifiche de Il Sole 24 Ore)Anche luoghi simbolo come la piazza sul mare per antonomasia, piazza dell’Unità d’Italia, appare desolatamente semivuota, con una dei brand, lo storico “Caffè degli Specchi” che ha sua volta “brandizza” il detergente igienizzante posto all’ingresso di uno dei caffè storici della “piccola Vienna sul mare”. Da Piazza dell’Unità si vede il mare, che ha fatto la fortuna della città, e che può contribuire a rilanciarla. Le navi da crociera che lo scorso anno e questo avrebbero dovuto imbarcare e sbarcare vagonate di passeggeri in stazione marittima, di fronte a quello che fu uno dei più grandi hotel dell’impero asburgico, l’Excelsior, sono si presenti in gran numero in questi mesi a Trieste, ma desolatamente parcheggiate nei pressi dell’arsenale marittimo e dei container in porto nuovo. Porto che, in controtendenza con quanto sta accadendo in città, cresce e si sviluppa anche grazie ad accordi con compagnie straniere che ne decreteranno il rilancio, già in atto da alcuni anni, e ne rispolvereranno quell’aura di internazionalità che si era andata appannandosi negli anni scorsi.

In evidenza

GOVERNO E POLITICA, A PARLARE GLI IMPRENDITORI: ‘SERVE RESPONSABILITÀ, NON GIOVA ALL’ECONOMIA QUANTO STA ACCADENDO A ROMA’

Giornata campale per il Governo, alle prese con la richiesta di fiducia al Senato, e mondo economico preoccupato. La prospettiva, infatti, sembra consegnare una visione a breve termine, accrescendo un quadro di incertezza che, dicono imprenditori e manager, «non fa bene all’economia».

Paolo Fantoni, dell’omonimo colosso friulano: ‘Trovo che una crisi di Governo non sia coerente con le problematiche emergenziali  legate alla pandemia, sia in ambito salute pubblica che in ambito  economico’. Ovvero: non è proprio il momento per aprire una crisi governativa. Giovanni Tosolini, patron della nota distilleria: ‘ Servirebbero imprenditori al Governo, persone che sanno cosa voglia dire rischio di impresa, allora forse le cose andrebbero meglio’. Giovannino Bearzi, Ceo della Beng di Tolmezzo (Ud), creatrice di fari e fanali per le auto di lusso: ‘È inutile che ci giriamo intorno, al Governo abbiamo persone non preparate. Ero recentemente a Milano ed ho visto la fila di persone costrette a rivolgersi alla Caritas. Mi viene da pensare: coloro che ci governano, si rendono conto di quanto sta accadendo. Questa incertezza è devastante. Che prendano decisioni definitive e le mantengono, o se non sono in grado, è forse bene lasciare il posto a chi ha le competenze per farlo. C’è in gioco il nostro futuro. Non è uno scherzo’. Giuseppe Varisco, noto commercialista di Gemona (Ud), figlio del compianto Salvatore Varisco, assessore alla Ricostruzione, nel post terremoto del Friuli Venezia Giulia: ‘Non esiste più una scuola politica di formazione, che educhi e formi le persone appunto ad amministrare e prendere decisioni per il bene comune. In questo momento, mi chiedo: è meglio continuare con questa situazione che appare evidente non essere appropriata alla situazione, o cambiare le cose? Auspico serietà e non il solito gioco delle parti. Mi viene da ribadire il concetto della ‘likecrazia’ piuttosto che della democrazia. La situazione è veramente drammatica per alcuni settori: ritengo che molte attività di tipo commerciale non riusciranno a sopravvivere. Ora siamo come anestetizzati, le vere conseguenze le vedremo fra qualche mese. Sarebbe opportuno non perdere ulteriore tempo’.  Alessandro Liani, amministratore delegato di Videosystems (Udine): ‘In questo momento una crisi di governo era l’ipotesi meno augurabile, ma va detto che operare con una situazione politica come l’attuale dove ognuno guarda al proprio tornaconto dal punto di vista elettorale è un vero problema. Quindi penso sia necessario cambiare passo in un’ottica di bene comune che in Italia risulta spesso difficile, sarebbe auspicabile una visione unica per il bene del Paese e del suo tessuto sociale. Penso sia finito il tempo di parlare di emergenza: ora siamo entrati in quella che ritengo una nuova normalità che dobbiamo gestire e che avremmo dovuto, a livello politico, aver preso in mano già da mesi, ma così non è. Sono stati fatti errori e sprechi che ricadono sulla collettività tutta, sarebbe anche utile avere il coraggio di fare un’analisi su quanto fatto e rilevare i problemi per non commetterli in futuro. Sicuramente è mancata una regia unica in grado di fare sintesi, si è andati avanti per mesi con  visioni diverse ai vari livelli e questo si è trasformata in una babele di informazioni, direttive che hanno solamente creato confusione e mal gestione del problema’.

Cristian Paravano, udinese, direttore generale del Gruppo Gatto di Domegge (Bl), evoca l’acronimo Vuca – Volatility, uncertainty, complexity and ambiguity – per sintetizzare il contesto in cui la crisi di Governo è piombata. «Volatilità, incertezza, complessità, ambiguità impongono nelle organizzazioni aziendali un di più di responsabilizzazione che sembra essere vanificata dal fatto che sul fronte istituzionale non vi è una capacità di governo». Una crisi che inevitabilmente «costa» all’economia. Sul breve termine, anche se la Borsa non ha reagito negativamente, «alimenta l’incertezza che sta inducendo le imprese a fare progetti a sempre più breve gittata, perché non c’è alcun punto di ancoraggio. Dai piani pluriennali si è arrivati a prospettive di un mese, se non di settimane». A più lungo termine, «c’è un danno a livello reputazionale sulle piazze internazionali e molti dei dossier strategici per il traino del Pil nei prossimi anni – dal Recovery Fund all’Ilva, ad Autostrade, solo per citarne alcuni – rischiano ritardi importanti». Preoccupato anche Fabio Massaro, tolmezzino, amministratore delegato di Italbedis (Verona), azienda con corebusiness nella lavorazione dell’acqua. «Questa crisi costa senz’altro a un mondo dell’economia che è fermo. Sto pensando, per esempio, al mondo dell’Horeca, di fatto scomparso. Questa situazione di stallo non ci voleva proprio», afferma. Soprattutto, aggiunge, perché «gli strumenti per affrontare la difficilissima situazione il Governo li ha messi in campo, ci sono, ma non sempre la filiera necessaria alla loro applicazione è sana. Una crisi come questa peggiora la possibilità di controllo». Massaro ha chiaro un esempio, ovvero «il comportamento delle banche rispetto all’accesso al credito delle aziende. A fronte di garanzie statali che, attraverso il Mediocredito centrale, possono arrivare al 100%, gli istituti di credito potrebbero fare molto di più. Invece, spesso commisurano l’erogato sulla base del fatturato aziendale in tempi di Covid, vanificando per l’utente finale il beneficio che dovrebbe derivare dalle garanzie assicurate dal governo. Occorre una vigilanza maggiore, che una crisi politica non facilita», conclude Massaro.

Si cambia settore, ma l’occhio critico resta. Michele Ianich, presidente della friulana Lavorazione Legnami (Tolmezzo, Ud), guarda all’andamento borsistico che non ha risentito della crisi politica italiana, ma ciò non è sufficiente a renderlo tranquillo. ‘A fronte dell’accresciuto clima di incertezza, avremmo bisogno di un governo di tecnici competenti con un obiettivo su tutti: preparare la ripartenza. L’emergenza, infatti, può essere gestita anche in forma commissariale, ma le scelte pro futuro hanno bisogno di una guida di qualità e con visione». Ianich sarebbe favorevole ad una presidenza del Consiglio affidata all’ex governatore della Bce Mario Draghi – Confindustria Udine nei mesi scorsi aveva avviato anche una petizione per questo obiettivo -, sempre che «fosse messo nelle condizioni di potersi creare un proprio team per affrontare la complessità della situazione’. Roberto Siagri, ad di Eurotech (Amaro, Ud): ‘Stiamo vivendo un periodo molto delicato da un punto di vista economico. L’intero pianeta è coinvolto in questa pandemia. Ovviamente: in questo momento serve grandissima responsabilità anche politica, c’è da presentare un recovery plan all’Europa credibile e che sia in grado di rilanciare il Paese e che permetta di operare una vera  trasformazione digitale dell’economia. Siamo ancora fanalino di coda in Europa sui temi del digitale e il piano che finora si è visto indirizza in maniera blanda questi temi. Non possiamo mancare questo obiettivo, non lo possiamo né per noi ne per il futuro dei  nostri giovani. Non si tratta infatti di guidare un Paese, in una situazione contingente normale, ma assolutamente eccezionale. Detto ciò, non mi preoccupa una crisi di governo se serve a far emergere le criticità e portarci sulla retta via. Meglio una crisi di governo costruttiva che una stabilità che ci porta fuori rotta. L’etimologia della parola crisi in fin dei conti e decidere di fronte ad un pericolo. Ecco questo è il momento delle improcrastinabili decisioni’.

In evidenza

ILLY: ‘PUNTIAMO FORTE SUGLI USA’. L’ITALIAN SOUNDING DIVENTA ANCHE AUTHENTIC

di Luigi Putignano

Andrea Illy, presidente di Illycaffè, presente negli Usa da oltre quarant’anni e brand globale, interviene sui fatti accaduti a Washington nei giorni scorsi, anche nell’ambito di una situazione economico-politica difficile, come quella che stiamo vivendo anche nel nostro Paese.

Il gruppo fattura 520,5 milioni di euro (2019), conta 1.405, la filiale statunitense (Illy Caffe North America) si trova a Rye Brook – New York.

L’azienda triestina punta forte all’export negli Usa, con un mercato completamente diverso da quello del Belpaese. «Noi – ha sottolineato Illy – siamo negli Usa da almeno quarant’anni, è il nostro secondo mercato, dopo quello italiano. Siamo un brand globale, presente in oltre 140 Paesi, con due terzi delle vendite fuori dall’Italia. Per poter continuare a crescere a livello globale, abbiamo bisogno di un mercato domestico più ampio di quello italiano. Abbiamo scelto gli Stati Uniti perché è il primo mercato al mondo a valore per il caffè, c’è una segmentazione che premia il caffè di alta qualità, di cui siamo stati in parte artefici, quanto meno nelle battute iniziali, e possiamo portare un offerta molto interessante, posto che il caffè gourmet rappresenta un ‘italian sounding’ gigantesco. Se ‘italian’ deve essere, allora rendiamolo ‘authentic’ oltre che ‘sounding’.»

«Negli Usa non c’è un problema occupazionale ma salariale, a causa di un’economia a bassa inflazione. E questo tipo di prospettiva porta la popolazione all’esasperazione. Questo fenomeno va letto assieme all’enorme complessità che la nostra società sta affrontando in questi anni. La nostra è una società che è sistemicamente insostenibile, dal punto di vista economico – perché la crescita economica è debito pubblico pompato con politiche monetarie aggressive –dal punto di vista sociale –con le problematiche legate all’integrazione e all’inclusività – e, infine, dal punto di vista climatico. Quanto accaduto nei giorni scorsi è una delle tante ‘fibrillazioni’ che ci dicono che siamo prossimi a un cambiamento di stato. La speranza è che questo segnale sia anche fonte di un rinnovamento della politica che non può andare avanti con la matitina alle urne. Dobbiamo diventare un po’ più smart. È certamente la fine di un’era, di un vecchio modo di fare politica.»

L’amministrazione di Joe Biden sarà in grado di governare in maniera forte? «Dipenderà – ha evidenziato Illy – dalla leadership del neopresidente e dalla sua capacità di superare la vendetta trumpiana e di quei 74 milioni di elettori che forse non si identificano negli assalitori di Capitol Hill. Tutto questo dipenderà dalla retorica dei prossimi mesi. Dal punto di vista economico, per Biden, un grosso aiuto potrà venire dalla green economy: grazie al Senato, la politica green degli Usa potrebbe diventare molto aggressiva, scatenando una sorta di ‘guerra’ competitiva tra Usa, Europa e  Cina, con investimenti davvero cospicui, nell’ordine dei trilioni di dollari, che ci permetteranno di raggiungere gli obiettivi prefissati sul clima. La Cina ha dichiarato che diventerà ‘carbon free’ nel 2060. Se manterrà o meno le promesse dipende dal grosso punto di domanda dovuto al fatto che parliamo di un Paese che non è una democrazia.»

In evidenza

OVERLOG, LA PANDEMIA DIGITALIZZA I MAGAZZINI

Overlog è una di quelle aziende – core business in software tecnologicamente avanzati per la gestione dei magazzini, da 30 anni sul mercato – che non ha risentito della crisi economica dovuta alla pandemia. Anzi, le nuove necessità, emerse all’interno delle imprese, in seguito ai ripetuti lockdown: hanno creato nuovi modelli di lavoro, accelerando processi di digitalizzazione anche all’interno dei magazzini. L’esplosione del commercio on line ha determinato, nel caso specifico, un crescente ricorso ad una migliore gestione dei magazzini dove arrivano ordini, per l’individuazione e la spedizione della merce. ‘Il ripensamento del sistema logistico in prospettiva digitalizzata, automatizzata ed in sinergia con il resto dei dipartimenti aziendali: è un processo strategico ai fini dell’abbattimento dei tempi di gestione e di evasione degli ordini, per rendere il sistema integrabile con nuove unità di personale in qualsiasi momento, per puntare al “zero errori” e avere in tempo reale il controllo di tutta l’attività’, spiega Marco Crasnich, amministratore delegato di Overlog, illustrando così le molteplici finalità che sono sottese a un intervento della società nelle imprese. Un esempio di recentissima “rivoluzione” che deriva dall’operatività di Overlog, in epoca pandemica, lo offre il progetto realizzato alla BluBai, società di riferimento per la distribuzione all’ingrosso di bevande. Prima nella sede di Cesenatico (Forlì-Cesena) e poi a Ravenna: Overlog ha informatizzato tutto il lavoro del magazzino, rispondendo a tre obiettivi prioritari della committenza: gestire il lavoro con “zero errori”, semplificare le operazioni, accelerare i tempi di evasione degli ordini. ‘La situazione di partenza era quella analoga a molte aziende: utilizzo di liste manuali e tutta l’organizzazione affidata alla conoscenza ed esperienza dei singoli, con evidente difficoltà a inserire nuovi addetti nei momenti di picco lavorativo’ continua Crasnich. Sono nate soluzioni innovative: il riconoscimento vocale da parte della macchina, che ‘sente e riconosce’ il comando che deve operare. I risultati sono in un magazzino con il 50% di efficienza in più, in cui si è movimentato un +35% di colli, le operazioni sono cresciute del 35% a fronte di una riduzione del 70% degli errori e di un taglio dei tempi dell’80% nell’inserimento di nuovo personale. Overlog è un esempio di come la pandemia abbia contribuito alla nascita di nuovi modelli digitali di lavoro, all’interno dei magazzini industriali: soluzioni alternative ed innovative a cui forse si sarebbe arrivati dopo diversi anni.

In evidenza

EUROTECH, L’AD SIAGRI INTERVIENE SUI FATTI DI WASHINGTON

Roberto Siagri (nella foto alle spalle della Casa Bianca), amministratore delegato di Eurotech, interviene su quanto è avvenuto in questi giorni a Washington DC; la multinazionale friulana ha infatti, una sua filiale, non lontana dalla capitale degli Stati Uniti d’America: a Columbia, nel Maryland. Eurotech ha registrato, nel 2019, un giro di affari di 53 milioni di dollari, solo negli Stati Uniti.

‘Chi detiene grandi responsabilità, come un presidente degli Stati Uniti, non può permettersi certi atteggiamenti, tenuto conto che è proprio lui il responsabile anche della macchina elettorale. E noi tutti abbiamo compreso, forse più di prima che, per preservare la democrazia serve impegno. Non dobbiamo darla per scontata. Mai. Nemmeno in un Paese, come l’America, che ha fatto di libertà e democrazia, i suoi baluardi. La democrazia ha le sue regole che, in questo caso specifico, non sono state rispettate. Ritengo anche che, la reazione pacata di Joe Biden abbia dato ancora più valore alla sua vittoria, ed ancora maggiore popolarità ad un presidente che stava per entrare in carica, giudicato per il suo fare apparentemente ‘debole’. In Italia,  ritengo poco probabili possibili fatti del genere: le rivoluzioni, lo ricordiamo dalla storia, sono avvenute  in America, in Francia; in Francia si è vist’anche durante questa pandemia come la  popolazione abbia reaginto in maniera molto decisa, cosa che qui non è successa. In Italia, nello specifico, non vedo questa spinta rivoluzionaria e non penso si possa arrivare a scatenare, pur sobillando la pancia del popolo, reazioni simili, siamo una comunità fondamentalmente pacifica’  è quanto ha affermato Siagri.

Eurotech è negli Stati Uniti dal 2004 quando ha acquisito la  Parvus inc,  con sede a Salt Lake City. Ceduta con una grande plusvalenza nel 2011. Attualmente, la multinazionale tecnologica, ha la sede principale a Columbia nel Maryland e un centro di ricerca e sviluppo a Huntsville in Alabama, oltre ad altri uffici periferici a Salt Lake City e Portland.

‘Non penso che il sogno americano sia defunto – continua Siagri – la storia conferma ancora una volta che la democrazia va difesa, perchè non è per sempre e che pur con tutti i suoi limiti, è essenziale per il progresso economico. Specialmente in un momento storico in cui gli Stati Uniti devono fare fronte, come tutti, alle conseguenze della pandemia, ed alla forza economica della Cina che si sta apprestando a superare l’America. A parità di potere di acquisto è già davanti’. 

Eurotech (ETH:IM) è una multinazionale che progetta, sviluppa e fornisce soluzioni per l’Internet of Things complete di servizi, software e hardware ai maggiori system integrator e ad aziende grandi e piccole. Adottando le soluzioni di Eurotech, i clienti hanno accesso alle pile di software (stack) open-source e standard più recenti, a gateway multiservizi flessibili e robusti e a sensori sofisticati, allo scopo di raccogliere dati dal campo e renderli fruibili per i processi aziendali. In collaborazione con numerosi partner di un ecosistema mondiale, Eurotech contribuisce a realizzare la visione dell’Internet delle Cose, fornendo soluzioni complete oppure singoli blocchi “best-in-class”, dalla gestione dei dispositivi e dei dati alla piattaforma di connettività e comunicazione, dai dispositivi periferici intelligenti agli oggetti “smart”, con modelli di business idonei al mondo dell’impresa moderna. Per maggiori informazioni su Eurotech, www.eurotech.com.

In evidenza

#INFACES 1 FVG, NEW COVER – LA RIVISTA

#infaces1 FVG: la prima edizione di una rivista prodotta da Froogs editore/Ti Lancio agenzia di stampa.

Seguiranno altre edizioni, con il medesimo titolo, #infaces.

Questa pandemia ci ha insegnato ad essere più umani e guardare all’essenziale.

Lo faremo con le foto, i volti, le anime e le professioni, le aziende, gli uomini e le donne dietro ad: una attività, un sogno, una passione.

In evidenza

PROSCIUTTO SAN DANIELE: PRODUZIONE IN CALO NEL 2O2O

Fissato a 2,7 milioni di prosciutti l’obiettivo per il 2021. Nel 2020 leggera flessione: prodotti 2,54 milioni di San Daniele DOP.

Con il Decreto del 22 dicembre 2020 la ministra delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Teresa Bellanova ha approvato il Piano di regolazione dell’offerta del Prosciutto di San Daniele DOP per il triennio 2021-2023. L’approvazione del Piano è volta ad equilibrare l’offerta legata alla domanda del prodotto sul mercato: si tratta dunque di uno strumento strategico messo in campo dal Consorzio del Prosciutto di San Daniele per garantire la corretta valorizzazione di un’eccellenza italiana.

Per il Consorzio del Prosciutto di San Daniele, il piano ha un importante valore strategico con netto beneficio sia per lo sviluppo del distretto produttivo locale che per la cura e tutela degli interessi generali della DOP. Il piano è considerato anche un efficace strumento di programmazione utile per mantenere alti gli standard qualitativi del prodotto. Il Consorzio haadottato il sistema di regolazione dell’offerta sin dall’anno 2014 già da allora conscio dellasua potenziale portata positiva sul distretto e sulla filiera.

Il Piano di regolazione dell’offerta era già stato approvato all’unanimità dall’assemblea dei produttori del Prosciutto di San Daniele lo scorso 15 ottobre, dopo che si era conclusa la prescritta fase di consultazione e d’informazione dei suinicoltori. L’Assemblea del Consorzio nell’approvare gli obiettivi del Piano di regolazione dell’offerta per l’anno 2021 ha tenuto inconsiderazione il fatto che nel 2020 le produzioni del distretto hanno risentito negativamente di diversi fattori che hanno inciso sul risultato finale: in primis le criticità provocate dalla pandemia da Sars Cov2 che – tra febbraio e aprile, e poi anche in autunno – hanno sensibilmente rallentato le produzioni del San Daniele, inoltre, per tutto il primo semestre del 2020 è proseguito il trend negativo di produzione per due aziende in procedura concorsuale, che hanno ripreso la loro attività con regolarità solo a partire dal mese di luglio. Il secondo semestre, seppure abbia visto una certa ripresa della produzione, non è stato però sufficiente a colmare il divario provocatosi nella prima parte del 2020.

Per tali motivi l’Assemblea ha definito l’Obiettivo di Produzione per l’anno 2021 per un totale complessivo di circa 2.700.000 prosciutti, fissando altresì il Punto di Equilibrio del piano per il triennio 2021-2023 a un limite massimo di 2,8 milioni di prosciutti per ciascun anno.

Nel 2020 la produzione del Prosciutto di San Daniele DOP ha registrato una flessione del 1,2% rispetto all’anno precedente, attestando la quota di produzione a 2.540.000 prosciutti. Lafiliera comprende: 31 stabilimenti produttivi (ubicati nel solo comune di San Daniele del Friuli),3.641 allevamenti e 47 macelli (entrambi ubicati all’interno delle regioni previste dal disciplinare).page1image23800

“La regolazione dell’offerta – spiega il presidente del Consorzio Giuseppe Villani consente nel medio termine di tutelare ancora meglio i valori della filiera (quotazioni dei suini, delle cosce e dei prosciutti DOP), e di creare un volano costante e duraturo per la crescita della produzione del prosciutto di San Daniele sulla base di una solida e costante garanzia diqualità della produzione”.

In evidenza

AMBASCIATORE IN VISITA ALLA SEDE GIAPPONESE DI EUROTECH

Visita dell’ambasciatore Giorgio Starace alla sede della sussidiaria giapponese di Eurotech: Advanet, che si trova ad Okayama, capoluogo dell’omonima prefettura. In Giappone, Eurotech ha uffici anche a Tokyo. Lo sviluppo di un dialogo economico e culturale tra Italia e Giappone e il proseguimento delle consultazioni con le eccellenze italiane nel Paese del Sol Levante: sono stati questi i presupposti della visita dell’ambasciatore d’Italia ad una delle pochissime aziende italiane insediate anche in Giappone. ‘Questa visita ci ha fatto molto piacere – spiega Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech che ha presenziato all’incontro in video conferenza – ciò che rende Eurotech una particolarità per il Giappone è il fatto che sono pochissime le imprese italiane presenti. Ovviamente, ciò ci inorgoglisce’. Advanet conta 150 addetti nelle due sedi di Okayama e Tokyo. ‘Il Giappone ha dimostrato una grande resilienza dal punto di vista sociale ed economico, durante questa pandemia: le conseguenze sono minime. Si tratta di un Paese che da tempo si è organizzato per combattere contro virus di diverso genere, con grande rispetto verso il prossimo. Da sempre in Giappone si indossa la mascherina nella quotidianità. C’è grande responsabilità, ad ogni livello, nella popolazione giapponese, ed estrema fedeltà all’azienda per cui lavorano’ continua Siagri. Il Giappone rimane la terza potenza al mondo per prodotto interno lordo. ‘La grande evoluzione digitale del Paese lo ha reso più pronto ad affrontare la situazione pandemica: anche per questo le conseguenze sono state mitigate. Un percorso, verso l’avanzamento tecnologico che deve continuare, e che può essere preso ad esempio anche dall’Italia’. ‘Advanet rappresenta un’altra straordinaria storia di successo della collaborazione italo-giapponese nel campo dell’alta tecnologia che testimonia l’eccellente livello di integrazione tra i settori produttivi dei due Paesi. Un altro fiore all’occhiello per l’Italia in Giappone’, così si è espresso l’ambasciatore Starace incontrando la dirigenza dell’azienda.

In evidenza

IN FACES, I VOLTI DI CHI HA SFIDATO IL 2020

Una rivista fotografica: ‘In Faces’, intanto in formato digitale, con i ritratti di alcuni dei personaggi che caratterizzano il tessuto sociale, economico ed imprenditoriale del Friuli Venezia Giulia. Politici, imprenditori, gente comune, medici, manager che hanno affrontato questo difficile 2020. In poche righe è stato chiesto loro di raccontare le sfide che, come uomini e con il loro ruolo professionale, si sentono di avere vinto in questo anno che sta finendo. La rivista sarà disponibile in ‘free press’, cartacea, all’inizio del 2021. L’iniziativa editoriale è della testata giornalistica Ti Lancio, www.tilancio.com, edita da Froogs Srl che, con questa strenna editoriale vuole augurare a tutti uno splendido 2021: di rinascita, speranza e fiducia. Le foto sono di Anna Tsaplina www.aironefoto.com.

La rivista è sfogliabile al link sotto.

https://www.ansa.it/pressrelease/friuliveneziagiulia/2020/12/29/in-faces-una-rivista-che-racconta-i-volti-di-questo-2020_c890033e-02db-45d7-8174-6469674e7d6f.html

In evidenza

VIDEO SYSTEMS, LIANI: ‘VOGLIAMO CONQUISTARE LO SPAZIO CON L’AI’

L’intelligenza artificiale a supporto e sostegno della sostenibilità ambientale. E’ quanto si propone, nella sua mission, Video Systems, azienda tecnologica con sede a Codroipo (Ud): 21 addetti ed 1,5 milioni il fatturato, impegnata, principalmente nell’applicazione dell’AI al processi produttivi aziendali oltre che ai prodotti, nell’ambito della visione artificiale. ‘Non possiamo pensare ad un futuro senza la sostenibilità fra i nostri massimi valori interpretativi del fare impresa’ afferma Alessandro Liani (nella foto), amministratore delegato, della società fondata dal padre, e che oggi guarda al business in una visione etica. ‘Mi piacciono le cose belle, oltre che etiche e giuste’ afferma Liani. Video Systems è nota per avere creato collezioni di oggetti intelligenti in cui alta tecnologia, design ed artigianato dialogano per dar vita a prodotti unici. Le soluzioni d’intelligenza artificiale sviluppate da Video Systems per l’industria vengono interpretata da giovani designer italiani per creare oggetti multisensoriali per la vita di tutti i giorni. Prodotti innovativi dal forte impatto estetico che cambiano il punto di vista sulla realtà quotidiana. ‘Ora vogliamo entrare sempre di più nel comparto aerospaziale. Ci sono ottime opportunità di realizzazione in questo settore –  continua l’amministratore – dal primo novembre ci stiamo occupando dello sviluppo di soluzioni per il controllo qualità superficiale di componenti meccaniche proprio ed anche, per il settore aerospazio all’interno di un progetto H2020 denominato InterQ’. Le parole chiave, a questo proposito, sono: artificial intelligence (applica al manufacturing), machine vision, automatic quality control, intelligent automation. ‘Il 70% del nostro personale è dedicato ad attività di R&D in diversi ambiti tecnologici. Abbiamo sviluppato progressivamente, in 25 anni di attività, soluzioni che utilizzano applicazioni di intelligenza artificiale e le più avanzate tecnologie di visione ed elaborazione dati per migliorare in modo consistente la qualità ed il controllo della produzione industriale e ci siamo riusciti. Un lavoro che ci ha permesso negli anni di mettere a punto tecnologie brevettate e sistemi inediti, di avviare progetti sperimentali e collaborazioni con università e centri di ricerca nel mondo intero. Più in generale:  è chiamata Industria 4.0, Industry 4.0 o quarta rivoluzione industriale: è il radicale cambiamento che il settore sta affrontando in questi anni con l’integrazione delle tecnologie digitali nella filiera produttiva. Diversi governi europei stanno attivando forme di supporto per sostenere le imprese in questo cambiamento epocale. Oggi il nostro know-how e le nostre tecnologie ci consentono di trasformare le attuali linee produttive in ecosistemi Industry 4.0 con nuovi livelli di qualità ed efficienza, nuovi ed importanti vantaggi competitivi per le imprese. Il controllo qualità in tempo reale, la generazione dei dati per la successiva analisi e verifica di trend (grazie a data-mining ed intelligenza artificiale) ci permettono di offrire ai produttori industriali ed alle imprese manifatturiere soluzioni innovative’ conclude Liani.

In evidenza

EFFEDI AUTOMATION: CREA ROBOT IN GRADO DI APPENDERE LE PALLINE ALL’ALBERO DI NATALE

Esperienza, creatività e innovazione hanno consentito a Effedi Automation  di dare vita a una soluzione inedita: il robot che decora l’albero di Natale, grazie alle pinze adattive che riescono a prendere con delicatezza le palline una ad una e a posizionarle nel punto esatto voluto da chi lo ha programmato. Insomma, da quest’anno è possibile avere anche il robot che decora l’albero.

Un’applicazione nata in un’azienda dal know how storico, solido e con produzioni sofisticate per pinze adattive da impegnare in una pluralità di azioni. Effedi Automation, infatti, studia ogni necessità che viene sottoposta dal proprio interlocutore e il processo produttivo in cui il robot deve essere integrato. Analizza la forma, il peso e la fattura degli elementi che devono essere spostati. Dall’insieme di questi studi nasce la risposta tecnica più appropriata alle esigenze.

Tra le particolarità che distinguono la progettazione Effedi Automation, ci sono la versatilità e la flessibilità delle pinze adattive realizzate. «Non necessariamente se si parla di robot si deve pensare a componenti rigide per essere efficienti – spiega l’ingegner Federico Nardone (nella foto con le palline per decorare l’albero, sotto al robot), fondatore e amministratore della società -. Ora si realizzano componenti soft, utilizzando materiali morbidi e flessibili, che permettono la manipolazione di oggetti di diversa natura. Le pinze sono realizzate con tecnologia additiva in stampa 3d, la loro struttura è stata pensata e realizzata ispirandosi alla natura e in particolare al funzionamento dei tentacoli del polpo?».

Non solo. Effedi Automation è in grado anche di combinare materiali diversi, realizzando quindi pinze con materiali di durezza differenti. «Le pinze sono realizzate con materiali biocompatibili, che non hanno la necessità di parti meccaniche a incastro e sono realizzate con materiale composito: le dita che compongono la presa della pinza sono realizzate con materiali flessibili, la base e la parte rigida della pinza con materiali rigidi». In questo modo, prosegue l’ingegnere, «per il robot è possibile adattarsi ai materiali che sta manipolando e controllare in maniera ottimale sia l’apertura che la chiusura della pinza, un movimento generato utilizzando l’aria compressa».

Con queste particolarità progettuali e produttive, Effedi Automation realizza pinze adattive completamente personalizzate per manipolare ogni oggetto. Anche le palline per decorare l’albero di Natale.

In evidenza

FEDERALBERGHI FVG, ALBERGHI APERTI MA NELLA REALTA’ PRATICA CHIUSI. SPERIAMO NEL DOPO FESTIVITA’

«Ormai neppure più arrabbiati, ci prendono per spossatezza. Siamo formalmente aperti, ma chi va in albergo durante le festività per restare chiuso in camera? Nei fatti, siamo perciò chiusi».

Inquadra così la situazione degli albergatori del Friuli Venezia Giulia la presidente di Federalberghi, Paola Schneider, a poche ore dal nuovo decreto legge che pone in zona rossa e arancione tutta l’Italia dal 24 dicembre al 6 gennaio. «Alcuni grandi alberghi avevano già deciso di restare chiusi, vedremo se qualche piccolo pensa di aprire per i giorni in arancione – aggiunge -. In generale, comunque, la considerazione più diffusa è: aspettiamo di vedere ciò che accadrà dal 7 gennaio in poi». L’unica nota positiva in questa situazione è l’emendamento alla Finanziaria nazionale che prevede norme atte a dare almeno un po’ di sollievo al settore: su sollecitazione di Federalberghi nazionale previsti, infatti, l’abolizione della prima rata Imu 2021, prorogato il credito d’imposta per i canoni di locazione sino al 30 aprile, contributo a fondo perduto fino per l’anno 2021. Inoltre, vi è la prosecuzione della cassa integrazione per i dipendenti.

Il decreto per le feste natalizie, però, spazza via quelle prenotazioni che si erano cominciate a segnare sul calendario delle aziende montane del Friuli Venezia Giulia, «non tanto per Natale, ma certamente per Capodanno e i giorni seguenti», spiega la presidente Schneider.  

Come d’abitudine, gli imprenditori non fermano, però, lo sguardo al presente. Così tra gli albergatori si stanno già pensando le possibili leve da attivare a gennaio e nei mesi seguenti per salvare almeno in parte la stagione invernale. «Occorre premettere che nei primi mesi dell’anno il flusso turistico nella montagna della regione era dato dalle settimane bianche delle scuole e dai turisti dall’Est Europa – puntualizza la presidente -. Quest’anno le scuole non ci saranno e, per ovvi motivi di sicurezza, saranno limitate anche le presenze da oltre confine». In questo quadro, «dovremo sperare nel turismo domestico, nei week end all’aria aperta, nella voglia di misurarsi dei nostri concittadini non solo con lo sci ma anche con tutto ciò che la montagna offre – osserva Schneider -. Non sarà facile, perché i ragazzi sono a scuola e gli alberghi non vivono solo di fine settimana, ma per ora queste sono le prospettive. E non è detto che tutte le strutture aprano».

In evidenza

INFOSTAR: ECCO LA NUOVA BUSINESS UNIT ‘LEVEL UP’

Si chiama Level Up la nuova business unit formativa di Infostar, l’azienda tecnologica friulana, impegnata nella digitalizzazione sicura dei processi produttivi aziendali oltre che dello smart working. 

A capo della nuova unità operativa: Andrea Vai (nella foto), esperto di alfabetizzazione digitale, con un passato professionale in diverse aziende importanti, da Telecom ad Apple, in Irlanda. Il mondo informatico, legato alle applicazioni in azienda, sulla produzione, sulle macchine, e sul lavoro, anche e soprattutto in smart working, è in questo momento storico determinante, per diversi aspetti: senza la digitalizzazione le aziende rischiano di non rimanere competitive sul mercato, e la pandemia ha accelerato processi già in atto legati al lavoro da remoto. 

La sicurezza informatica, oltre che una profonda conoscenza di tutte le applicazioni possibili, rendono la formazione un aspetto essenziale. Ecco che, Infostar ha creato una nuova business unit deputata solo alla formazione: una academy, guidata da Vai, in grado di istruire il personale aziendale su tutti gli strumenti a disposizione per ogni esigenza. ‘Accade spesso che, su di una piattaforma informatica offerta, la percentuale di conoscenza e di uso di quel sistema sia circa del 20%: vogliamo fare arrivare i nostri utenti, ad una completa conoscenza degli strumenti a disposizione’ spiega Vai.

‘E’ una decisione che abbiamo preso vista l’enorme necessità di informare, capire, formare: la digitalizzazione è cultura e con la nostra nuova business unit crediamo di poter offrire un servizio di altissimo livello’ precisa Cristian Feregotto, amministratore delegato di Infostar. L’uso abilita la digitalizzazione anche del nostro Paese, a partire dalle imprese che, gioco forza, devono adeguarsi al nuovo trend che vede il nostro Paese, sempre agli ultimi posti per alfabetizzazione in tal senso. 

‘La sfida è partita in Infostar qualche mese fa – spiega Feregotto – abbiamo già somministrato circa 200 ore di corsi di formazione, l’anno venturo dovrà essere ancora più performante. Formare significa rendere le nostre Pmi, più competitive sul mercato e quindi, creiamo un reticolo economico preparato, in un Paese, il nostro, ancora molto indietro. Diciamo che, con la nostra business unit, noi ci mettiamo del nostro’. Infostar è guidata dal 1999, dal fondatore e amministratore delegato Cristian Feregotto, insieme a Luca Noacco. Conta 15 addetti. Struttura dinamica e agile, dotata di elevate competenze e molto pragmatismo. 

L’azienda, insieme alla fornitura della tecnologia e alla sua installazione, opera assiduamente per il terzo aspetto fondamentale alla digital transformation, ovvero la formazione adeguata del management e degli operatori in azienda. Una formazione a distanza – attraverso webinar individuali o di gruppo – o in presenza, a seconda delle necessità e possibilità. Sono in corso accordi con professionisti esperti in vari ambiti aziendali che entreranno in azione prossimamente nel progetto Level Up.

In evidenza

TECNEST SCEGLIE FRIULANDO PER I REGALI DI NATALE

Tecnest, azienda friulana impegnata nei processi di digitalizzazione delle imprese, ha fatto sua la sollecitazione giunta in queste settimane da tanti produttori e artigiani del Friuli Venezia Giulia: per le feste comprate e regalate ‘Made in Fvg’. Per tutta la sua rete di contatti: clienti, fornitori, dipendenti, infatti, ha deciso di essere presente in questo scorcio di fine 2020 con i prodotti e la qualità della terra in cui vive. A valorizzare questa scelta al meglio è stata Friulando, la rete di impresa cui Tecnest si è affidata per pacchetti speciali, tutti dal profumo squisitamente friulano. Friulando, infatti, è una realtà nata nel 2015 che ha messo in rete alcune aziende molto diverse tra loro, ma legate da un filo rosso che consente di presentarsi con proposte enogastronomiche e turistiche. Ne fanno parte la Montalbano agricola di Savorgnano del Torre, il prosciuttificio Prolongo di San Daniele del Friuli, il caseificio di Montenars “Al Tulin, la Casa delle farfalle di Bordano e l’Osteria Ristorante “Villafredda” di Tarcento. «Queste settimane sono state decisamente molto interessanti per gli ordini ricevuti», afferma il responsabile commerciale di Friulando, Loris Tomasella. «Le richieste sono state le più diverse e noi siamo in grado di preparare ogni tipo di confezione personalizzata: tutti prodotti insieme o a scelta, con l’aggiunta di un buono per il Ristorante tarcentino, che realizza un menù-assaggio del meglio delle prelibatezze friulane». L’interfaccia tra Friulando e le imprese per i cadeaux natalizi è un’iniziativa che la rete di impresa ha assunto, con successo, quest’anno, mentre già da diverse annualità i componenti lavorano insieme per proposte turistiche coordinate sul territorio, al fine di far scoprire le bellezze, la cultura locali e, con esse, il meglio dell’enogastronomia. «Per il 2021 – anticipa Tomasella – il cantiere è già aperto e, tra le possibili novità, stiamo lavorando a proposte di team building, che si aggiungeranno alle iniziative che la nostra rete d’impresa ha già all’attivo». ‘In questo anno così difficile – spiega Fabio Pettarin, amministratore delegato di Tecnest – pensiamo sia fondamentale valorizzare il territorio regionale e le sue peculiarità anche di tipo enogastronomico. La scelta di Friulando va di pari passo con l’incentivazione degli acquisti a cosiddetta ‘filiera corta’, in un momento storico che ci costringe ad essere particolarmente responsabili verso tutti coloro che abbiamo accanto’.

www.tecnest.it www.friulando.it

In evidenza

OVERLOG, IL MAGAZZINO ‘PARLANTE’ EFFICIENTA LO SMISTAMENTO. DIGITALIZZAZIONE ESTREMA CON LE SOLUZIONI DELL’AZIENDA DI CRASNICH

Magazzino con il 50% di efficienza in più, in cui si è movimentato il 35% di colli in più, le operazioni sono cresciute del 35% a fronte di una riduzione del 70% degli errori e di un taglio dei tempi dell’80% nell’inserimento di nuovo personale. Sono alcuni dei risultati raggiunti dalle soluzioni di efficientamento e digitalizzazione di magazzino operate da Overlog, trent’anni di specializzazione nelle soluzioni software per la gestione logistica, in azienda italiane molto importanti dedicate a diversi settori, tra cui il food&beverage. Molteplici le esigenze imprenditoriali cui dare risposta adeguata: aumento della qualità del servizio; riduzione dei tempi di prelievo ed evasione ordini; riduzione dei costi; riduzione degli errori di spedizione; puntualità nelle consegne; gestione della merce basta sulla data di scadenza. Overlog ha messo a punto una soluzione efficace e immediata utilizzando Slim2K e la tecnologia integrata Voice, con risultati tangibili nella gestione del magazzino per ottimizzazione dei flussi, consegna delle merci, riduzione di tempi, costi ed errori. Punta di diamante dell’intervento, la tecnologia Voice che, in magazzino, consente agli operatori di lavorare a “mani libere”, senza dover leggere le disposizioni sul display del palmare; ricevere i comandi vocali direttamente in cuffia anziché su un display; effettuare comandi vocali direttamente dal microfono integrato, anziché tramite bar code o tastiera. Ne conseguono maggiore velocità operativa e maggiore qualità delle operazioni. «In virtù della tecnologia Voice che permette di non dover impiegare le mani – spiega il Ceo di Overlog, Marco Crasnich -, l’operatore seleziona l’ordine di picking dal terminale che è collegato via rete wi-fi con SLIM2k. Il sistema SLIM2k, attraverso delle speciali cuffie bluetooth create appositamente per la tecnologia Voice, insonorizzate per isolare l’operatore da eventuali rumori esterni, fornisce all’operatore le coordinate del prodotto da prelevare nel magazzino». L’operatore si reca quindi nella posizione richiesta e non deve inquadrare con il terminale il codice a barre, bensì parlare al sistema indicandogli il codice della postazione a cui è giunto. Una volta verificata la postazione, il sistema gli dirà quanti articoli prelevare. Per esempio: «Prendi tre articoli». L’operatore dovrà quindi svolgere il prelievo e confermarlo vocalmente al sistema: «ok confermo». A quel punto il sistema gli indicherà subito le coordinate del successivo prodotto da prelevare. Utilizzata soprattutto nel sistema della Gdo e del Food&beverage, la tecnologia Voice si sta affermando anche in altri settori, quali manifatturiero, tessile, moda, pelletteria, logistica e distribuzione, «tutti comparti dove è fondamentale garantire precisione ed efficienza nel prelievo e dove è necessario operare a mani libere – sottolinea Crasnich –. La nostra azienda è in grado di fornire e integrare tecnologie diverse per l’ottimizzazione di ogni fase e tipologia di magazzino».

In evidenza

GATTO ASTUCCI REDIGE E PRESENTA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ

Gruppo Gatto, con sede a Domegge di Cadore (Belluno), (48,2 milioni il fatturato e 500 dipendenti), la realtà imprenditoriale da 83 anni attiva nel settore della progettazione e realizzazione di astucci per occhiali, packaging di alta gamma, espositori, soluzioni coordinate e innovative per il punto vendita, è sempre più green. Presentata, infatti, la prima edizione del bilancio sostenibile aziendale, un documento che testimonia la dedizione e le capacità con cui «l’impresa persegue obiettivi di sostenibilità in ambito ambientale, sociale ed economico», ha affermato Cristian Paravano (nella foto), direttore generale con delega alla Sostenibilità: «La nostra attenzione – sottolinea – è focalizzata principalmente sull’automatizzazione e innovazione dei processi produttivi, nell’aumento del riuso e delle risorse rinnovabili, sull’economia circolare grazie alla preziosa collaborazione con i nostri principali clienti e sul miglioramento delle condizioni di vita di collaboratori e territori».

A guidare un complesso sistema che prevede l’armonizzazione di comportamenti e obiettivi a tutti i livelli interni all’azienda e lungo le filiere relazionali, ci sono gli Sdgs, ovvero gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite varati nel 2015 e proiettati al 2030. Sono quattro quelli perseguiti: lavoro dignitoso e crescita economica (goal 8); industria, innovazione e infrastruttura (goal 9); consumo e produzione responsabili (goal 12); partnership per gli obiettivi (goal 17).

«Cerchiamo di creare le migliori condizioni di lavoro, affinché i nostri dipendenti possano esprimere al meglio le loro potenzialità. Il gruppo, inoltre, interagisce con il territorio in cui è inserito, supportando iniziative legate all’istruzione e alla salute». In riferimento all’innovazione e alle infrastrutture, negli ultimi due anni il Gruppo Gatto ha investito significativamente in tecnologia e innovazione, con l’introduzione di macchinari a basso consumo che permettono di limitare l’impatto ambientale, ottimizzando i processi di produzione.

Per quanto riguarda la produzione e il consumo responsabile, «il Gruppo Gatto si concentra sull’ambiente, sulla produzione, sul ciclo di vita dei prodotti e loro distruzione, per costruire un modello sostenibile di business. Una riprova di tale impegno sono le diverse certificazione di sostenibilità ottenute dal 1998». Non da ultimo, il Gruppo Gatto è convinto che obiettivi come quelli elencati nel Sdgs siano raggiungibili solo con uno sforzo collettivo e in un rapporto di partnership tra una molteplicità di attori e ambiti, imprenditoriali, finanziari e istituzionali. «Dalla capacità di realizzare questa partnership, secondo il Gruppo Gatto, dipenderà il successo o il fallimento della prospettiva indicata dalle Nazioni Unite», conclude il direttore.

Bilancio di sostenibilità comparato 2018-2019 – Gatto Astucci

In evidenza

LO IOT AT THE EDGE: PARTNERSHIP FRA EUROTECH E ORANGE

pic by @Anna Airone @Airone Foto

Eurotech, azienda che progetta, sviluppa e implementa componenti hardware e software, servizi e soluzioni per Internet of Things (IoT), annuncia una collaborazione con Orange per consentire e semplificare l’adozione di soluzioni IoT dall’Edge al Cloud. La collaborazione ha lo scopo di unire le competenze IoT Edge di Eurotech con la piattaforma IoT di Orange Live Objects. 

Live Objects di Orange è una piattaforma SaaS sicura e resiliente, hostata in Francia. Live Objects offre un’infrastruttura agnostica di servizi IoT, fornendo connettività multi-cloud, raccolta di dati avanzata, servizi IoT per fleet management, immagazzinamento e indicizzazione dati. Live Objects è compatibile con qualsiasi servizio cloud (ad esempio Azure, AWS, Google Cloud) ed è in grado di ricevere dati da qualsiasi fonte. 

Live Objects interagisce con i componenti IoT Edge di Eurotech. Eurotech fornisce Gateway IIoT ed Edge computer arricchiti con Everyware Software Framework (ESF)– l’IoT Edge Framework di Eurotech. ESF consente di processare i dati provenienti dai dispositivi IoT filtrandoli, aggregandoli ed effettuando analitiche sul campo, e fornisce un’ampia gamma di librerie di protocolli di comunicazone per interfacciarsi con sensori e altri dispositivi, garantendo massima integrailità e flessibilità. La funzione ESF Wires permette di costruire pipeline di dati in modo visuale per sviluppare applicazioni IoT ed edge computing senza l’utilizzo di codice. 

ESF si integra con Everyware Cloud (EC), l’IoT Integration Hub di Eurotech per la gestione dei dispositivi sul campo – ad esempio fornendo funzionalità di provisioning e di configurazione remota. La piattaforma Live Objects di Orange si interfaccia con EC attraverso API e consente ulteriori analitiche, immagazzinamento e gestione di dati, e la loro integrazione con applicazioni IT. Sia Eurotech che Orange offrono un servizio complementare per il mercato industriale e degli smart building. 

“Eurotech e Orange offrono una soluzione end-to-end integrata per soddisfare le esigenze di un ampio range di use case, dall’edge al cloud” ha affermato Giuseppe Surace, CP&MO di Eurotech. “Eurotech fornisce componenti sicure – Gateway IoT ed Edge computer rugged – e un avanzato software framework per una perfetta integrazione dall’edge al cloud per la gestione di un numero scalabile di dispositivi sul campo. I punti di forza della piattaforma Live Objects di Orange, abbinati alle componenti IoT Edge di Eurotech, aiuteranno i clienti a realizzare servizi IoT cloud ed edge computing avanzati per Industria 4.0 e il settore degli smart building” ha sottolineato Roberto Siagri, Ceo di Eurotech.

EurotechEurotech (ETH:IM) è una multinazionale che progetta, sviluppa e fornisce Edge Computer e soluzioni per l’Internet of Things (IoT) complete di servizi, software e hardware a integratori di sistemi e aziende. Adottando le soluzioni di Eurotech, i clienti hanno accesso a componenti e piattaforme software per l’IoT, a Edge Gateway per abilitare il monitoraggio di asset e a Edge Computer ad alte prestazioni (HPEC) per applicazioni anche di Intelligenza Artificiale (AI). Per offrire soluzioni sempre più complete Eurotech ha attivato partnership con aziende leader nel loro ambito d’azione, creando così un ecosistema globale che le permette di realizzare soluzioni “best in class” per l’Internet of Things Industriale. 





In evidenza

ITALBEDIS, NUMERI STRAORDINARI PER LA TUTELA AMBIENTALE. COSÌ SI COSTRUISCE UN FUTURO DI SUCCESSO

Sono numeri straordinari quelli legati alla sostenibilità ambientale di Italbedis, azienda con core business nella lavorazione dell’acqua. Fabio Massaro, il Ceo di Italbedis è un antesignano delle note casette dell’acqua: ovvero, le postazioni, presenti numerose sul territorio italiano dove, chiunque può approvvigionarsi di acqua per il consumo alimentare. Una invenzione che ha fatto risparmiare all’ambiente, solo nel 2020, la produzione di quasi 83 milioni di bottiglie in pet da 1,5 litri, per un quantitativo di acqua liscia erogata pari a oltre 2 milioni di litri, quasi 1 milione di litri di gassata. Per un risparmio di oltre 7,5 milioni di Co2. La sostenibilità è un entrata ormai a far parte del core business aziendale come imperativo. Alla Italbedis questo è una diretta conseguenza della strategia e visione aziendale. La competitività del fare impresa nasce da un’ottica di tutela ambientale, ma non come ‘aggiunta’ alla strategia aziendale, ma come obiettivo, anche e soprattutto per la redditività. Sostenibilità equivale ad ottimizzazione dei processi produttivi, dei prodotti e quindi delle scelte quotidiane che avvengono in azienda. Un modo di approcciarsi al fare impresa ed al mondo, anche nel vivere quotidiano. Italbedis propone con i suoi prodotti un atteggiamento consapevole, anche e soprattutto verso i suoi dipendenti. Si parte dai comportamenti quotidiani per migliorare la vita di tutti noi. «È un imperativo la tutela dell’ambiente – spiega Massaro – deve diventare insito nella cultura del fare impresa, come prassi, come atteggiamento responsabile verso se stessi e verso gli altri. Come d’altronde, questa pandemia ci ha insegnato. La libertà è condivisione: ovvero, nel rispetto reciproco e dell’ambiente possiamo guardare ad un futuro glorioso, di speranza». Fabio Massaro è noto come imprenditore veneto scampato al Covid: è stato uno dei primi ad ammalarsi, a marzo, in epoca del primo lockdown. Originario di Tolmezzo, in provincia di Udine, sugli strumenti per la lavorazione dell’acqua ha fondato un impero, con società in diversi angoli del mondo.
Italbedis produce macchine per la distribuzione dell’acqua per uso domestico e destinate agli esercizi pubblici. Genera ricavi per 20 milioni e occupa circa 100 dipendenti, ed ha sede a Legnago (Vr).

In evidenza

MOLO17, ANGELI: ‘NESSUNO È PROFETA IN PATRIA’. LA TECNOLOGIA CON UNA VISIONE GLOBALE

La giovane età che alimenta il coraggio dell’intraprendere e poi la tenacia, la determinazione, la capacità di cogliere e implementare metodologie e approcci rigorosi quanto innovativi per poter crescere rapidamente, ma anche in modo solido e strutturato. Sono questi alcuni degli asset strategici che hanno consentito a Daniele Angeli di progettare e guidare, in anni dagli scenari globalmente molto complessi e fluidi, MOLO17, l’azienda che a Pordenone sviluppa app e soluzioni It dal 2012. Se questo angolo di Friuli è stato terreno favorevole per far nascere il sogno imprenditoriale di Angeli, come spesso accade è la piazza internazionale che ha dato sin da subito all’azienda il modo di misurare – e affermare – le proprie idee e soluzioni tecnologiche, consentendole di arrivare alla soglia dei 2 milioni di fatturato. Ad Angeli piacciono le profondità del mare, da qui il nome di Molo, cui ha abbinato il 17, un numero che per lui torna sempre; ha una mente aperta alla cultura e al mondo, con poche barriere e indugi: «Forse – osserva – sono stati proprio i progetti internazionali e il lavoro con professionisti stranieri a rafforzare questa dimensione». Tra le soluzioni innovative ideate e sviluppate da MOLO17 vi è Zulu Emergency, il nuovo progetto che è riuscito a trovare la soluzione tecnologica per digitalizzare il triage, ovvero l’accettazione di una chiamata in Pronto Soccorso, la presa in carico del paziente e l’affidamento di un codice di urgenza. Una procedura che attualmente è effettuata ancora su carta, addirittura su carta carbone. La soluzione Zulu Emergency si articola in una applicazione mobile e in una piattaforma web e ottimizza la comunicazione dei servizi medici di emergenza. Su un tablet, attivato e collegato al personale che presta soccorso tramite un piccolo braccialetto, sono inserite tutte le informazioni relative al paziente ed ai trattamenti che riceve durante l’emergenza. In questo modo Zulu semplifica e aumenta l’accuratezza della risposta alle emergenze, fornendo una piattaforma comune per la comunicazione sicura, la collaborazione multi-organizzazione e la gestione dei dati critici in tempo reale. Installato anche sui tablet che equipaggiano ogni veicolo di emergenza (ambulanze, automediche ed elicotteri), Zulu consente agli operatori di emergenza sul campo di registrare i dati dei pazienti, gli interventi eseguiti e i segni vitali critici, pre-allineando gli ospedali di destinazione e tenendo informati i servizi di emergenza e i dispatcher. Avere le idee chiare da giovani porta, a 29 anni, ad avere un’azienda di successo. Quale il segreto? «Mi sono circondato di validissimi collaboratori, persone con esperienza su cui posso fare affidamento», conclude Angeli, riconoscendo l’importanza del lavoro di squadra in ogni progetto complesso, compreso quello dell’avvio e della crescita di un’impresa.

In evidenza

PANDEMIA, CRISI ECONOMICA, CAMBIAMENTI CLIMATICI: SERVE RESPONSABILITA’ POLITICA

Un elzeviro. Tensione. Fra le mura dei palazzi, sedi delle istituzione pubbliche, romani. Un certo scollamento fra il reale stato delle cose – costa sta accadendo in Italia – e la politica, lo si avverte di per certo. Forse non per tutti, e non di tutti: ma la sensazione è palese e palpabile. Roma: glaciale e deserta. In tuti i sensi. Che si debba discutere nell’agone politico, con cinismo, arroganza e superbia, oggi come oggi, non ha senso: con una crisi economica pronta a spalancarsi alle finestre di quasi tutti, in una situazione planetaria difficile, in cui i cambiamenti climatici conducono ad un cambiamento epocale della nostra quotidianità, oltre che del fare business. Insieme ad una pandemia in corso, ed a conseguenze economiche realistiche. Non carpisce somma intelligenza un atteggiamento di questo tipo. Non ci sono sicuramente più statisti al governo. E forse, è il caso, di iniziare a dirle le cose. Ed a manifestare, in modo pacifico e con raziocinio. Ognuno che si debba fare, nel proprio piccolo, ciò che può e bene. Dove è finito il buon senso? Quando ci sono limiti oggettivi, è bene forse affidarsi al buon senso comune che, dovrebbe essere instillato nella media cultura italiana, anche di chi ci governa. Non ci si rende conto di quanto è pericoloso muoversi nelle maglie del potere con arroganza: ‘Tanto non capiterà nulla’. E no. Capita: come la pandemia. Il ‘Cigno Nero’ è sempre alle porte. Superficialità della politica? Crisi economica, cambiamenti climatici, pestilenze: sono una dura realtà. E poi c’è la compassione. Ognun sa quando non fa bene, per sé e per gli altri. Ma il bene pubblico vien ora prima di tutto. Chiese ce ne sono tante a Roma: un luogo per riflettere. E capire. E cambiare, subito però. Questo è un invito. Firmato: una italiana, una giornalista.

In evidenza

HELICA-RIEL: INTERVENTO AEREO PER RIPRISTINO ELETTRICITA’ IN VAL RACCOLANA

Intervento d’urgenza ieri su due frazioni isolate a causa della nevicata dei giorni scorsi in Val Raccolana, a: Patocco, Chiout Micheli e Pezzeit, nel Comune di Chiusaforte. 

Non appena le condizioni meteo lo hanno consentito, E-Distribuzione, società del gruppo Enel che gestisce le reti a media e bassa tensione, ha commissionato, ad Helica di Amaro (Ud), l’intervento aereo, con un elicottero, per il ripristino dei guasti alla linea elettrica che alimenta le frazioni in Val Raccolana, in collaborazione con la Protezione Civile, il Comune di Chiusaforte e Riel, società qualificata e specializzata per i lavori Enel.

Con l’elicottero, sono stati portati nell’area interessata, oltre al gruppo elettrogeno e ai tecnici di E-Distribuzione e Riel, anche generi di prima necessità, permettendo così il ripristino del servizio di energia elettrica, sospeso a causa dei danni provocati dall’accumulo di neve. 

Nelle frazioni isolate vivono in tutto una trentina di persone. 

L’unica via rapida per l’intervento era, ieri, quella aerea: l’elicottero di Helica si è alzato in volo da Amaro ed in pochi minuti ha raggiunto la Val Raccolana. 

Riel e Helica hanno nel loro core business proprio l’intervento in casi di estrema necessità contingente, legati a calamità naturali, condizioni meteo avverse o situazioni particolari, quando ed in special modo, per causa di forza maggiore, servizi di pubblica utilità, vengono sospesi. Sono numerosi gli interventi che compiono ogni anno in condizioni di emergenza, con: mezzi aerei o su gomma, know how e personale addestrato a far fronte a  questa tipologia di situazioni.

In evidenza

IL CONSORZIO DI SAN DANIELE A SOSTEGNO DEL SETTORE HORECA

Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele DOP lancia un nuovo progetto solidale a sostegno del comparto Horeca. Nasce così Aria di San Daniele @Home, l’iniziativa volta a supportare il settore ristorazione fortemente danneggiato dall’emergenza Covid-19.

Il Prosciutto di San Daniele diventerà protagonista dell’aperitivo traghettando Aria di San Daniele, tour che quest’anno sarebbe giunto alla sua quarta edizione, in 7 città della penisola. Il nuovo servizio di food delivery, disponibile a partire dal prossimo 1 dicembre su aperitivosandaniele.it, porta l’happy hour a base di San Daniele DOP nelle case degli italiani, grazie alla sinergia nata negli ultimi tre anni con i migliori locali d’Italia che hanno preso parte alle passate edizioni del tour gastronomico.

ARIA DI SAN DANIELE @HOME: il servizio di food delivery dedicato all’aperitivo a sostegno del mondo della ristorazione italiana

Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele ha realizzato il progetto in cooperazione con il mondo della ristorazione, uno dei settori più importanti dell’economia e del turismo italiano, scegliendo di collaborare con alcuni locali selezionati su tutto il territorio nazionale.

Il progetto è pensato per dare un supporto concreto al mondo Horeca: tutti i proventi derivanti dalla vendita delle box saranno destinati ai locali che partecipano all’iniziativa. Il San Daniele DOP diventa così il protagonista del momento dell’aperitivo portando Aria di San Daniele nei salotti di tutta la penisola. Quale miglior momento per gustarsi un aperitivo di quello delle feste natalizie? Questo clima festoso e di grande convivialità è l’occasione perfetta per condividere uno sfizioso aperitivo con protagonista il Prosciutto friulano.

Il tour Aria si reinventa così in un servizio di food delivery dedicato alla consegna di box personalizzate con gustose proposte gastronomiche. Le città attualmente selezionate sono: Milano, Verona, Firenze, Roma, Bari, Lecce e Catania.

“Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele si fa promotore di un progetto dedicato al settore Horeca, purtroppo gravemente danneggiato dalla crisi sanitaria in atto. Il nostro obiettivo è quello di promuovere le realtà della ristorazione che da sempre valorizzano un prodotto di eccellenza come il San Daniele DOP” ha dichiarato Mario Cichetti, Direttore Generale del Consorzio.

ARIA DI SAN DANIELE @HOME: come funziona il servizio

Nel sito web dedicato aperitivosandaniele.it, l’utente seleziona la città di residenza e visualizza le box aperitivo proposte dai locali e ristoranti in zona. Potrà quindi scegliere le varie box e l’opzione di delivery a casa, selezionando data e ora di arrivo.

La food box include: Prosciutto di San Daniele in vaschetta monouso, pane, grissini e vari finger food prodotti dal locale, birra o vino, e tutto l’occorrente per un aperitivo conviviale da gustare comodamente a casa. La proposta di aperitivo è adatta a due persone ed è realizzata interamente con materiali eco-sostenibili. Per ricreare la giusta atmosfera basterà apparecchiare il vostro delizioso angolo di gusto, selezionare la playlist Spotify creata ad hoc e dedicarvi a un piacevole happy hour. 

L’aperitivo è il momento dedicato allo svago: a questa rilassante dimensione si aggiunge il Natale, periodo dell’anno in cui gli affetti sono al primo posto. Condividere con i propri cari, seppur virtualmente, un happy hour con il prosciutto è il modo perfetto per avvicinarsi con allegria al periodo di feste. Per questo Aria di San Daniele @Home risulta essere un’idea unica ed originale, in grado di regalare un’esperienza differente a sostegno di uno dei settori di maggiore eccellenza in Italia.

In evidenza

TECNEST CHIUDE UN INIMMAGINABILE 2020. PETTARIN: ‘MOMENTO EPOCALE DI MUTAMENTI’

Tecnest, azienda tecnologica con sedi a Tavagnacco (Ud) e Milano, si avvia a chiudere un inimmaginabile 2020: con 7 nuove assunzioni, inserimenti avvenuti in periodo di piena pandemia e conseguenti al lockdown. L’impresa, guidata dal presidente, Fabio Pettarin (nella foto), non ha fatto ricorso alla cassa integrazione per i suoi oltre 60 collaboratori, adottando politiche di welfare, a livello trasversale aziendale, oltre che con azioni ad personam. Nuove commesse per quasi 1 milione di euro. «Abbiamo vissuto e stiamo continuando a vivere un periodo a dir poco eccezionale: per imprevedibilità, durata e ripercussioni della pandemia in corso. In Tecnest, sono state prese decisioni cruciali, in modo veloce ed al contempo tenendo in  considerazione le situazioni familiari dei nostri dipendenti, a causa dei vari lockdown. Quasi ogni singola persona, oltre alla necessità di adattare gli strumenti operativi per lo smart working, si è trovata nella necessità di organizzarsi con disponibilità e flessibilità di orari per l’attività da remoto, ed allo stesso tempo garantire, qualora necessario, le seppur minime presenze di azienda. È stato gestito il tutto con estrema ratio, umanità e disciplina, per uscire dall’empasse creata da questa situazione estrema e particolare. Come sempre accade, nelle difficoltà ci sono opportunità che vanno però individuate, rese evidenti e se possibile colte» ha affermato Pettarin.  Lo dimostra il fatto che l’azienda chiuderà l’anno con l’acquisizione di nuove commesse: «Il settore legato alla tecnologia, seppur rallentato in alcune filiere, non si è fermato. Anzi, si sono accelerate ed accentuate le esigenze di riorganizzazione dei processi logistici-produttivi, tematiche sulle quali la Tecnest può offrire un concreto contributo di soluzioni e competenze. Nuove necessità sono emerse anche in termini di prodotti e nella digitalizzazione dei servizi ad essi legati. Ciò a cui avremmo assistito in anni, si è concretizzato in meno di 12 mesi. In generale, non penso che le cose potranno tornare come prima: lo smart working, seppur in una modalità intelligente e quantitativamente ridotta, continuerà ad essere utilizzato; le visite presso i clienti saranno ridotte, purtroppo, forse a scapito della qualità umana dei rapporti e del vivere delle relazioni. Dobbiamo comunque adeguarci a questo nuovo trend, con perspicacia ed intelligenza. I valori intangibili legati alla persona quali il senso di responsabilità, fiducia, generosità, coraggio, diventeranno ancora più preziosi. Il desiderio di incontrarsi, non solo con i propri collaboratori ma anche con clienti e fornitori, sarà ancora più forte ed importante, anche se meno frequente.»

In evidenza

AMARO TOSOLINI, UN 2021 A VELE SPIEGATE

Profumi mediterranei intensi che evocano la macchia rada tra gli scogli, le brezze marine tra qualche insenatura, il vento tra le vele, insomma un viaggio mentre si sta tra le calde mura di casa in pieno inverno, accanto al fuoco. È l’impareggiabile esperienza che si ha sorseggiando il secolare Amaro Tosolini, sempre pronto a prendere il largo fedele alla  stagionatura tra le barrique e dei suoi ingredienti mediterranei. L’Amaro Tosolini, infatti, tra i fiori all’occhiello della friulana Distilleria Bepi Tosolini di Povoletto ha stretto un solido patto con il mare e i suoi frequentanti fino a finire, lo scorso ottobre, nella sacca di ogni skipper che si era iscritto alla più partecipata delle regate al mondo, la Barcolana di Trieste. Alla fine, il tempo inclemente ha lasciato le migliaia di vele ammainate, quest’anno ma l’Amaro, quello no, non è rimasto intatto. Anzi, ha fatto buona compagnia, mandando idealmente al largo gli equipaggi proprio grazie ai suoi ineguagliabili profumi mediterranei. «Un’iniziativa apprezzata che ha aperto un percorso destinato a rafforzarsi nel corso del 2021», afferma Giuseppe Tosolini, uno dei tre fratelli che compongono la terza generazione Tosolini – insieme a Lisa e Bruno – e attuale responsabile commerciale del brand. Da Trieste a Genova il passo non è proprio breve, ma la strada è segnata per chi segue gli appassionati della marina e l’Amaro Tosolini si è così già presentato ad alcuni circoli liguri, prime tappe di una circumnavigazione della Penisola. «L’obiettivo è accompagnare le più belle e significative regate o manifestazioni veliche che si fanno in Italia, mettendo a frutto l’ottima esperienza vissuta alla Barcolana – continua Giuseppe –. Lì con l’Amaro Tosolini non solo siamo saliti sulla barca, ma siamo scesi nella sua cambusa, verificando un abbinamento vincente». Conservato nella sua sobria eppure elegantissima bottiglia, l’Amaro Tosolini si può servire nei bicchieri che lo accompagnano, realizzati nelle storiche vetrerie di Burano, e portarlo con sé al sicuro nelle speciali confezioni di latta, sicure, evocative, fascinose, cariche di storia eppure sempre attuali. Come lui.

In evidenza

UNIVERSITÀ DI UDINE E BEANTECH: CREATO NUOVO LABORATORIO PER LA RICERCA SULL’AI

Fabiano Benedetti e Massimiliano Anziutti, i due fondatori di beanTech

Un nuovissimo laboratorio di Machine Learning e Data Analytics nato in via Sondrio a Udine, creato e voluto dall’Università degli studi di Udine in collaborazione con beanTech, l’azienda super tecnologica che ha messo a disposizione le attrezzature informatiche. 

Un luogo dove far convergere talenti da tutto il mondo e continuare a creare nuove sfide, con modelli ed algoritmi di intelligenza artificiale, applicabili all’industria manifatturiera, core business di beanTech: punto di riferimento per le Pmi del Nord Italia. 

La digitalizzazione del nostro Paese passa anche e soprattutto dalla ricerca in ambito di AI. Saranno sempre maggiori le applicazioni di artificial intelligence ai processi produttivi, nelle fabbriche, sempre più competitive e attente all’ottimizzazione dei processi appunto. beanTech, sempre a caccia di talenti informatici, ha messo a disposizione, per il laboratorio, il sistema NVIDIA DGX Station. Si tratta di una soluzione all’avanguardia, in grado di trasformare i dati in valore, agevolando le attività di sviluppatori, manager IT e responsabili aziendali.

«Crediamo che questo laboratorio, targato UniUd, possa divenire innanzitutto un punto di riferimento per lo studio e la ricerca sull’intelligenza artificiale – spiega Fabiano Benedetti, Ceo di beanTech – un polo attrattivo per talenti, giovani ricercatori che desiderano completare il loro cammino in un ambiente stimolante e ricco di competenza, messo a disposizione da beanTech e dall’Università di Udine. In secondo luogo, vogliamo continuare a portare intelligenza negli impianti, rendere le macchine sempre più capaci di analizzare dati e modelliIl nostro obiettivo è quello di ripopolare i nostri territori e creare grandi opportunità: la Advanced Manufacturing Valley può essere fucina di know-how e fonte di crescita per tutti.»

Il laboratorio, dove sono già attivi due dottorandi di ricerca e un assegnista di ricerca, è nato sotto l’egida del Dipartimento di Scienze matematiche, informatiche e fisiche, guidato dal professor Gian Luca Foresti.

«Con questa iniziativa crediamo di poter venire incontro alle esigenze delle aziende che necessitano di soluzioni concretedi persone in grado di contribuire sin da subito allo sviluppo dei processi aziendali, con l’applicazione delle nuove tecnologie basate sulle più recenti tecniche di intelligenza artificiale, come il Machine e Deep LearningQuesto laboratorio è un esempio di ambiente cooperativo dove le competenze dei ricercatori e delle aziende si integrano al meglio per individuare soluzioni concrete ai problemi e ai processi applicativi più innovativi» spiega Foresti. 

«Questo laboratorio è un ulteriore passo nella realizzazione del progetto Uniud Lab Village – sottolinea Roberto Pinton, rettore dell’Università di Udine –  e conferma la centralità che attribuiamo al rapporto tra ricerca e imprese. L’Università di Udine vuole diventare sempre più punto di riferimento strategico per la crescita del territorio, formando professionalità capaci di guidare il processo di innovazione. È anche con iniziative lungimiranti come questa, nata grazie alla collaborazione con beanTech, che possiamo guardare al futuro in modo costruttivo e con fiducia.»

In evidenza

SARTORETTI, CREDIFRULI: puntiamo ad un 2021 di rinascita economica per il nostro Paese

«Da alcuni mesi la nostra banca si è attivata in una intensa fase di studio per rispondere in termini positivi a quella che fin da queste prima battute appare come la più importante azione di sviluppo economico in Italia e di conseguenza in Friuli Venezia Giulia: il super-ecobonus 110%. Su iniziativa del Governo Italiano attraverso una norma contenuta nel DL Rilancio del maggio 2020, è stata introdotta la possibilità di riqualificare energeticamente la propria abitazione con le spese che sono a carico del sistema bancario o assicurativo o di imprese varie, grazie ad un sistema sofisticato di compensazione dei crediti. L’intervento di legge ha introdotto la possibilità per le banche, in particolare, di non pagare le imposte allo Stato ma di compensarle con i crediti che va a comperare a fronte delle riqualificazioni energetiche fatte. Questa operatività rappresenta una vera e propria innovazione di servizio alla clientela, in quanto salvo eccezioni, è la prima volta che la banca può comperare credito in questo modo. L’opportunità oltre a poter essere colta da tutti i proprietari di abitazioni che intendano riqualificare le stesse da un punto di vista energetico (quindi sistemazione degli involucri, sistemi di riscaldamento invernale, fissi e infissi, fotovoltaici, ecc.), ma anche da un punto di vista sismico (sisma bonus e sisma bonus acquisti), potrà essere attivata anche da condomini e gli IACP. In Friuli Venezia Giulia la maggior parte delle abitazioni hanno una attestazione di classe energetica molto bassa e pertanto tutte possono beneficiare di questa importante agevolazione “a fondo perduto”. È evidente che la portata di questo dettame di legge è incredibile al punto tale da rappresentare un vera opportunità di sviluppo e rilancio per tutte le aziende del settore edilizio, termoidraulico, dei serramenti. Le imprese hanno colto a pieno questa opportunità e paradossalmente si trovano in “overbooking” di ordinativi. Lo stesso dicasi per tutti i professionisti (ingegneri, geometri e architetti) che sono tra le figure più direttamente coinvolte. E’ importante da sottolineare che in questi settori l’impatto del Covid non si sono praticamente fatti sentire e quindi in un momento in cui economicamente diversi settori sono in difficoltà, almeno questi godono di buona salute e buoni ordinativi. Il sistema bancario in generale ma la nostra banca in particolare sono anticiclici rispetto ai momenti di crisi economica. Questo significa che la crisi per quanto possibile viene trasferita al sistema bancario stante le innumerevoli autorizzazioni alle moratorie sui mutui. Con le moratorie la banca accetta che i clienti sospendano momentaneamente il rientro del capitale di tutte le operazioni di finanziamento e così facendo la banca concede tempo. Solo la concessione di tempo permette al sistema di evitare i default. Gli effetti della pandemia sono ad ogni modo cruenti soprattutto in settori strettamente correlati all’impossibilità di spostarsi (turismo, commercio, spettacolo, ecc.), la banca ha attivato per questi clienti linee di liquidità messe a disposizione dalla stato attraverso il Fondo di Garanzia del Mediocredito Centrale per diverse decine di milioni di euro. Vogliamo essere ottimisti. Da un punto di vista economico i settori che non hanno avuto particolare impatti della pandemia manterranno un buono stato di salute, con il super-ecobonus 110% saranno anni estremamente positivi per l’edilizia, ma quello che è più importante, è che con l’arrivo dei vaccini si dovrebbe tornare progressivamente alla mobilità e con essa alla normalità. Probabilmente il 2021 sarà un anno di transizione, ma quello che si ritiene certo sarà la voglia di ripartire che tutta la popolazione avrà. Immaginiamo una importante ripresa dei consumi e un forte ritorno alla voglia di viaggiare e di fare turismo» Luciano Sartoretti, presidente di Credifriuli.

http://www.credifriuli.it/http://www.credifriuli.it/

In evidenza

SOSTENIBILITÀ: UN IMPERATIVO PER GATTO ASTUCCI, ITALBEDIS, EUROTECH E LAVORAZIONE LEGNAMI

Un incontro virtuale per parlare di sostenibilità ambientale e impresa. È quello che si è tenuto fra Fabio Massaro Ceo di Italbedis, Cristian Paravano generale manager del Gruppo Gatto AstucciRoberto Siagri, Ceo Eurotech e Michele Ianich Ceo di Lavorazione Legnami.

Italbedis, con sede a Legnago (Vr) si occupa del trattamento dell’acqua: il suo Ceo, Massaro, antesignano delle casette dell’acqua in Italia. Una invenzione geniale, anche da un punto di vista ambientale, che ha fatti risparmiare dal 1 gennaio 2019 ad oggi: quasi 83 milioni di bottiglie in pet da 1,5 litri,  per un totale di acqua liscia erogata pari a oltre 2 milioni di litri, e quasi 1 milione di litri quella gassata. Per un risparmio di oltre 7,5 milioni di Co2.

Si tratta di numeri incredibili che danno il segno di quanto le scelte produttive sostenibili siano parte del processo competitivo del fare impresa.

Il Gruppo Gatto Astucci con sede a Domegge di Cadore (Bl) , con la controllata Sarno Display, si occupa della produzione di espositori, astucci, packaging per il mondo beauty e del fashion, stima che il potenziale PoP durevole in italia riciclabile sia di 53mila tonnellate ed in gran parte costituito da materiale termoplastico . La Sarno Display sta attivando numerosi progetti di economia circolare: per ridurre questo impatto di ‘end of waste’.

La tecnologica Eurotech, multinazionale con sede ad Amaro (Ud), ha inventato un supercalcolatore raffreddato ad acqua a temperatura ambiente, con potenze di calcolo a partire da 500 TeraFlops. Un calcolatore con una potenza di calcolo di 1 PetaFlops, consente di risparmiare, su base annua circa 290 tonnellate di Co2, rispetto ad un supercalcolatore raffreddato ad aria.

Infine, ma non per ultima, Lavorazione Legnami, l’azienda che con gli stabilimenti di Asti e Tolmezzo (Ud) ‘veste’ le migliori bottiglie di vino con packaging in legno su misura e brand della casa vitivinicola marchiato a fuoco. L’impresa, infatti, ha spinto ai massimi livelli la sua attenzione per la sostenibilità di tutta la filiera in cui è coinvolta, ottenendo la certificazione ambientale Pefc, che attesta la cura e l’attenzione per l’ambiente lungo tutto il sistema produttivo, a partire dalla gestione dei boschi dai quali proviene il legno utilizzato per il packaging.

«Non è più possibile prescindere il fare impresa dalla sostenibilità ambientale – spiegano i quattro imprenditori – è parte del core business il ‘risparmio’ di risorse, altrimenti si è fuori dal mercato globale. È divenuta sfida quotidiana, a partire dai semplici comportamenti da tenere in azienda, ogni giorno.»

www.italbedis.it

www.gatto.it

www.eurotech.com

www.lavorazionelegnami.com

Nella foto, da sinistra: Fabio Massaro, Roberto Siagri, Michele Ianich, Cristian Paravano. pic by @Anna Airone @Airone Foto

In evidenza

EUROLLS SUBISCE ATTACCO INFORMATICO: VIOLATO COMPUTER DA SMART WORKING

Un attacco informatico in grande stile e capace di penetrare in un rodato sistema di sicurezza: è ciò che ha dovuto subire Eurolls, l’azienda di origine friulana che è tra le migliori al mondo per la produzione di rulli in acciaio e carburo di tungsteno. Mentre l’azienda si trova in un momento di grande lavoro: una commessa vinta negli Stati Uniti da 12 milioni, la decisione di un ampliamento nella filale produttiva di Villa Santina (Ud): il sistema informatico e tutta la posta elettronica aziendale sono stati paralizzati per quasi un mese, a causa di un hacker che è riuscito a violare le maglie di sicurezza attraverso il computer di un dipendente dell’azienda che stava lavorando in smart working. Un attacco dai contorni ancora da definire nelle sue origini e finalità, posto che, assicurano dall’azienda, «sin qui non è stato chiesto alcun riscatto in bitcoin, come di solito avviene in questi casi». Con 149 dipendenti e 29 milioni di fatturato, Eurolls, che ha il quartier generale ad Attimis, la sede di Villa Santina e quelle estere in Messico e Brasile, ha messo in atto subito tutte le azioni per mettere in sicurezza i beni intangibili dell’azienda, blindare la propria rete informatica e reagire nel più breve tempo possibile al danno provocato dall’intrusione. “Pur essendo una necessità e una validissima opportunità in tempo di necessario distanziamento sociale causa Covid, lo smart working rivela una certa vulnerabilità cui gli specialisti della sicurezza dovranno dare al più presto risposte sempre più stringenti ed efficaci”, considerano i vertici aziendali, Renato Railz, il presidente, e Matteo Querini, manager (nella foto).

In evidenza

RIEL E CHIURLO: SINERGIA DI CUORE, DI TESTA E DI MEZZI

Il 26 ottobre 2018, la tempesta Vaia colpì il Nordest italiano, essenzialmente l’area montana delle Dolomiti e delle Prealpi Carniche, distruggendo 42.500 ettari di foreste e provocando lo schianto al suolo di oltre nove milioni di metri cubi di legname. Intere comunità restarono isolate con strade inagibili e black out totale su linee elettriche e telefoniche.

Allora, intervenne Riel, azienda friulana che, oltre ad essere un’eccellenza nazionale nella progettazione e nella manutenzione delle infrastrutture per energia elettrica e telecomunicazioni, si occupa di gestione delle crisi ambientali. 

Roberto Cella, deus ex machina di Riel; – nella foto: il volto giovane di Riel, Erika Cella – illuminato imprenditore anche in altri Paesi, ma di origini carniche, terra dove è nato e dove è voluto tornare, portando con sé una visione imprenditoriale fuori dal comune: ‘Le primissime ore dopo il passaggio di Vaia fu la nostra organizzazione a raggiungere le abitazioni rimaste isolate; abbiamo una nostra flotta di mezzi e attrezzature non solo di terra, anche “via cielo”. Si tratta degli elicotteri della nostra controllata Helica di Amaro (Ud), che ci hanno permesso di operare in qualsiasi zona, anche le più impervie, liberando strade dai detriti e portando cisterne e gruppi elettrogeni per ridare luce alla comunità. Ci siamo coordinati con la Protezione Civile, le forze dell’ordine ed il Servizio sanitario, per gestire l’emergenza sfruttando la nostra capillare conoscenza del territorio grazie all’impegno dei tanti tecnici, tutti friulani, che lavorano per noi.I telefoni satellitari ci hanno permesso di comunicare tra noi e un telerilevamento aereo con sistemi laser-scanner ci ha reso possibile comprendere le caratteristiche morfologiche delle aree in cui intervenire. Prossimità significa conoscere il luogo e sapere come intervenire. Responsabilità significa essere reperibili 24 ore su 24, 365 giorni all’anno per qualsiasi emergenza. Sensibilità significa guidare le operazioni con la testa ma anche con il cuore.

Alberto Sartori, amministratore delegato di Chiurlo: ‘Mettemmo a disposizione mezzi speciali per portare il rifornimento alle cisterne dei generatori in luoghi non raggiungibili dalle tradizionali autobotti e fornito il carburante 24 su 24 per tutti i mezzi di Riel, consentendo una rapidità di intervento che non si sarebbe potuta assicurare in altro modo. Oggi quella sinergia è divenuta autentica collaborazione, strutturata e continuativa. La flotta di Riel ha a disposizione serbatoi e carburante per poter operare ogni giorno dell’anno, a qualsiasi ora, con ogni condizione atmosferica in tutte le zone del Friuli Venezia Giulia. Un sodalizio che è anche umano oltre che professionale: siamo legati dalla reciproca volontà di creare valore in Carnia, una terra dalla quale entrambi proveniamo, molto impoverita e bisognosa di riprendersi parte di quell’importanza socio-economica che ha avuto nei secoli’.

www.rielsrl.com

www.chiurlo.it

In evidenza

D’AGARO AUTOTRASPORTI SEMPRE PIÙ GREEN

La sostenibilità passa anche per scelte da antesignani che, salvaguardando l’ambiente, contribuiscono a innovare i contesti in cui sono calate. Lo conferma la storia della D’Agaro Trasporti di Amaro (Ud) che ha dotato progressivamente tutta la sua flotta dei più aggiornati e performanti sistemi di monitoraggio e ora si è appena insediata nella sua nuova sede ad altissimo valore ambientale. Nell’Industrial Park di Amaro, infatti, il nuovo quartier generale è dotato di un impianto fotovoltaico che permette all’azienda di eliminare completamente l’utilizzo del gas, rendendola autonoma al 100% dal punto di vista energetico. Tutto, quindi, è alimentato con energia verde autoprodotta: riscaldamento, aria condizionata, sistema di autolavaggio, distributore e tutto ciò che è utilizzato presso la sede. È da qui che parte un trasporto su gomma efficiente, sicuro e green. Dal 2013, infatti, i mezzi D’Agaro montano il sistema “Dynafleet”, lo strumento agevole e facilmente integrabile con i sistemi informativi aziendali che consente la comunicazione con il veicolo, il monitoraggio degli spostamenti e delle condizioni di esercizio. Consente l’accesso online ai dati del veicolo, acquisendo così informazioni su come un mezzo è guidato, sulle percorrenze, sui consumi, sullo stato dei veicoli, sulla localizzazione e sulle ore di guida. Il servizio “Fuel&Environment” suggerisce soluzioni per la riduzione dei costi per il carburante e le emissioni e, grazie ai rapporti, è possibile visualizzare risparmi potenziali e progressi previsti in pochissimi secondi. «Analizzando alcuni semplici dati – spiegano i D’Agaro (sono Angelo, Stefano e Angela D’Agaro – nella foto – a portare avanti l’azienda di famiglia) – si può capire meglio dove intervenire sullo stile di guida dell’autista per ridurre i consumi e determinare grossi risparmi in termini di costi finali per l’azienda». Per questo D’Agaro ha accompagnato l’installazione sui suoi mezzi del sistema con un “Corso di guida efficiente” per i suoi autisti. Il calo dei consumi che si è registrato nel corso degli anni «ha implicato una riduzione delle emissioni e un guadagno per l’ambiente, un tema che oggi non può essere assolutamente trascurato dall’autotrasportatore per lavorare in sintonia con le norme stringenti in materia», sottolinea D’Agaro. Per ogni autista il report che monitora la guida vigila su anticipo di frenata, motore e cambio, gestione velocità, tempo totale di percorrenza, chilometraggio e consumo. D’Agaro ha chiuso il bilancio 2019 con 5,5 milioni di fatturato. Ha all’attivo 48 dipendenti e un parco di oltre quaranta mezzi. La nuova sede direzionale nell’Industrial Park di Amaro è il risultato di un investimento di 2 milioni.

https://www.dagarotrasporti.it/

In evidenza

L’AMERICA DELLA PANDEMIA: FINITO IL ‘CALIFORNIA DREAMIN’?

Cosa davvero sta accadendo oggi, negli Stati Uniti, a pochi giorni dall’esito delle elezioni presidenziali? Come, nella realtà, l’America sta affrontando la pandemia? 

Pare che la situazione sia parecchio cambiata: anche solo da un anno a questa parte. In che modo? La California ha perso ogni qualsivoglia sogno di gloria. Chissà mai se tornerà il ‘California dreamin’. A San Francisco come a Los Angeles molte persone hanno perso il lavoro, e di conseguenza la casa. I senza tetto a San Francisco stanno rendendo la città sempre più pericolosa. Nella rinomata Silicon Valley, i colossi della tecnologia: hanno abdicato le loro sedi per lo smart working massiccio. E visto che serve lavorare da casa, perché non trasferirsi dove fa caldo. L’America è grande: un posto, con temperature piacevoli lo si trova, con poche ore di volo. Ed ecco che Miami, in Florida, pullula di smart workers dai building di Ocean Drive, presi in affitto a tempi record ed a costi record (al ribasso). New York pare irriconoscibile: sporca, molto più pericolosa, con numerosi dei negozi rinomati per lo shopping sulla 5th Avenue, chiusi, sbarrati. Locali falliti. Teatri della lussureggiante Broadway ‘closed’. Molti newyorkesi si sono trasferiti negli Hamptons, un poco più a nord di New York, dove molti residenti della city hanno la seconda casa, sull’Oceano. Affitti e costi d’acquisto scesi anche del 50 per cento. Chicago: capitale delloIllinois, già pericolosa prima del Covid, per criminalità, non vive i suoi giorni migliori.  La situazione sanitaria è degenerata piuttosto rapidamente e le autorità sono corse ai ripari, per evitare un’emergenza peggiore di quella della scorsa primavera. Già da giorni: i ristoranti e i bar sono chiusi, la scorsa settimana molti altri luoghi pubblici li hanno raggiunti. Lo slogan è “if you don’t have to do it, don’t do it” – “se non devi farlo, non farlo”. Chiaramente le conseguenze delle chiusure si fanno sentire, a farne le spese sono soprattutto le fasce più vulnerabili. Le file davanti ai centri di distribuzione di cibo, si sono fatte più lunghe. Uno dei tormentoni attuali, in tutto il paese, è Thanksgiving sì – Thanksgiving no. Il riferimento è alle riunioni familiari, scoraggiate dalle autorità sanitarie, nonostante ciò praticate da milioni di famiglie, come dimostrano i dati sull’affluenza agli aeroporti. Si parla di un terzo dei passeggeri ad Atlanta, (Georgia) rispetto ad un anno normale. Intanto, ai confini fra la Florida e la Georgia, in un campo di grano campeggia su di un manifesto: ‘Trump keeps promises’, ‘Trump mantiene le sue promesse’. Non la pensano così i milioni di americani che non lo hanno votato. Far votare gli americani non è affare facile da gestire. Questo significa, nella realtà, code di giornate per lasciare il proprio voto: non come avviene in Italia. Tanto che, in questo anno di pandemia, sono state organizzate le votazioni al ‘domicilio’. Parte degli americani ha potuto esprimere la propria preferenza da casa, senza doversi recare alle urne, via posta. Quindi, senza assembramenti. Di conseguenza, hanno votato in tanti, anche coloro che, magari per problemi di mobilità o altro, per consuetudine, non andavano a votare. Ed allora Trump, per davvero, ha perso. In modo democratico, ne è uscito sconfitto, e Joe Biden ha vinto. È matematica. Le vaccinazioni pare che inizieranno già la prossima settimana. Con giugno i colossi, come General Motor, faranno ripartire il lavoro negli storici headquarter; pure Bill Gates lo conferma. Quindi, come sempre avviene, in Europa, come in Italia, le cose accadano sempre un po’ dopo che Oltreoceano. Saremo fuori dalla pandemia, nella prossima estate del 2021? Intanto sta per arrivare il Natale. Diverso sicuramente. Per tutti gli abitanti del pianeta. 

Fonti: Matteo Zoin manager della Marposs, Marco Saladini, a capo dell’Ice di Chicago. A loro: grazie.

In evidenza

IL FRIULI VENEZIA GIULIA CHE VOLA

Nella foto, da sx: Roberto Cella e Fausto Schneider, patron di Helica Fly; Gabriele Lualdi  della Fondazione Lualdi

Nasce un nuovo servizio di trasporto aereo privato dal Friuli Venezia Giulia, con l’alleanza strategica fra Fondazione Lualdi e Helica Fly, per rispondere a una domanda di trasporto sicuro (anche riguardo alla prevenzione anti Covid-19), veloce, puntuale e prossimo al luogo di destinazione. Sono a disposizione 3 aerei e 2  elicotteri. Helica Fly è il nuovo segmento aziendale di Helica, azienda con sede ad Amaro (Ud) e con core business nel telerilevamento aereo. Oggi impegnata anche nel trasporto passeggeri. L’aereo, soprattutto se privato, si sta rivelando il mezzo più sicuro per percorrenze a medio o breve raggio, in tempo di Covid-19, infatti, sta rispondendo alla domanda crescente di spostamenti per motivi di business ed anche sanitari. In questo contesto sono stati presentati i nuovi voli business da parte di Helica Fly e Fondazione Lualdi, con l’aereo Piper m600 da 4 passeggeri e fino a 4 ore di volo, che si aggiunge ai velivoli Airbus Helicopters As 350 Ecureuil, Robin Dr400 per 3 passeggeri e Pilatus Porter Pc-6 per 6 passeggeri, con partenza dal Friuli Venezia Giulia, per tratte a breve e medio raggio.  Cinque i mezzi a disposizione, tre aerei e due elicotteri. Le mete: Austria, Svizzera, Germania, Francia e Slovenia sono tutte raggiungibili partendo dal Friuli Venezia Giulia. Inoltre, questa tipologia di trasporto consente di arrivare abitualmente molto più vicino ai luoghi di destinazione, rispetto all’utilizzo di un aereo di linea, vincolati ai grandi aeroporti. In Europa sono 3mila i punti di atterraggio disponibili per questa tipologia di velivoli. 

In evidenza

CAME SCEGLIE EUROTECH: LA DIGITALIZZAZIONE È UNA PRIORITÀ

Came: 254 milioni il fatturato registrati nel 2019. Azienda trevigiana, brand di riferimento e partner globale per soluzioni integrate pensate per l’automazione, il controllo e la sicurezza di ambienti residenziali, pubblici e urbani. Ha scelto Eurotech, la multinazionale di Amaro (Ud), per la sua digitalizzazione. 

‘Una scelta che non poteva più essere rimandata – spiega Andrea Menuzzo, presidente di Came (nella foto) – approntare oggi le sfide imposte dalla digitalizzazione significa rimanere competitivi. Il paragone che mi sento di fare, è come quando venne scoperta l’energia elettrica. Digitalizzare i processi di una impresa oggi, significa, come allora, utilizzare o meno l’energia elettrica. il distinguo lo si fa: sull’uso o il non uso delle nuove tecnologie. Questo offre la dimensione e la portata della spinta innovativa che scaturisce dall’uso della tecnologia. In Eurotech abbiamo trovato, con le sue soluzioni, un valido alleato per la gestione dei nostri dati, in totale sicurezza. La nostra realtà somiglia molto ad Eurotech, siamo ‘piccoli’, ma presenti in tutto il mondo’.

Come state vivendo questo momento storico di pandemia? ‘Ci siamo riorganizzati. Non è tutto negativo ciò che sta accadendo. Vediamo di trarre il meglio dalla situazione, anche con una nuova organizzazione del lavoro. Prima, vivevamo in una routine ormai consoldata che la pandemia ha spazzato via. Ora più che mai possiamo e dobbiamo pensare alla digitalizzazione per rimanere competitivi in un mercato che, all’uscita dalla crisi sanitaria sarà ancora più competitivo’.

‘Contribuire alla digitalizzazione del nostro Paese, consentedo ad eccellenze come Came di dotarsi delle migliori tecnologie digitali ci riempie di soddisfazione. Significa che abbiamo fatto un passo in avanti verso una maggiore competitivtà del sistema industriale italiano’ ha sottolineato Roberto Siagri, Ceo di Eurotech.

www.eurotech.com

www.came.com 

In evidenza

LA PANDEMIA FA IMPENNARE L’E-COMMERCE: OVERLOG PRONTA ALLA RIORGANIZZAZIONE DEI MAGAZZINI

L’esplosione dell’e-commerce, in questo periodo storico di pandemia, ha determinato un crescente ricorso ad una migliore gestione dei magazzini: merce di cui arrivano gli ordini da smistare, pronta in magazzino per essere individuata e spedita.

Ecco che, aziende come Overlog di Buttrio (Ud), hanno dovuto fare fronte a richieste fra le più disparate. ‘Una sfida a cui cerchiamo di dare una risposta’ afferma Marco Crasnich, Ceo. 

Essere aziende pronte ad affrontare le sfide che il futuro offrirà, anche dopo la pandemia: è ciò che garantisce ai propri interlocutori Overlog, la società friulana che da oltre trent’anni è specializzata nello sviluppo di soluzioni software per la gestione logistica.

In concreto ciò significa analizzare, progettare, attuare sul campo soluzioni semplici ed efficaci per sistemi logistici complessi, con soluzioni Ict software, prodotti hardware per ogni necessità, consulenza e, non da ultimo, accompagnamento del nuovo corso.

«Il ripensamento del sistema logistico in prospettiva digitalizzata, automatizzata ed in sinergia con il resto dei dipartimenti aziendali: è un processo strategico ai fini dell’abbattimento dei tempi di gestione e di evasione degli ordini, per rendere il sistema integrabile con nuove unità di personale in qualsiasi momento, per puntare al “zero errori” e avere in tempo reale il controllo di tutta l’attività», spiega Marco Crasnich, Ceo di Overlog, illustrando così le molteplici finalità che sono sottese a un intervento della società nelle imprese. Overlog, inoltre, «studia ogni situazione per progettare la soluzione più adatta a quel preciso contesto», sottolinea il Ceo.

Un esempio della “rivoluzione” profittevole che deriva dall’operatività di Overlog lo offre il progetto realizzato alla BluBai, società di riferimento per la distribuzione  all’ingrosso di bevande. Prima nella sede di Cesenatico (Forlì-Cesena) e poi a Ravenna:  Overlog ha informatizzato tutto il lavoro del magazzino, rispondendo a tre obiettivi prioritari della committenza: gestire il lavoro con “zero errori”, semplificare le operazioni, accelerare i tempi di evasione degli ordini.

«La situazione di partenza era quella analoga a molte aziende: utilizzo di liste manuali e tutta l’organizzazione affidata alla conoscenza ed esperienza dei singoli, con evidente difficoltà a inserire nuovi addetti nei momenti di picco lavorativo». L’analisi della situazione ha condotto Overlog a scegliere la riorganizzazione del magazzino utilizzando la tecnologia vocale – gli operatori hanno così le mani libere – che permette elevata efficienza e alto controllo delle operazioni. Tra le peculiarità tecniche, «la realizzazione di un cruscotto che consente all’azienda di monitorare in tempo reale i prelievi», spiega Crasnich, mentre «la vera sfida è stata realizzare una delle prime installazioni in Italia di questo tipo su piattaforma Android».

Il miglior commento di BluBai al lavoro svolto, Overlog lo ha ricevuto con la commessa a realizzare lo stesso intervento nella piattaforma logistica di Errebi a Ravenna.

In evidenza

beanTech, DATI GESTITI IN SICUREZZA SONO STIMATI IN 2 PETABYTE

Smartworking, conference call, mail e contatti online: il 2020 ha trasformato in versione digitale la vita quotidiana a tutti i livelli con la conseguenza di una mole di dati generati e in transito sulle reti mai vista sino ad ora. Cifre enormi, quasi impensabili fino a pochi mesi fa che hanno posto, tra le altre, una sfida di capitale importanza al mondo dell’Ict: continuare a garantire la sicurezza delle informazioni.

Esattamente ciò che è riuscito a fare un leader dell’Ict e dell’integrazione di soluzioni informatiche come BeanTech che stima di avere gestito flussi di dati per 2 petabyte. «Per i nostri clienti, verifichiamo quotidianamente i backup aziendali, la sicurezza nell’acceso ai dati garantendone integrità e confidenzialità ed allo stesso tempo garantendo la possibilità di utilizzare soluzioni che, all’esterno del perimetro aziendale, diano accesso ai dati in sicurezza» spiega il CTO dell’azienda friulana, Massimiliano Anziutti «Se volessimo fare una stima della somma dei dati che i nostri clienti hanno all’interno dei loro server, arriveremmo a svariati petabyte». Per petabyte si intende un’unità di misura che fa riferimento a una quantità di dati davvero consistente, nella media della quotidianità.

Per BeanTech un risultato di straordinario valore, poiché «ha messo alla prova la capacità del nostro team di garantire la sicurezza di questo flusso di informazioni. Un aspetto questo – prosegue Anziutti – di vitale importanza per i nostri abituali interlocutori, ovvero le maggiori aziende manifatturiere del Nordest Italia. Se già in condizioni di normalità la ricerca di preservare la sicurezza del dato è di basilare importanza in un’ottica di competitività – aggiunge –, in questi mesi la sicurezza delle informazioni veicolate sulla rete à diventata ancora più importante, per la necessità che hanno avuto molte imprese di attivare terminali nelle case dei collaboratori per poter proseguire l’attività. In questo periodo, inoltre, è aumentato notevolmente il numero di reati ed attacchi informatici verso privati e soprattutto verso le aziende. La sicurezza informatica riveste quindi un ruolo ancora più determinante.»

beanTech, attingendo alle solide conoscenze e alla strutturata esperienza nel settore, ha saputo garantire a tutti l’integrità, disponibilità e riservatezza dei dati, rendendoli sempre informazioni utili al business e garantendo l’accesso ai soli aventi diritto. Ciò palesa il tasso di evoluzione che ha raggiunto l’azienda: in grado di reggere e governare situazioni mai viste.

«BeanTech può analizzare lo stato della sicurezza aziendale e implementare le migliori soluzioni di data protection, scalabili e facili da gestire e installare – conclude Anziutti – , potendo disporre dei migliori strumenti sul mercato»

In evidenza

NOMINE: PARAVANO NOMINATO Sustainability manager DEL GRUPPO GATTO

Dirigente da oltre 20 anni e attuale direttore generale e consigliere delegato della Capogruppo Gatto Astucci e della Sarno Display, Cristian Paravano è stato nominato Sustainability manager dell’intero Gruppo Gatto. Nome indiscusso a livello mondiale nel Luxury Packaging, Visual e Shop Fitting, il Gruppo da anni ha intrapreso un percorso ragionato e scadenzato per poter diventare un’azienda in cui la sostenibilità si declina in tutti gli aspetti produttivi e del business. Paravano è stato uno degli artefici di questo percorso, unendo la filosofia aziendale a una personale inclinazione, consolidata tra l’altro da un Executive Master in Sustainability and Business Innovation alla Business School dell’Università di Bologna. 

Informatico di formazione, Paravano esporterà all’intero Gruppo Gatto un’esperienza green consolidata in Sarno Display, dove la sostenibilità è al centro del business plan 2020-2022. «Imprenditorialmente è impossibile pensare al futuro senza declinarlo all’insegna della sostenibilità – afferma Paravano –. Trovare una performance economica  che bilanci benessere della persona, salvaguardia dell’ambiente e delle risorse è l’interpretazione della “sostenibilità” che più può connotare il modo di stare di un’impresa nel contesto storico attuale». 

Laureatosi in Scienze dell’Informazione a Udine, Paravano si è ulteriormente specializzato con diversi master su management, sustainability e digital retail innovation. Danieli, Ixtant Spa (attualmente Gruppo Finmek), Arthur Andersen Mba, Deloitte Consulting, Pacorini Group, Lp&P sono nomi che contraddistinguono altrettante tappe professionali di Paravano, prima dell’approdo nel 2009 al Gruppo Gatto quale direttore generale e nel 2020 al vertice di Sarno Display, un incarico cui ora aggiunge quello di Sustainability manager per tutto il Gruppo. 

In evidenza

INTERLOGICA: AZIENDA SEMPRE PIÙ SMART. FOSSATO: ‘IL COVID CI HA PERMESSO DI LIBERARCI DAL VINCOLO DI TEMPO E SPAZIO AL LAVORO’

Il Covid ha eliminato il vincolo dello spazio e anche del tempo. Anche in azienda. Accade presso Interlogica, azienda di Mestre (Ve), 4,7 milioni il fatturato, 80 addetti. Core business: servizi informatici. Da febbraio sono stati assunti 20 nuovi addetti, 9 dei quali, in pieno lockdown. ‘Ci sono persone, neoassunte, che non ho mai incontrato personalmente – spiega Alessandro Fossato, amministratore delegato di Interlogica – le abbiamo scelte facendo colloqui con video call. Una di loro vive in Portogallo e lavora da lì: si tratta di una dipendente storica, aveva preso alcuni mesi di aspettativa per girare il mondo e verso la fine del lockdown, quando avrebbe dovuto riprendere la sua attività in Interlogica, si trovava in Portogallo. Le abbiamo detto “se vuoi resta lì, ti spediamo un portatile”. Esistono competenze, e durante la pandemia lo abbiamo imparato, che non necessitano della presenza fisica in ufficio. L’importante sono gli obiettivi, e il loro raggiungimento. L’organizzazione del lavoro in Interlogica è molto agile, e smart, oltre che lineare: la gerarchia è appiattita, su di un unico livello, tutti ci si muove verso la medesima direzione. Quasi in un modello ad hoc. ‘Uno dei nostri dipendenti lavora in Austria. Gli uffici della nostra sede, a Mestre, sono praticamente vuoti: è un processo ormai avviato, non saremo più quelli di prima. L’organizzazione potrebbe addirittura trarre vantaggi da tutto questo: non è necessario lavorare otto ore, se il risultato lo possiamo ottenere con la metà delle ore, ed il resto della giornata trascorrerlo a fare quello che ci piace’ continua Fossato. Un concetto nuovo di lavoro e di gestione del personale: da remoto o in smart working, sta venendo avanti. La pandemia ha dato una spinta ad un fenomeno che si era già innescato. Il risultato è una forte accelerazione verso un modus operandi, in azienda, più sostenibile, nell’accezione anche della salvaguardia della persona e delle sue caratteristiche, relative a dove, quando e come lavorare. Stiamo diventando forse più civili? Più sostenibili? Persone migliori? ‘Direi proprio di sì e la digitalizzazione mette in rete tutte queste nuove pratiche che, alla fine, migliorano la qualità della vita di tutti noi. Un concetto che amiamo definire: umanesimo digitale. Interlogica collabora con l’Ernesto Sirolli Institute. La compagine societaria vede anche la presenza di Fabio Panizzutti ‘Che vive e lavora in montagna. È rimasto lì, dove sta meglio, piuttosto che rientrare in ufficio’ conclude Fossato.

In evidenza

EFFEDI, ROBOT COLLABORATIVI AL POSTO DELL’UOMO; UTILI ANCHE PER IL MANTENIMENTO DELLA DISTANZA SOCIALE

Una soluzione in grado di rispondere al meglio alla necessità di distanziamento che oggi il Covid-19 ha imposto nei reparti delle aziende e di conseguenza anche alla flessibilità produttiva che il mercato sta chiedendo. È così che contribuisce all’emergenza economica attuale Federico Nardone, Ceo dell’azienda udinese Effedi Automation, che fornisce alle imprese robot collaborativi capaci di lavorare fianco a fianco con l’operatore, senza necessità di barriere protettive. “Si tratta di macchine che, oltre ad essere agili e facilmente spostabili, sono anche di facile utilizzo, poiché «dotate di un interfaccia software friendly (Pally), tale da poter essere adoperata in linea da ogni operatore, in autonomia” sottolinea Nardone. «Queste soluzioni – aggiunge l’imprenditore, – si prestano per sistemi di pallettizzazione collaborativa estremamente interessanti poiché l’introduzione di questa tipologia di robot collaborativi alleggerisce la risorsa umana di tutto il lavoro ripetitivo e usurante, lasciando al personale dell’azienda la possibilità di impiegarsi nella parte dell’occupazione che costituisce il valore aggiunto, come per esempio il controllo qualità e la supervisione del robot». Questo tipo di soluzione risponde a tutte le esigenze di automazione e aumento della produzione in azienda, ma con un’importante aggiunta: ha tempi di realizzazione decisamente competitivi rispetto alla tradizionale automazione robotizzata e i costi sono ammortizzabili nell’arco di un anno, un anno e mezzo al massimo. Tra le applicazioni che hanno dimostrato sul campo l’efficacia di una pallettizzazione con i nuovi robot collaborativi, c’è quella in un’azienda del settore Food che produce birra artigianale. L’introduzione dell’automazione non ha ridotto il personale, ma ha consentito di valorizzare al meglio le risorse presenti in azienda con reciproca soddisfazione. Risultati analoghi dalle applicazioni avvenute e in corso di realizzazione nei settori farmaceutico-cosmetico, elettromeccanico e meccanico. Effedi Automation si serve dei migliori bracci robotizzati offerti dal mercato internazionale, sui quali applica i software di propria elaborazione e ogni sorta di personalizzazione necessaria (anche la creazione di utensili con la stampa 3D), per poi occuparsi dell’installazione.

In evidenza

HOME FITNESS: SINTESI, LA MACCHINA ROBOTICA MADE IN FVG

Minimal style living room and bedroom 3d rendering image. There are concrete floor, white and gray wall. Finished with white bed and gray fabric lounge chair.

Le palestre chiudono, l’attività sportiva è soggetta a limitazione ma, il corpo deve mantenersi in salute. Anzi, questo è uno degli obiettivi fondamentali per affrontare al meglio una condizione difficile come l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo. La salute, insomma, deve restare al primo posto. Akuis, la giovane e intraprendente impresa friulana, sin da subito ha pensato a una soluzione ‘home’ version, della sua palestra robotica Sintesi, per continuare ad avere la propria digital-gym in stato di sicurezza, a casa. Sintesi è la più minimale e completa macchina multifunzione robotica per un nuovo modo di allenarsi, concepita con un design elegante, minimale, per essere agevolmente integrata in qualsiasi soluzione d’arredo. Essa permette un allenamento armonico e motivante, programmando solo ciò che serve. L’unico pensiero che deve avere chi la utilizza è avere cura di sé, perché al resto ci pensa la tecnologia, monitorando ogni singolo movimento. La conseguente elaborazione dei dati, si traduce in programmi personalizzati da condividere a distanza anche con un personal training. Sintesi ha due posizioni intercambiabili: verticale o orizzontale. L’allenamento è impostabile grazie a una semplice interfaccia sul tablet. Tempi, forza, posizione, velocità, potenza, simmetria, postura, tutto è monitorato e rendicontato, per avere un controllo delle proprie performance. Il dynamic vectoring, cioè la tecnologia brevettata da Akuis che costituisce la spina dorsale di Sintesi, è nata per consentire una configurazione automatica dell’esercizio o simulare la gravità per una libertà di movimento come con i pesi liberi. Sintesi sta riscontrando particolare successo sul mercato perché rappresenta una soluzione ottimale per prendersi cura di sé, ed elemento altrettanto attrattivo, offre un valore aggiunto all’estetica della propria casa, anche in virtù delle personalizzazioni che la struttura di Sintesi consente. A concepirla ed inventarla: Alessandro Englaro e Mattia Armando Chiavegato, due giovani friulani; il primo un ingegnere aerospaziale, il secondo un architetto.

In evidenza

PER UN NATALE SPECIALE, I PANETTONI DI DALL’AVA, ANCHE DA 20 KG

In arrivo per il Natale 2020, i nuovi gusti dei panettoni ‘Maria Vittoria’ di Carlo Dall’Ava: con il segmento Bakery dell’azienda che, da anni, non si occupa solo di prosciutti. Panettoni anche da 20 kg: per un Natale di un anno molto particolare. Classico o con zenzero candito e cannella; con lampone e gocce di cioccolato, all’amarena o con cioccolato valrhona e arancia o, addirittura, con caramello zalato: sono le versioni in cui si propone nel 2020. A impreziosire un contenuto di per sé di altissima qualità, come già nel 2017 ha certificato la Guida del Gambero Rosso, c’è il packaging raffinato, originale, anche istrionico e sempre attento alla filosofia del momento, ovvero la completa sostenibilità. Dai 100 grammi fino ai 20 chili. Per il panettone classico “Maria Vittoria” vengono usati gli ingredienti migliori disponibili sul mercato: farine di frumento Petra del Molino Quaglia, canditi di arancio e cedro del Maestro Morandin, uvetta, burro Belga, miele delle Valli del Natisone, tuorlo d’uovo e Vaniglia Bourbon del Madagascar. Zenzero candito e cannella caratterizzano un panettone dal gusto orientaleggiante che conquisterà per la nota fresca e piccante dello zenzero candito, utilizzato nella sua versione freschissima e accuratamente selezionato. Decisamente innovativo, pur con prodotti della tradizione, il panettone al Lampone e gocce di cioccolato, perché Dall’Ava per questo prodotto ha scelto di utilizzare il Framboise Valrhona, cioè cioccolato bianco e estratto di lampone, una soluzione decisamente innovativa. Amarene rigorosamente italiane sono quelle che impreziosiscono un altro panettone, che si piace per il suo gusto dolce e intenso e per la piacevolezza al palato delle amarene candite. Il panettone Cioccolato Valrhona e arancia si presenta ricoperto dalla glassa lucente al cioccolato con decorazione di Pepite Valrhona, una “cupola” sotto la quale si cela un impasto morbido con solo arancio candito del maestro Morandi e pèrles di Cioccolato Valrhona. E per chi non sa decidersi tra il dolce e il salato? “Maria Vittoria” ha trovato la soluzione con il panettone “caramello salato”, un’idea dolce contrastata da un’anima salata che sa stuzzicare i migliori palati. I panettoni possono viaggiare verso la loro destinazione con imballi di carta trasparente con texture personalizzata ed elegante fiocco azzurro; in scatole green di cartoncino serigrafato, coperto bianco e nastro di raso; in affascinanti secchi latta per vernice, un contenitore non “usa e getta” che incontra il mondo della street art tanto cara a “Maria Vittoria”. ‘Viviamo tutti un anno difficile – spiega Carlo Dall’Ava – con questi prodotti vogliamo regalare qualità a tavola, per festeggiare le prossime feste con serenità’.
I panettoni possono essere acquistati online, accedendo al sito www.prosciuttocompany.com

Carlo Dall’Ava pic by @AnnaAirone @AironeFoto
In evidenza

REVID19, NEW INSTRUMENT DEVELOPED BY EUROTECH; FIND COVID IN HUMAN BREATH

Ti Lancio, press release, a news for the world.

It is called Revid 19, a brand new instrument developed by Eurotech that is currently being used for the experimental research of the presence of Covid 19 in the human breath. The experimentation is already in progress. Eurotech is a high-tech multinational company listed on the Milan stock exchange (ticker ETH.IM), with branches in Columbia (Md), Salt Lake City (Utah). It is an instrument equipped with IoT and AI technologies plus a specific number of sensors that create a digital twin of the breath. The digital twins of the breaths are then analyzed by a neural networks that will classify the ‘digital breaths’ aiming to recognize the anomalies of the exhaled air. At the moment Revid 19 is in use by Alpi a non-profit organization in Udine (Italy) and the research is directed by Mario Canciani, internationally renowned pulmonologist and who has developed the idea of this test methodology. The experimentation is just in the beginning and there is a need to collect a lot of samples. We need the support of the community: many samples of the breath are required to validate the assumptions. To collect a sample is very simple: just inflate for 20 seconds in th instrument. The is done by the instrument itself. There is no risk of contagion, nor for the health of patients’ explains Canciani. ‘We liked Canciani’s idea – says Ugo Padulosi, head of Research at Eurotech – we have the technologies available in the lab to build the instrument and we are proud to have used the Eurotech’s technologies for this health-protection’s project, in such a complicated pandemic moment. We are excited to test the results of the AI algorithms as soon as we will collect a reasonable amount of data’. Mario Canciani has always dealt with respiratory diseases, first at the Burlo Garofolo Hospital in Trieste and then at the pediatric clinic of the University of Udine. For 12 years on the steering committee of the largest European medical association, the European Respiratory Society, he was the founder of Alpi, the association of asthmatic, allergic and children with respiratory problems, and of Grap: Regional group of allergy-pneumology. He is currently president of the Fvg of Isde (Doctors for the Environment) and coordinator for the Fvg of Siaip (Italian Society of Paediatric Allergies and Immunopathologies) and deals in particular with the effects of pollution on children’s health and on allergic and pneumological diseases of children and adults. He is the author of over 200 scientific publications and about thirty books. Eurotech (ETH:IM) is a multinational company that designs, develops and supplies Edge Computers and Internet of Things (IoT) solutions – complete with services, software and hardware – to system integrators and enterprises. By adopting Eurotech solutions, customers have access to IoT building blocks and software platforms, to Edge Gateway to enable asset monitoring and to High Performance Edge Computers (HPEC) conceived also for Artificial Intelligence (AI) applications. To offer increasingly complete solutions, Eurotech has activated partnerships with leading companies in their field of action, thus creating a global ecosystem that allows it to create “best in class” solutions for the Industrial Internet of Things. Learn more at www.eurotech.com.

In evidenza

INFOSTAR METTE IN SICUREZZA LO SMART WORKING

La sicurezza del dato, in special modo a ‘casa’, è oggi una priorità. Nell’epoca che stiamo vivendo in cui lo smart working è divenuto misura e consuetudine di contrasto al Covid19: è esigenza delle aziende poter garantire la sicurezza informatica, estesa a tutti i lavoratori che prestano la loro attività, anche da remoto, in una situazione di smart working. Infostar ha messo in sicurezza e fornito quasi mille device per il lavoro da casa. In epoca di pandemia il fatturato di Infostar è cresciuto proprio per venire incontro alle esigenze legate alla digitalizzazione e messa in sicurezza dei device per coloro che operano in smart working. ‘Stiamo lavorando a fianco di circa 30 aziende in questo 2020, tra grandi imprese friulane e Pmi, grazie ai nostri servizi e ai dispositivi forniti, stiamo permettendo lo smart working a più di 1000 persone. La sicurezza al primo posto, anche dal punto di vista IT, visto che gli attacchi informatici sono in costante crescita. Le tecnologie che stiamo usando sono molto legate al cloud, con Microsoft 365 che svolge un ruolo importante, nel lavoro in team, nella condivisione e organizzazione di contenuti digitali e nella videocomunicazione. Il nostro staff composto da 15 persone si occupa anche della formazione del personale, con corsi in presenza e da remoto, per imprenditori, manager e collaboratori. Watchguard è un altro partner importante per la sicurezza delle reti IT, soprattutto per il collegamento remoto ai server aziendali, con le Vpn (Virtual private network) e le autenticazioni a doppio fattore. Con Watchguard stiamo svolgendo un lavoro eccellente, abbiamo anche conseguito il riconoscimento di Partner Gold e siamo leader in regione Friuli Venezia Giulia’ afferma Cristian Feregotto. Molto spesso, imprenditori, dirigenti e manager, conoscono e usano una piccola percentuale di queste tecnologie e loro malgrado non sfruttano tutte le potenzialità per lavorare al meglio a distanza’ continua Feregotto. Un punto di riferimento certo, professionalmente solido e sempre aggiornato rispetto alla rapida evoluzione tecnologica a livello mondiale. È il sintetico profilo di Infostar, l’azienda Hi-Tech di Tarcento che interagisce con il tessuto produttivo a ogni livello, per supportarlo nell’affrontare appropriatamente la sfida attuale: una corretta e rapida digital transformation. Infostar, guidata dal 1999, dal fondatore e amministratore delegato Cristian Feregotto, insieme a Luca Noacco. L’azienda, insieme alla fornitura della tecnologia e alla sua installazione, opera assiduamente per il terzo aspetto fondamentale alla digital transformation, ovvero la formazione adeguata del management e degli operatori in azienda. Una formazione a distanza – attraverso webinar individuali o di gruppo – o in presenza, a seconda delle necessità e possibilità.

In evidenza

LA SOSTENIBILITÀ SEMPRE PIÙ AL CENTRO DELLE SCELTE STRATEGICHE ANCHE DEI GRANDI GRUPPI AZIENDALI

Un espositore cosmetico può essere bello e sostenibile. A dimostrarlo è il Gruppo Hera, con la controllata Aliplast, in collaborazione con Sarno Display, azienda di display del Gruppo Gatto Astucci, e Rougj, importante brand di cosmetica. In https://www.gruppohera.it/occasione di Ecomondo 2020, è stato presentato in anteprima il progetto che vede coinvolte le aziende, nell’ambito dei master in Sustainability and Innovation e Business Innovation Design della Bologna Business School di Unibo: obiettivo la realizzazione di un prototipo che sarà presto avviato alla fase pilota nelle farmacie bolognesi. Un nuovo modo di concepire l’espositore dei cosmetici minimizzare i materiali e standardizzare le componenti, senza rinunciare alla customer experience e all’estetica del prodotto: questi i punti di forza del progetto. Aliplast, già leader nel suo settore, è stata la prima azienda in Italia ad aver realizzato il “closed loop”, ovvero la gestione dell’intero ciclo di vita della plastica, dalla raccolta al riciclo fino alla sua rigenerazione in materiale dalle caratteristiche analoghe a quello vergine. È la stessa logica, insieme a quella dell’eco-design, che ha guidato l’ideazione dei nuovi espositori per cosmetici POP (Point of Purchase) sostenibili, permettendo a Sarno e Rougj di creare a loro volta e con la collaborazione del Gruppo Hera il primo “closed loop” nel mondo del POP. Un’idea che dimostra come, oltre al recupero di ciò che prima era considerato uno scarto, per l’economia circolare sia fondamentale la progettazione stessa degli oggetti affinché possano rimanere in vita il più possibile. È già prevista una seconda fase del progetto: al centro il coinvolgimento Non è finita qui: dopo la realizzazione dei nuovi espositori sostenibili, i partner hanno previsto una seconda fase che vedrà il coinvolgimento attivo dei clienti nella fase di recupero dei materiali. Da sempre la multiutility, infatti, fa della partecipazione uno dei punti chiave per lo sviluppo di progetti e temi di economia circolare sul territorio. Questo obiettivo si sposa perfettamente con quello di Sarno e Rougj di coniugare alla qualità dei propri prodotti la sostenibilità.

In evidenza

AI NEL MANIFATTURIERO: LA SFIDA DEL COMET FVG CON ‘AI REGIO’

Comet, Cluster della metalmeccanica FVG è uno dei 3 cluster italiani che partecipano al progetto europeo ‘AI REGIO – Regions and DIHs alliance for AI-driven digital transformation of European Manufacturing SMEs’, finanziato nell’ambito di Horizon 2020, il Programma della Commissione Europea per la Ricerca e l’Innovazione. Coordinato dal Politecnico di Milano, ha durata di 3 anni ed è finanziato dall’UE per 7.900.000 di euro, 36 i partner europei coinvolti e solo 3 le regioni italiane. Comet – Cluster della metalmeccanica del FVG – partner attivo del macro progetto IP4FVG (www.ip4fvg.it), la rete dei digital innovation hub della Regione FVG, è il vettore che trasferirà alle Pmi friulane la conoscenza sul tema dell’intelligenza artificiale e si occuperà dell’identificazione ed implementazione di un progetto sperimentale in grado di sviluppare un approccio di apprendimento intelligente per la pianificazione ed ottimizzazione della produzione. Ecco quindi che, grazie alla partecipazione di Comet ad ‘AI REGIO’, la metalmeccanica regionale potrà godere di un dialogo diretto con i principali poli europei dell’innovazione digitale per ottenere un supporto attivo nella trasformazione digitale. Il progetto ‘AI REGIO’, infatti, si pone l’obiettivo di abbattere le barriere che ostacolano i poli dell’innovazione digitale (DIH) incentrati sull’intelligenza artificiale, impedendo loro di adottare la nuova realtà digitale in modo completo. Sergio Barel, presidente di Comet: ‘L’applicazione delle tecnologie abilitanti per l’industria 4.0 sono fondamentali per il supporto e la crescita del nostro tessuto imprenditoriale, composto soprattutto da Pmi. L’intelligenza artificiale implementata nel manifatturiero locale rappresenta la nuova sfida che Comet intende affrontare, anche grazie ad AI REGIO e IP4FVG’.

In evidenza

CHI SALVERÀ L’ECONOMIA? ‘LA SUBSCRIPTION ECONOMY, E L’INTELLIGENZA’

La servitizzazione, ovvero, la ‘subscription economy’: è la tendenza generale delle aziende a passare ad un modello di business in abbonamento, in cambio dell’accesso a un prodotto o servizio. Una opportunità che vale 8 trilioni. È quanto ha affermato, Roberto Siagri, ad di Eurotech, nel libro ‘Intelligence Economica. La nuova guerra commerciale’ (Rubbettino editore, a cura dell’Istituto di Alti studi strategici e politici); estremamente attuale in questo periodo storico di pandemia. ‘Grazie infatti alle tecnologie digitali nella declinazione IoT, Bigdata e Intelligenza artificiale, le imprese possono agevolmente ed economicamente digitalizzare fabbriche, processi, asset e prodotti così da poter creare nuovi modelli di business. Con la digitalizzazione i dati diventino una nuova materia prima e pertanto la capacità di sviluppare e usare i software diventa imprescindibile. Tutte le imprese devono pertanto pensare che, indipendentemente dal loro mercato di sbocco, come dice Marc Andreessen, sono aziende di software; prima ne prendono coscienza meglio performeranno nel mercato. Clayton Christensen con The Innovator’s Dilemma codifica schemi e principi intorno a cui si trasforma la società e l’economia, dimostrando quanto le aziende di successo possano fare tutto “bene” e perdere la loro leadership di mercato, o addirittura fallire, quando nuovi concorrenti inaspettati, grazie all’uso di nuove tecnologie che sembrano, alle aziende dominanti, poco rilevanti nel loro settore, conquistano il mercato. Questo è l’effetto della crescita esponenziale intrinseco in ogni nuova tecnologia: nelle fasi di avvio, la crescita esponenziale è sfuggente. Lo sviluppo esponenziale inoltre sfugge alla natura umana che è per sua natura, lineare. Per capire un po’ meglio come le tecnologie influenzano le industrie e di conseguenza i modelli economici è interessante analizzare le quattro fasi che hanno permesso di passare dall’industria 1.0 all’industria 4.0. Tutto ha inizio alla fine del 1700 con la meccanizzazione, la macchina e vapore e i telai e dove la tecnologia sottostante è quella della costruzione e standardizzazione delle parti meccaniche. Verso la fine del 1800 si passa alla produzione di massa, con linea di assemblaggio ad energia elettrica e dove la tecnologia sottostante è data dai componenti elettromeccanici e la loro standardizzazione. Attorno agli anni ’70 delle scorso secolo arriva, grazie ai calcolatori, l’automazione e si assiste alla terza rivoluzione industriale. In questo caso la tecnologia sottostante è quella del calcolo e della standardizzazione dei modo di costruire calcolatori. Oggi si parla di Industria 4.0 e di sistemi ciberfisici, di reti di calcolatori (Internet of things) e della prevalenza dei dati sulla materia. In questo caso la tecnologia abilitante è quella del software e della standardizzazione delle sue componenti. Se andiamo ad analizzare il passaggio dalla 3 alla 4 rivoluzione industriale possiamo notare che siamo passati da una economia basata sui calcolo ad una economia basata sui dati senza trascurare il fatto che e stiamo entrando in un’era dominata dall’Intelligenza artificiale che è la tecnologia che ci permette di analizzare la grandissima mole di dati prodotti dall’adozione su grande scala dell’IoT. Gli oggetti interconnessi (fabbriche macchinari e prodotti) e i dati da questi generati in tempo reale dovranno portare alla creazione di nuovi modelli di business che daranno così origine a nuovi modelli economici molto più sostenibili che in passato. L’Outcome Economy è il modello economico emergente e che trasforma radicalmente i modelli tradizionali di business, permettendo il cambio di paradigma da prodotto a servizio, modificando le strategie, gli investimenti e, cosa importante, la mentalità. La quarta rivoluzione industriale, trainata dalla digitalizzazione massiva di asset e prodotti, permetterà alle attività economiche di approdare all’ economia del risultato (Outcome Economy), un’economia basata sulle prestazioni dei prodotti e sul risultato che questi producono. Un’economia sul risultato del prodotto e non sul prodotto è un’economia che non ha più bisogno del passaggio di proprietà del bene e pertanto porta in automatico le imprese ad operare in economia circolare. L’evoluzione ulteriore porterà anche ad una maggiore automazione delle fabbriche grazie al diffondersi di robot collaborativi e ad una maggiore previsione della domanda grazie alla mole di dati disponibili cosa che non potrà che potenziare ulteriormente il modello economico dell’Outcome Economy. Oltre agli impatti industriali ci sono impatti geopolitici prodotti dalle tecnologie del calcolo (siano esse hardware o software), che oltre ad essere in costante evoluzione stanno non solo cambiando i paradigmi industriali ma contribuiscono al mantenimento della sovranità degli Stati. Dai primi tradizionali computer siamo arrivati alle moderne tecnologie di high performance computing (HPC), l’elaborazione dati ad alte prestazioni. Vista la mole di dati che si andranno a produrre il calcolo ad alte prestazioni abbinato all’intelligenza artificiale permetterà di mantenere la competitività delle imprese, alimentare il progresso sociale e garantire la sovranità degli Stati. In un mondo sempre più connesso e digitale, chi più sarà in grado, tramite il calcolo ad alte prestazioni, di estrarre informazioni e conoscenza, dalla grande mole di dati prodotti, più competerà’.

In evidenza

LED LUKS, NUOVO SITO PRODUTTIVO DA 1.300 METRI QUADRATI

LED Luks, l’azienda che dal 2013 vive sul confine fra Slovenia e Italia coniugando il meglio della cultura d’impresa di entrambe le culture industriali con la produzione di apparecchi di illuminazione a LED esteticamente raffinati e tailor-made, cresce e taglia il nastro di una nuova sede produttiva da 1.300 metri quadri. Sorge a Šempeter in territorio sloveno, nell’immediata periferia Est di Gorizia, da cui dista poche centinaia di metri. 

Il nuovo stabilimento è stato realizzato in prossimità del quartier generale della società, che continua a raggiungere nuovi obiettivi, «con la prospettiva di chiudere il 2020 a 3,5 milioni di fatturato», afferma l’imprenditore Dino Feragotto, tra i soci fondatori insieme al direttore Matija Klinkon. Traguardi raggiunti in virtù del concentrato di professionalità e flessibilità che caratterizza LED Luks, in grado di offrire qualsiasi soluzione di illuminazione a LED per il settore commerciale, industriale, per uffici, edifici scolastici, strutture pubbliche, sportive, dedicate ad eventi. Ulteriore valore aggiunto, la capacità di sviluppare soluzioni su misura, sviluppate in stretta sinergia con i propri interlocutori. 

«Sin dall’avvio dell’attività abbiamo puntato a offrire qualità della luce con apparecchi dal design originale, sempre attenti a dare un valore aggiunto all’ambiente in cui viene posizionato il nostro prodotto – affermano Feragotto e Klinkon -. È un’intuizione che ha dimostrato di funzionare, di ottenere sempre maggior riconoscimento a livello globale, tanto da rendere necessaria la realizzazione di un nuovo stabilimento produttivo». 

Come il quartier generale, anche la nuova struttura ha al proprio interno un’organizzazione all’avanguardia e una dotazione tecnologica in linea con la punta avanzata dell’Industry 4.0. In questi spazi LED Luks disegna, progetta, prototipa e produce apparecchi di illuminazione a LED utilizzando solo i migliori componenti e le soluzioni più innovative. 

A sostenere lo sviluppo dell’impresa, un team di piu di trenta addetti, con un’età media al di sotto dei 40 anni. Il mercato di sbocco è quello internazionale, con particolare riferimento ad Europa, Middle East e Australia.

Nella foto: Dino Feragotto, uno dei soci fondatori LED Luks, insieme a Matija Klinkon.

In evidenza

PROSCIUTTO SAN DANIELE: VOLANO GLI ACQUISTI ON LINE IN EPOCA COVID

In epoca di pandemia si prediligono i prodotti locali o a indicazione geografica. Il consumatore sceglie il Made in Italy, tra cui la Dop, Prosciutto di San Daniele, che ha mantenuto i volumi di consumo nonostante il periodo, registrando una lieve flessione della produzione – del 2% – rispetto allo scorso anno. Prodotte 16,5 milioni di confezioni certificate di San Daniele Dop affettato. Forte crescita degli shop on line delle aziende consorziate.

A confermarlo Mario Cichetti (nella foto), direttore generale del Consorzio del Prosciutto di San Daniele: ‘Le aziende produttrici del San Daniele Dop non si sono mai fermate, sempre nel rispetto delle normative vigenti, per poter rifornire la grande distribuzione, le piccole gastronomie, rispondendo così alla richiesta di prodotto da parte dei consumatori. Rileviamo inoltre una forte crescita degli shop on line, infatti, giungono ottime performance dagli e-commerce delle aziende consorziate che si sono dimostrati una risposta capace di mantenere legami importanti con i consumatori e, allo stesso tempo, di ampliare il mercato di riferimento in particolar modo nel periodo della quarantena.  Nella grande distribuzione -durante il lockdown di primavera – il San Daniele ha avuto una leggera flessione delle vendite al banco taglio, favorendo però la vaschetta di prodotto preaffettatato che ha fatto registrare un trend positivo vista la preferenza dei consumatori nel prediligere prodotti ‘ready to eat’ soprattutto durante il lockdown. Confermano questa tendenza i numeri relativi al San Daniele Dop affettato in vaschetta: le confezioni certificate prodotte ad oggi sono state circa 16,5 milioni. L’acquisto di tranci o prosciutti interi disossati, invece, avviene principalmente negli spacci delle aziende produttrici o nelle gastronomie di dettaglio. In un anno anomalo come quello che stiamo vivendo è difficile fare delle previsioni sul risultato annuale dei consumi, sarà necessario concludere l’anno e attendere le performance del periodo natalizio. Il canale Horeca, in particolare, ha avuto grandi difficoltà causate dalle restrizioni primaverili e tutt’ora con le recenti limitazioni. Nei mesi di giugno, luglio e agosto, tuttavia, si è registrata una discreta ripresa dei consumi del settore, anche legata anche al turismo estivo interno. Questa ripresa coincide con quella del Prosciutto di San Daniele, proprio a partire dai mesi estivi, confermando l’apprezzamento del settore nei confronti del nostro prodotto. Sulla produzione generale di Prosciutto di San Daniele le esportazioni incidono per il 20%. Anche per l’anno in corso i numeri confermano questa quota di vendita all’estero e sono equamente suddivisi tra mercato europeo e resto del mondo. I Paesi che detengono la quota più rilevante per l’esportazione del Prosciutto di San Daniele Dop si confermano, in ordine: la Francia con il 27%, gli Stati Uniti con il 19% (ricordiamo che qui il Prosciutto di San Daniele non è stato colpito dai recenti dazi in ambito alimentare), la Germania con il 13% e, ultimo paese in doppia cifra, l’Australia con il 10%. Seguono Austria, Regno Unito, Giappone, Canada e Messico, dove il marchio è presente e contribuisce ad ampliare sempre di più il bacino delle esportazioni. L’attività produttiva è stata condizionata dalla pandemia di Sars-Cov2 nel primo semestre, ma nel secondo sta mostrando i segnali di una leggera inversione di marcia, inversione che porterà a un 2021 di riequilibrio. Il comparto dovrà, compatibilmente con la situazione generale, riuscire a confermare i volumi di vendite fatti registrare ante pandemia e conseguente lockdown. Tra gli obiettivi del nuovo anno si punterà allo svolgimento dei progetti e delle iniziative che sono state annullate o sospese nel corso del 2020, con la speranza di poterle realizzare al meglio. Infine, rimane prioritario per il Consorzio proseguire nel racconto delle peculiarità e nella tutela di un prodotto di eccellenza italiana conosciuto in tutto il mondo’.

In evidenza

L’ARTE ENTRA IN AZIENDA, E GLI SCARTI DIVENTANO QUADRI. SUCCEDE ALLA GATTO ASTUCCI

L’arte materica entra a pieno titolo nel puzzle dell’economia circolare. Chi l’ha detto, infatti, il cerchio non si possa chiudere nobilitando lo scarto fino a farlo divenire opera d’arte? Ci ha pensato Sarno Display, al 100% parte del Gruppo Gatto Astucci, con 90 addetti e un fatturato di 14 milioni, attiva a Carnate (MB) su un’area produttiva da 10mila metri quadrati, dedicata alla realizzazione di visuals/displays per i settori della cosmesi, occhialeria e gioielleria, che ha affidato alla creatività delle artiste Elisabetta Orsenigo e Anna Bellù gli scarti da trasformare in opere belle e intriganti. Per un’azienda che ha fatto dell’innovazione sostenibile a tutto tondo il proprio faro, la social innovation rappresenta un aspetto fondamentale. Il duo artistico BettyBellù di Seregno (MB), ha così creato quadri sorprendenti, utilizzando gli scarti di lavorazione della Sarno Display, ovvero il Pet riciclato che è divenuto arte. Le due artiste si rifanno, per impronta artistica, al mondo femminile, ridando vita a oggetti e utensili, come chiodi, aghi, ferro, impressi sulle tele.

‘L’arte vista nell’ottica della ‘social innovation’ è questo a cui abbiamo puntato – afferma Cristian Paravano, amministratore delegato di Sarno Display – ridiamo vita, attraverso queste due artiste e le loro opere, a materiale che sarebbe invece, morto. Anche questa iniziativa getta le basi alla sostenibilità, nell’ottica dell’economia circolare. Con le opere d’arte si chiude il cerchio sostenibile: dalla materia prima, che nasce già riciclata, nascono i nostri prodotti, e dagli scarti esce arte da offrire a tutti. Nel significato del fare impresa si innesta quella del riuso, e quindi della sostenibilità, ed infine quello artistico. Si tratta di un’economia circolare dal significato alto: ritengo che l’arte, in tutte le sue forme, alzi la visione anche del puro business’. ‘Per noi si tratta di una sfida vinta – affermano Orsenigo e Bellù – ci è stato affidato un compito che abbiamo portato a termine, riteniamo, con risultato. Nella nostra filosofia, non esiste materiale con cui non sia possibile fare arte. E’ possibile ridare dignità e vita, a qualsiasi scarto di lavorazione o materiale che, altrimenti, andrebbe gettato, o sarebbe inutilizzato. La nostra concezione del fare arte si basa sul riuso, con una predilezione nel dare lustro al mondo femminile. Molte delle nostre opere rappresentano archetipi di donne, di femminile. Riteniamo la scelta di Sarno Display molto innovativa e sostenibile, nell’accezione più creativa del termine’. Nella foto: Cristian Paravano, Elisabetta Orsenigo e Anna Bellù

In evidenza

MARCHI STORICI ITALIANI FANNO GOLA AI FONDI. TOSOLINI RESISTE

Ha ricevuto proposte di acquisto da fondi di investimento, la nota Distilleria Tosolini, ma la famiglia, in capo all’impresa da tre generazioni, rimane salda. ‘Non molliamo, anche se il periodo è difficile’. Una peculiarità delle Distillerie Tosolini: al vertice dell’azienda, da tre generazioni, i componenti della famiglia omonima e con successo. Una rarità nelle piccole medie imprese italiane: tutti e tre i figli del noto Giovanni Tosolini, sono con lui, oggi, alla guida dell’azienda. Una grappa di stile e di qualità in ogni senso, anche nella capacità di creare continuità aziendale centrando non uno ma ben due passaggi generazionali. È questo uno dei segreti del continuo successo della friulana Grappa Tosolini, sul mercato dal 1943. I natali si debbono a Bepi Tosolini, classe 1918 che con passione e grande forza di volontà ha realizzato il suo sogno creando una distilleria i cui principi sono sempre stati qualità e tradizione. Il primo passaggio di consegne è avvenuto negli anni 90 con il figlio Giovanni che gestisce l’azienda con i tre figli: Giuseppe, Bruno e Lisa. Un secondo passaggio che, sulla carta, poteva apparire ancora più complesso da realizzare: sulla scena tre eredi anziché uno e sempre più tempo a dividere le giovani leve dal «patriarca dell’alambicco». E invece la grappa, prodotto oggi nobilitato da una sempre maggiore attenzione alla freschezza dell’uva da distillare e dalle ormai riconosciute capacità di distillazione di Tosolini, ha decretato ancora un successo: tutti i tre i nipoti del fondatore hanno da sempre deciso di lavorare in azienda, costruendo così una storia non comune Giuseppe Tosolini, classe 1969, è il responsabile della parte commerciale in Italia; Bruno Tosolini, classe 1972, si occupa della parte commerciale legata alla divisione pasticceria; Lisa Tosolini, nata nel 1975, è concentrata sul marketing nelle piazze estere. Se la ricetta della grappa Tosolini resta segreta, non lo è quella che rende i tre fratelli uniti, propositivi e vincenti nell’affrontare le nuove sfide del fare impresa oggi: «Ciascuno di noi ha un ruolo diverso, distinto e chiaro. Ci vogliamo bene e ci rispettiamo», afferma il primo dei fratelli, Giuseppe. «Il nostro è un brand attrattivo e perciò abbiamo avuto anche proposte di acquisto da parte di fondi di investimento, ma noi non molliamo la presa». Ne è convinto anche Bruno: «L’Italia è famosa nel mondo per il food&beverage. Di questo comparto Tosolini rappresenta un valore, contraddistinto dalla sua assoluta qualità. Abbiamo lavorato duramente per ottenere un posto di rilievo: ovvero, essere riconosciuti come precursori di eccellenza. Andiamo fieri di questo, è il nostro faro da sempre». Lisa Tosolini: «Il nostro penso sia un patrimonio, materiale ed immateriale, da conservare e mantenere nel tempo. Per questo ho dedicato la mia vita professionale all’azienda di famiglia’. Di grande importanza, per il mantenimento dei vertici aziendale in famiglia, gli asset cosiddetti intangibili: sapienza, rispetto, buona volontà e onestà. Come del resto conferma il patron Giovanni Tosolini: ‘Considero la famiglia un valore determinate, io e mia moglie ci siamo impegnati affinché i nostri figli rimanessero coesi e questo ha pagato’.

In evidenza

FRA GLI EFFETTI DEL COVID: SMART WORKING MONTANO; I GIOVANI PREFERISCONO VIVERE IN MONTAGNA

Dalla Sicilia alla Carnia. La storia di due giovani: Antonio Carabillò (31 anni) e Loredana La Fauci (39 anni) – nella foto – . Oggi, e da diverso tempo, vivono a Villa Santina (Ud). 

Il recente lockdown ha imposto nuovi modelli di pensiero, anche e soprattutto in riferimento al luogo dove abitare. Se prima, i grandi centri urbani erano preferibili alle periferie, ora le dinamiche sociali, derivanti da quelle di emergenza sanitaria, hanno stravolto i paradigmi fino ad ora attuali. Oggi si pensa di più alla qualità del vivere che tanto dipende dal luogo in cui questo avviene. Il contatto con la natura è un presupposto oggi più importante di ieri. Ed anche i valori in cui si crede sono importanti. 

Perché? Quando, normalmente accade che dalla montagna ci si sposti, in direzione dei grandi centri urbani. A loro succede il contrario. Perché, per questi due giovani, la migliore possibilità di lavoro nasce proprio fra le montagne del Friuli Venezia Giulia. E non solo per una semplice attività impiegatizia, ma per uno stimolante ed appassionante lavoro di ricerca. Antonio è laureato in ingegneria energetica e nucleare, ed attualmente dottorando presso l’Università di Udine in Scienze dell’ingegneria energetica e ambientale. Loredana ha una laurea in chimica industriale: entrambi ricoprono un ruolo determinante all’interno de segmento R&D della Eurolls, che ha la sede del suo reparto ricerca e sviluppo, proprio a Villa Santina (Ud), nelle valli della Carnia. 

Cosa li ha mossi a fare questa scelta? ‘Qui in Carnia mi è stata offerto lavoro e la possibilità di fare ricerca, coltivare le mie passioni e vivere un nuovo amore: quello per la montagna’ afferma Carabillò. ‘L’azienda mi ha accolto mettendomi a disposizione un’opportunità professionale e di crescita, ma anche favorendo il mio inserimento nel territorio con la possibilità di usufruire di un alloggio, prima di poter decidere, guardandomi intorno, di sceglierne uno più rispondente alle mie necessità. L’ambiente lavorativo sin da subito mi è apparso stimolante, mi è stata data molta fiducia. La mia crescita professionale va di pari passo con ciò che ogni giorno faccio all’interno della Eurolls che è una azienda aperta mentalmente e lungimirante. Ha nel suo dna l’interesse per la ricerca ed è fortemente proiettata verso il futuro. Continuo a tenere vivo il legame con la mia terra, vado quando posso, ma sono contento di vivere in Friuli, dove oltre ad una scelta di lavoro, coniugo la volontà di vivere in un luogo piacevole, sano ed a contatto con la natura. Ho passato un periodo in cui vivevo e lavoravo a Milano – spiega Carabillò – preferisco Villa Santina’.

Come accade a Loredana La Fauci: ‘Per realizzarmi anche professionalmente, ciò che faccio deve essere in linea con i miei valori. Credo nell’economia circolare e nei suoi paradigmi. Pertanto, mi muovo in questa direzione. Provengo da Messina e sono alla Eurolls, a Villa Santina, da 7 anni. Come Antonio ho avuto la possibilità di inserirmi gradualmente nel territorio, sfruttando l’opportunità abitativa che la Eurolls mi ha dato. Mi trovo bene nella comunità locale ed ho cercato di integrarmi, imparando anche un pò di Friulano. Ho sempre contemplato la possibilità di andarmene dalla mia terra per fare esperienze diverse lavorative e conoscere nuovi posti. La Carnia ed il Friuli rispecchiano i miei canoni di qualità della vita: la zona è molto tranquilla, si vive bene, non si fanno code, non c’è traffico. La Eurolls mi ha dato la possibilità di esprimere le mie qualità. Al suo interno c’è una mentalità molto aperta all’innovazione ed al rinnovamento. Non posso che ringraziare l’azienda per ver creduto in me in questi anni, sostenendo sempre le mie aspirazioni di crescita professionale’.

Eurolls, con sede ad Attimis (Ud) e filiale produttiva a Villa Santina, produce rulli per la formazione del tubo saldato strutturale più grande al mondo, 28 pollici di diametro e 1 pollice di spessore. Registra un fatturato di 29 milioni  e conta 149 addetti.

In evidenza

WELFARE IN AZIENDA, TECNEST: DOVE LE DONNE SI SENTONO APPREZZATE E TUTELATE

Una grandissima flessibilità nei confronti del mondo femminile. È ciò che contraddistingue Tecnest, l’azienda tecnologica che occupa, fra le sue sedi di Udine e Milano, 15 donne su circa 60 collaboratori totali. “Sin dalla sua fondazione – racconta Fabio Pettarin, presidente di Tecnest  (nella foto sotto)- abbiamo posto l’attenzione ed attuato politiche di gestione delle risorse umane in ottica di genere; tra queste la conciliazione dei tempi, l’equilibrio di genere nell’assetto organizzativo e di crescita professionale, l’attenzione e la rimozione di eventuali disparità nei livelli retributivi. Tra le soluzioni di welfare aziendale, ai primi posti si collocano azioni e percorsi per agevolare il rientro delle neo-madri, l’accoglienza dei figli in azienda, la flessibilità di orario e da diversi anni, ma soprattutto in questo ultimo periodo legato al Covid-19, la possibilità di lavorare in smart working”. Un’azienda caratterizzata da un bassissimo turn-over della presenza femminile: in Tecnest le donne stanno bene ed hanno l’opportunità di assumere ruoli di responsabilità, riuscendo a dimostrare la loro professionalità, in un settore, quello tecnologico, di solito a prevalenza maschile. Questo anche grazie ad un ambiente e ad un welfare aziendale che ha saputo negli anni comprendere le loro esigenze diventando sempre più smart. Le donne infatti dimostrano un maggior attaccamento all’azienda dove vengono accolte e dove possono dimostrare la loro professionalità, ripagandola con impegno e dedizione. La flessibilità aziendale nei confronti delle esigenze familiari femminili, ha rappresentato qui, per le donne, un importante punto di forza favorendone produttività e crescita personale. Laddove lo Stato non interviene con politiche sue proprie per agevolare la famiglia, sono le aziende a doversi sobbarcare l’onere del carico sociale che, spesso, è in capo alle donne. Molte delle quali, anche e soprattutto, lavoratrici. Lo dimostrano alcune testimonianze’.

Barbara Pittini, 44 anni, responsabile di business unit, ingegnere gestionale: ‘Amo il mio lavoro e la sua dinamicità. Mi consente di portare avanti progetti in completa autonomia. Mi sono sempre sentita apprezzata per le mie capacità e le mie competenze. Ho respirato fin dal primo momento fiducia nei miei confronti: questo è fondamentale. Appena entrata in azienda ero l’unica donna della mia area; adesso la business unit è “rosa” per metà. Ho avuto la fortuna di poter vivere la sfida di un percorso di crescita articolato, ancora in divenire: dai progetti, ai clienti, alle persone, in uno sforzo comune affinché si possa lavorare nel migliore dei modi. Fondamentale è stato da sempre il supporto ricevuto da mio marito e dai miei familiari. L’ambiente e l’imprinting della direzione hanno contribuito a creare un clima di collaborazione e non di rivalità. Penso che uno dei fattori di successo interni a Tecnest sia uno spiccato welfare aziendale. Come donna ho apprezzato la flessibilità concessa e l’attenzione verso le esigenze femminili. Concludo con uno slogan che appare attualissimo, ma che per noi è realtà già da anni… Tecnest è smart da molto prima del Covid’.

Ljiljana Banovic, 55 anni, ingegnere elettronico: ‘Sono in Tecnest fin quasi dalla sua nascita. E devo dire che non ho mai pensato di andarmene da un’azienda che ha sempre creduto in me, e per la quale ho cercato di dare il massimo. Ho avuto due figli, quindi, una famiglia da gestire: e abbiamo sempre trovato una soluzione per la compatibilità di ogni esigenza. In Tecnest, Sin dal mio arrivo, ho trovato una seconda famiglia e qui sono cresciuta a livello personale e professionale’.

Sara Mion, 26 anni, ingegnere informatico gestionale: ‘Mi sto affacciando al mondo della delivery dopo un anno formativo, specifico sul mondo APS, all’interno del Competence Center. Ho scritto una tesi sulla ottimizzazione del piano aggregato di produzione, con l’obiettivo di trasformarlo un algoritmo in azienda. Sono orgogliosa dei ritorni positivi che i clienti mi danno. Diciamo che, ci tengo che il cliente sia soddisfatto. Cerco di andare oltre la semplice richiesta guardando al contesto generale in un’ottica di miglioramento continuo. Non ho ancora una famiglia, ma vorrei costruirmela, con il tempo. Lo stipendio non è una priorità. Diciamo che l’equilibrio è, a mio avviso, un connubio fra le diverse variabili della vita: lavoro, affetti, e tutto il resto’.

Alessia Parussini, 46 anni, laureata in scienze informatiche, nel gruppo degli sviluppatori software in Tecnest: ‘In azienda ho ottenuto un bel compromesso. Negli anni mi sono sposata ed ho avuto tre figli, c’è stata sempre una profonda attenzione per le mie esigenze familiari e questo ha comportato il fatto che sia rimasta fedele a Tecnest, capace di farmi conciliare lavoro e famiglia. Per me questo è stato indispensabile. Ho potuto lavorare da casa ancor prima del Covid, con un ottimo grado di autonomia concessomi’.

Erika Zanon, 29 anni, laurea in comunicazione, marketing manager: ‘Tutte noi, me compresa, viviamo un contesto lavorativo con un altissimo grado di indipendenza. Vengono dati obiettivi da raggiungere e su quelli ci si impegna. Fra colleghe il rapporto è ottimo. Non ci sono rivalità: vige il buon senso e la pragmaticità. Si parla di soluzioni anche grazie ad un modello organizzativo basato sull’autonomia e sui risultati. Le differenze di genere? Non le conosco. In Tecnest si lavora sodo per far andare bene le cose a prescindere. Donne e tecnologia sono un binomio vincente, soprattutto per le donne “Millennials” come me che con la tecnologia ci sono cresciute cominciando, negli anni Novanta, con i vecchi Commodore 64. Un binomio che in passato o per lo meno, fino a poco tempo fa, non si era visto così di frequente’.

Stefania Della Savia, 46 anni, laureata in matematica, analista programmatore: ‘Faccio ‘smart working’ per Tecnest, ormai da anni. Ho avuto problemi familiari legati alla salute dei miei cari e non è stato facile. La vita è anche questo e l’azienda mi è venuta incontro quanto e come poteva, sempre. In Italia, purtroppo non c’è una politica per le famiglie. Spesso e volentieri le aziende devono sostituirsi alla rete che i nostri servizi statali, quelli per cui paghiamo le tasse, dovrebbero creare. Per una donna, come me, senza una famiglia di origine che la supporta, poter lavorare in modo flessibile è l’unica soluzione. Le istituzioni mancano da questo punto di vista. E noi donne siamo obbligate a seguire la famiglia, lavorare, senza permetterci altro. Suono il basso elettrico, è una mia passione, ma posso farlo perchè tutto il resto me lo consente. Vale sempre la pena fare qualcosa che ci consenta di essere felici’.

Milena Conchione, 22 anni, ragioniera: ‘Ho deciso di lavorare subito dopo il diploma. In Tecnest ho trovato il luogo adatto a realizzarmi. Vorrei conciliare il lavoro e i miei interessi con la prospettiva, un domani di una famiglia: questo è un ambiente ideale, perché coniuga la possibilità di realizzarsi professionalmente con le esigenze personali, senza dimenticarsi del benessere sul posto di lavoro. Sono molto riconoscente a Tecnest, per la fiducia che mi ha dato’.

Pamela Zorzutti, 31 anni, impegnata nella fatturazione elettronica: ‘Il lavoro, in molte occasioni di vita, ha rappresentato il mio rifugio. Ho dovuto affrontare periodi difficili, e Tecnest, con flessibilità, mi ha consentito di farvi fronte. Qui si ha un’opportunità concreta di crescita sia dal punto personale, sia dal punto di vista delle skills professionali. E’ una buona occasione per dimostrare chi si è, quanto si vale, professionalmente parlando. Un ambiente in cui crescere, molto coeso. Si lavora tutti per lo stesso obiettivo, con gli occhi puntati sul risultato finale’.

In evidenza

ODONTOIATRIA: ADVAN, ‘EXPORT AL PALO A CAUSA DEL COVID’, -25% del fatturato

Occorre fare di necessità virtù e, dati i tempi che corrono, pensare di chiudere il bilancio aziendale 2020 agli stessi livelli del 2019, pur dovendo così rinunciare a ogni margine di crescita preventivato, può essere considerato un aspetto positivo. La pensano così i vertici di Advan, l’azienda di Amaro che produce i sistemi implantari più innovativi per l’odontoiatria di avanguardia. «La domanda interna è ripresa con un andamento migliore rispetto al previsto – illustra il presidente e amministratore delegato, Mario Zearo. Ciò che è rimasto invece al palo sono i nostri progetti di espansione verso l’estero, poiché l’andamento del Covid 19 ha pesantemente influenzato gli spostamenti nostri e dei nostri possibili nuovi clienti». Nel 2020, inoltre, i nuovi prodotti che l’azienda ha immesso sul mercato proprio poco prima del lockdown non hanno potuto godere appieno del piano di diffusione predisposto. «Ciononostante – sintetizza Zearo – le prime stime ci dicono che manterremo il fatturato entro un -25% rispetto a quello di previsione, azzerando di fatto tutta la crescita che pensavamo di poter realizzare nel corso dell’anno. In definitiva, i numeri saranno quelli del 2019». Il nuovo scenario ad Advan è stato affrontato attraverso «una rimodulazione dei costi» resa sufficientemente agevole dal fatto che «non abbiamo dovuto mettere in conto le uscite per la partecipazione e fiere e congressi, per noi una voce significativa e pesante». Il ricorso alla cassa integrazione è stato minimo, «contenuto ad aprile e maggio». Confermati quindi tutti i dipendenti, Advan ha agito solo su due contratti a termine, non rinnovandoli. Nonostante le nuove e più restrittive disposizioni governative anti Covid – l’uso della mascherina anche all’aperto –, Zearo guarda con una certa fiducia e determinazione al 2021, perché ci sono segnali considerati interessanti. Il bilancio 2020 è confermata a 1,950 milioni, con una progressione stimata fino a 5,5 milioni nel 2024. Il mercato è diviso tra il 43,6% in Italia e la restante quota, 56,4% all’estero. Percentuali sostanzialmente destinate a restare tali nel prossimo quadriennio. L’azienda, inoltre, continuerà ad investire, con cifre variabili di anno in anno e con una punta di 3 milioni nel 2021.

In evidenza

SCAMPATO AL COVID, IL RE DELLE CASETTE D’ACQUA, FABIO MASSARO: ‘VOGLIO DEDICARE IL RESTO DELLA MIA VITA A FARE DEL BENE’. INVENTA SISTEMA CHE PRODUCE ACQUA POTABILE DALL’UMIDITÀ DELL’ARIA

pic by Anna Tsaplina, @aironefoto

Fabio Massaro ha 60 anni ed è uno degli scampati al Covid. Titolare della Italbedis (e di altre aziende in Italia e nel mondo), impresa di Legnago (Vr), impegnata nel trattamento dell’acqua e nella produzione di dispositivi che utilizzano appunto, l’acqua. Una idea, in apparenza semplice, viene a Massaro e ad un suo partner, Gianantonio Ronda, del Gruppo Ronda, di Zanè (Vi): perché non utilizzare l’umidità naturalmente presente nell’aria? 

Ecco che nasce un sistema (nella foto sotto) in grado di catturare l’umidità dell’aria, e attraverso un concentratore solare, tutto green, che sfrutta i raggi del sole e porta all’ottenimento finale di un’eccellente acqua pura. 

Una volta raccolta l’umidità dentro ad un serbatoio, dopo il processo di vaporizzazione, si ottiene acqua demineralizzata pronta all’uso. Se aggiunta dei sali minerali necessari, può essere bevuta, quindi, può venire destinata ad un uso alimentare. 

Massaro, che è uno dei primi inventori e player nazionali delle ‘casette per l’acqua’ note in tutta Italia, è entusiasta del suo progetto che potrebbe avere anche scopi umanitari. Ovvero: portare acqua potabile nei Paesi dove questa non è, purtroppo ed ancora, una normale consuetudine di vita quotidiana. ‘Possiamo fare del bene all’umanità intera, con questa invenzione – spiega Massaro – la produzione inizierà in dicembre. Voglio indirizzare la mia vita da imprenditore a fare del bene: con uno sguardo attento alla sostenibilità ambientale e ad un fare impresa etico’. Eticità e sostenibilità ambientale vanno spesso a braccetto. Soprattutto in questo momento storico, di pandemia: quando è diventato normale per tutti noi, arrivare subito all’essenziale. In ogni senso. 

Massaro è nato a Tolmezzo (Ud): ‘Amo la mia terra di origine’. Quanto e come l’ha cambiata il Covid? ‘Ero un entusiasta della vita prima, e lo sono ancora oggi. Forse di più. Sono un sopravvissuto. Con una possibilità in più di agire con etica e devozione alla vita’. 

Italbedis produce macchine per la distribuzione dell’acqua per uso domestico e destinate agli esercizi pubblici. Genera ricavi per 20 milioni e occupa circa 100 dipendenti. 

‘Sono profondamente soddisfatto di avere creato questo nuovo macchinario con una tecnologia brevettata, innovativa e green. In questa mia ‘seconda’ vita, voglio far sì che possa rendere la vita migliore agli altri, a chi non può ancora permettersi l’acqua potabile o dove l’acqua, per le condizioni climatiche è scarsamente presente’. 

In evidenza

REVID19: TEST RAPIDO SUL RESPIRO SCOVA IL COVID19, CONTINUA LA SPERIMENTAZIONE

Mario Canciani e il soggetto pronto a respirare nel Revid19

Continua l’attività sperimentale dell’associazione Alpi: Allergie e pneumopatie infantile di Udine, su Revid19, il nuovo device messo a punto da Eurotech, in corso di utilizzo per il riconoscimento e l’individuazione, della presenza del Covid19, nel respiro. Presso il Municipio di Remanzacco (Udine) , l’associazione Alpi ha eseguito i test sul respiro su di un gruppo di ex pazienti del “focolaio Remanzacco”, che hanno contratto l’ infezione nei mesi scorsi. Si tratta di una metodica nuova, sembra unica al mondo, che si basa sul principio delle “reti neurali”. Il computer viene istruito a riconoscere le alterazioni del respiro: i risultati vengono poi correlati allo stato clinico del paziente, agli esiti dei test sierologici ed a quelli sui tamponi. La prova è stata eseguita fino ad ora su di una cinquantina di soggetti. ‘Qualora risultasse attendibile su di un maggior numero di pazienti, potrà essere usato per riconoscere in poche decine di secondi il virus’ afferma Mario Canciani, pneumologo di fama internazionale e presidente dell’Alpi Odv. Revid19 è uno strumento dotato di intelligenza artificiale e tecnologia Iot (Internet of things): una serie di sensori raccoglie le informazioni provenienti dal respiro. Ovvero, riconosce le anomalie dell’aria eliminata dai bronchi, il cosiddetto esalato.

In evidenza

TILANCIO È AGENZIA DI STAMPA QUOTIDIANA

Ti Lancio è, ufficialmente, dal 21 ottobre 2020, agenzia di stampa quotidiana: testata giornalistica, con autorizzazione del Tribunale di Udine numero 2660/2020.

Il piano editoriale si riassume nel dar voce alle Pmi italiane, anche alle piccole e piccolissime imprese, in Italia e nel mondo, a partire dal Nordest, dove si trova la nostra sede.

In evidenza

EUROTECH INVENTA MASKLIP, IL DEVICE CHE RENDE LA MASCHERINA INTELLIGENTE

Si chiama MaskLip il nuovo dispositivo realizzato dal Centro ricerche di Eurotech; oggi giunto al termine della sua fase progettuale: si tratta di un piccolo device, simile, per dimensioni e fattura ad un fermacravatta. Ricchissimo di sensori, dotato di intelligenza artificiale ed in grado di capire come viene utilizzata la mascherina, principale mezzo di contrasto alla trasmissione del Covid19.
Il sistema applicato sulla mascherina riesce a fornire numerose informazioni relative al suo utilizzo: ma soprattutto, indica, se la mascherina viene indossata in modo corretto oppure no. Si assiste infatti, di frequente, al fatto che la mascherina non venga posizionata su naso e bocca, ma tenuta abbassata o addirittura portata al braccio o al polso. Inoltre, fornisce indicazioni su quando sia necessario cambiare la mascherina. MaskLip monitora l’utilizzo della mascherina. Una notevole quantità di raffinati sensori è presente sul device.
Sono altri i prodotti creati da Eurotech in epoca di pandemia. Non ultimo: il portale munito di contapersone, controllo della temperatura e di un dispositivo che riconosce se il soggetto indossa o meno la mascherina. Un prodotto che può essere posizionato in qualsiasi luogo d’ingresso ad alta frequenza di passaggio, dove è necessario misurare questi parametri. Uno di questi portali è già stato installato a Trieste: al PalaTrieste, Allianz Dome. Mentre, Revid19 il nuovissimo device, sempre messo a punto da Eurotech, in corso di utilizzo per la ricerca in via sperimentale, della presenza del Covid19, nel respiro, è stato arricchito di 8 nuovi sensori, che “moltiplicano” i dati necessari per l’addestramento delle reti neurali. Si tratta di uno strumento dotato di intelligenza artificiale e tecnologia Iot (Internet of things): una serie di sensori raccoglie le informazioni provenienti dal respiro. Ovvero, riconosce le anomalie dell’aria eliminata dai bronchi, il cosiddetto esalato. Al momento e da qualche tempo, Revid 19 è in uso dall’associazione Allergie e Pneumopatie infantile Alpi Odv di Udine, e da Mario Canciani, pneumologo di fama internazionale e presidente dell’Alpi Odv.
‘Ci siamo messi a disposizione della collettività – spiega Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech – in un momento di grande necessità di tipo sanitario e sociale. Il nostro segmento dedicato alla Ricerca, si è dato da fare per sviluppare dispositivi utili alla comunità globale. Fra i nostri scopi vi è l’uso della tecnologia applicata anche al settore medicale. È parte della nostra mission il miglioramento della qualità di vita, in special modo in epoca di pandemia, dove appunto la qualità del nostro vivere quotidiano è messa a dura prova’.

In evidenza

LAVORAZIONE LEGNAMI OTTIENE CERTIFICAZIONI PEFC E FSC, SVOLTA GREEN PER L’AZIENDA CHE CREA PACKAGING DI LUSSO

Legno, vetro, vino: tre materiali che racchiudono l’essenza di un’economia sostenibile. Naturali, rispettosi dell’ambiente, parte strategica dell’economia circolare che comincia a segnare il presente e caratterizzerà il futuro. Lavorazione Legnami crea la filiera della sostenibilità, ottenendo le certificazioni ambientali: Pefc e Fsc, sulla provenienza della materia prima utilizzata, il legno. Sono 2 milioni e 500mila le confezioni di legno per vini di pregio prodotte in un anno da Lavorazione Legnami.
Una storia che sta già scrivendo Lavorazione Legnami, l’azienda che con gli stabilimenti di Asti e Tolmezzo (Ud) “veste” le migliori bottiglie di vino con packaging in legno su misura e brand della casa vitivinicola marchiato a fuoco. L’impresa, infatti, ha spinto ai massimi livelli la sua attenzione per la sostenibilità di tutta la filiera in cui è coinvolta, ottenendo le certificazioni ambientali Pefc ed Fsc, che attestano la cura e l’attenzione per l’ambiente lungo tutto il sistema produttivo, a partire dalla gestione dei boschi dai quali proviene il legno utilizzato per il packaging.
È a cominciare da un corretto utilizzo del bosco, infatti, che si costruisce una storia di rispetto, qualità, bellezza e armonia adatta a sposarsi perfettamente con bottiglie di vino di gran classe e cantine vitivinicole votate all’eccellenza.
La certificazione Pefc è un sistema mondiale di certificazione della gestione delle foreste del legno: la coltivazione degli alberi si svolge in modo corretto dal punto di vista ecologico, economico e sociale.
Oggi Lavorazione Legnami utilizza solo materia prima certificata Pefc e Fsc. Con essa realizza confezioni di legno personalizzate a seconda delle necessità e anche lo standard qui è customizzato. Il processo termina con la marchiatura a fuoco del brand appartenente alla casa vitivinicola. ‘Da sempre, proprio per la materia prima che utilizziamo per le nostre confezioni, ovvero: il legno, siamo vocati alla sostenibilità – afferma Michele Ianich, amministratore delegato di Lavorazione Legnami – con le due certificazioni ottenute, mettiamo un sigillo ad un valore già imprescindibile per la nostra impresa’.
L’azienda, nata a Tolmezzo e recentemente ampliatasi anche in Bulgaria con l’acquisizione di una locale concorrente, sviluppa la sua sede friulana su 16mila metri quadri, di cui 8mila di stabilimento. Occupa 70 dipendenti, con 12 milioni di fatturato.

In evidenza

BENG, FARI A FANALI PER L’AUTO A IDROGENO

L’auto super elettrica, la green senza compromessi, quella che sfonda la porta più avanzata verso il futuro, parla friulano. L’automobile ad idrogeno, realizzata in prototipo, con due esemplari, a Torino: “indossa” i fanali realizzati dalla Beng di Tolmezzo, un’autorità internazionale in fatto di fanaleria d’avanguardia. L’auto è già stata presentata a Detroit, la culla americana dell’automotive; poi, complice la mancanza di fondi ed in seguito la crisi generata dal Covid, il progetto si è arenato.
Beng accende le luci sull’innovazione green, che punta ad una alimentazione dei veicoli a tutela dell’ambiente e per la sostenibilità. Ora si è andati oltre, pensando anche ad auto alimentate a fuel cell a metanolo – il metanolo alimenta cioè le celle che producono energia elettrica per far funzionare l’auto – e Beng non si è sottratta a un’ulteriore sfida, che sta portando avanti in Germania, un Paese estremamente attento ad innovazione anche nel settore automotive. «Siamo molto attenti al mondo dell’innovazione in ambito automotive – afferma il fondatore e presidente di Beng, Giovannino Bearzi –. Le cose stanno cambiando e il Covid-19 ha impresso un’accelerazione».
Il momento è davvero epocale: sono stati cancellati gli eventi fieristici più importanti al mondo in cui si presentavano nuovi modelli e tecnologie, eppure il mondo non si ferma, va avanti. «Ora conta più l’innovazione che la ‘vetrina’ – analizza infatti l’imprenditore –, tanto che i pezzi unici, cui forniamo fari e fanali, continuano a essere prodotti. Si tratta di un mercato di nicchia, che non conosce crisi. Sta solo cambiando pelle e l’innovazione nell’automotive oggi significa innanzitutto innovative modalità di alimentazione». Prosegue a gonfie vele, dunque, l’attività della società carnica anche e soprattutto nel settore delle luxury car. «Siamo felici che, ancora una volta, la scelta per la realizzazione di fanali per queste importanti tipologie di auto sia caduta su di noi – afferma Matteo Bearzi, uno dei tre soci assieme al padre Giovannino e al fratello Elvis -. La qualità dei nostri fari e fanali, il know-how consolidato e la ricerca costante del nostro reparto sviluppo stanno facendo la differenza su scala internazionale».
B.Eng (acronimo di Bearzi Engineering) è nata nel 2004, forte dell’esperienza nel settore automotive, che si è snodata per diversi decenni, del capostipite Giovannino Bearzi. Oggi, conta 15 addetti, vanta un portafoglio clienti di una quindicina di aziende, che comprende, tra gli altri, nomi di prestigio quali Ferrari, Apollo IE, Italdesign Zerouno, Pagani Huayra BC e Lamborghini Sesto Elemento. Genera un fatturato di 2 milioni e mezzo di euro.

In evidenza

OVERLOG, PER IL MONDO VEG: UN MAGAZZINO DIGITALE

Overlog, azienda specializzata nella realizzazione di soluzioni Ict (software, hardware e servizi) per la gestione della logistica, ha ottenuto una commessa dalla storica The Bridge, impresa con sede a San Pietro Mussolino (Vi), produttrice di alimenti vegani, per la creazione di un software in grado di garantire la corretta gestione dei flussi di magazzino: dall’ingresso delle materie prime, alle movimentazioni in area di produzione, alla gestione del prodotto finito anche tramite dispositivi mobili con lettori di codice a barre.
Sono sempre maggiori le esigenze di stoccaggio della merce per le aziende produttrici di alimenti vegetariani e vegani. L’8,9% degli italiani mangia “verde”. Di questi il 6,7% è vegetariano mentre il 2,2% vegano. Secondo il 32esimo rapporto Eurispes, vegetariani e vegani sono in aumento rispetto agli scorsi due anni quando la percentuale era rispettivamente del 7,1% e del 7,3%. Tra le motivazioni alla base della scelta soprattutto la salute, il benessere (23,2%) e l’amore e il rispetto nei confronti del mondo animale (22,2%). ‘Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto – spiega Marco Crasnich, amministratore delegato di Overlog (nella foto) – la sostenibilità è un nostro fiore all’occhiello, ovvero, garantire, con i nostri prodotti una filiera di gestione del magazzino che ottimizzi i processi, in un globale sistema virtuoso di digitalizzazione’. Esistono ad oggi, due scelte strategiche che possono assicurare futuro alle proprie attività: la digitalizzazione spinta e una produzione ambientalmente sostenibile. S’innesta esattamente in questi valori, la vocazione storica di The Bridge, dedita all’alimentazione vegana, e la sua scelta di affidarsi a Overlog di Buttrio in provincia di Udine, per ottimizzare secondo le più evolute strategie 4.0 i sistemi per la gestione dei flussi logistici interni delle materie prime in produzione e dei prodotti finiti. Scelte di automazione e tracciabilità strettamente connesse ad una ricerca di assoluta qualità nella gestione di ogni settore aziendale, in linea con l’eccellenza di una produzione di bevande al 100% biologiche e vegetali, con dessert e creme per cucinare realizzate con ingredienti selezionati e certificati. Una digitalizzazione, in sostanza, che accresce la sostenibilità dei processi, alimentando un percorso virtuoso. Nel moderno stabilimento logistico a San Pietro Mussolino (Vi) è stato implementato un sistema software in grado di garantire la corretta gestione dei flussi di magazzino, garantendo le logiche Fifo (first-in, first-out), metodo di gestione dei flussi delle merci secondo cui gli articoli che entrano per primi in magazzino sono i primi ad uscire, dall’ingresso delle materie prime, alle movimentazioni in area di produzione, alla gestione del prodotto finito anche tramite dispositivi mobili con lettori di codice a barre. La soluzione sviluppata da Overlog consente di migliorare l’accettazione della merce sia nel controllo fisico che qualitativo, di eliminare errori durante il trasferimento di materie prime a lotto in zona di produzione (WIP) e ottenere dati certi di disponibilità della merce. Diversi i benefici ottenuti: giacenze dei magazzini in tempo reale con lotto e scadenza associate, gestione in Slim2k delle regole commerciali per la spedizione ai clienti, avanzamento puntuale dei documenti di carico e delle liste di spedizione sulle dashboard messe a disposizione della logistica. ‘Il percorso fatto con Overlog per l’inserimento di Slim2K è stato fondamentale per tracciare completamente la merce presente nei nostri tre magazzini e avere una visione reale di quanto effettivamente presente – sottolinea Marco Negro Marcigaglia, amministratore delegato di The Bridge –. Riteniamo di aver centrato gli obiettivi che ci eravamo prefissati, così da consolidarci e prepararci per i prossimi progetti’.

In evidenza

MEP: PRESIDIO DI SICUREZZA E BENESSERE SOCIALE

https://youtu.be/ZOi-pLVmpHw

L’azienda può diventare un importante presidio per la sicurezza sanitaria e il benessere dei lavoratori, delle loro famiglie e di una porzione della comunità. Ne è un esempio MEP, Macchine Elettroniche Piegatrici di Reana del Rojale, Udine, la società che ha posto la formazione ben oltre le necessità di legge quale impegno etico, attraverso la sua MEP Business School, convinta del pensiero: «ogni lavoratore è un cittadino e la sua consapevolezza e le sue responsabilità sono cruciali per la società e per l’impresa stessa».

Due gli esempi dell’impegno aziendale per la prevenzione e la salvaguardia della salute. Il primo riguarda il contrasto alla diffusione del Covid-19 in generale nella popolazione. «L’impennata di casi di questi giorni non mi meraviglia, perché nelle ultime settimane caratterizzate dalle ferie, complice l’allentarsi delle misure, abbiamo abbassato un po’ la guardia – afferma il medico competente di MEP, Vincenzo Allegra – al contempo, però, l’aumento del numero dei casi non mi spaventa se ci impegniamo a mantenere un alto livello di attenzione e a rispettare con scrupolo protocolli e regole. Non possiamo vivere per lungo tempo con la paura di essere colpiti, dobbiamo invece assumere tutti i comportamenti atti a mantenere la sua diffusione bassissima, finché non saremo usciti dall’emergenza». Per questo MEP, spiega il suo HSE Manager Claudio Miconi, ha programmato per la continuazione delle attività in autunno, così come per la trascorsa estate, un’azione costante di sensibilizzazione perché siano mantenuti alti l’attenzione e il senso di responsabilità nel rispetto di tutti, comportamenti e procedure sistematizzate nei mesi precedenti. Un’operazione che MEP ha condotto nella convinzione che «le regole di prevenzione e cura di sé apprese in azienda divengano parte della vita dei nostri Lavoratori che, come xittadini, continueranno a comportarsi correttamente anche fuori da qui». Un altro fronte, di soddisfazione culturale per MEP è stato il «Progetto Ippocrate», nato a seguito della prescrizione di legge che richiede l’accertamento nelle mansioni pericolose della salute dei lavoratori. «Non ci siamo limitati ad applicare la norma ma, dopo alcuni esami di verifica, abbiamo avviato percorsi formativi – di concerto con l’HSE e i rappresentanti dei lavoratori – riguardo al concetto fondamentale e a come si può prevenire tale stato di benessere – spiega Allegra -. I risultati degli ultimi tre anni sono molto positivi, perché siamo riusciti a ottenere in tutti i soggetti rilevati un netto miglioramento». Con i suoi percorsi e la disponibilità dimostrata dagli esperti coinvolti, MEP è riuscita dunque a «incidere su una dimensione culturale, facendo prendere coscienza del proprio benessere.

https://www.mepgroup.com/it/

In evidenza

TOSOLINI, IN ARRIVO L’AMARO PER OGNI SKIPPER DELLA BARCOLANA A TRIESTE

La notissima Distilleria Bepi Tosolini di Povoletto (Ud), in Friuli Venezia Giulia, da oltre un secolo continua a tenere in produzione questa «pietra miliare del nostro brand», afferma il presidente Giovanni Tosolini, e quest’anno sarà sponsor della Barcolana, la regata velica più grande del mondo che l’11 ottobre porterà nel Golfo di Trieste migliaia e migliaia di vele per la sua 52esima edizione. Tosolini ha già solcato questo mare per diversi anni con il brand abbinato a una barca, ma quest’anno ha voluto fare di più, legando il proprio nome a quello della manifestazione nel suo complesso e arrivando nella sacca di ogni skipper iscritto all’evento. 

www.bepitosolini.it

Un autunno ricco, per dare valore al territorio: per ricordarne storia e caratteristiche ai consumatori anche con una campagna informativa sulle reti televisive Mediaset, con uno spot che onora il Fvg. «In ogni sacca ci sarà una bottiglia del nostro Amaro Tosolini – conferma il presidente della Distilleria -, per una degustazione condivisa con tutto l’equipaggio». In barca o sulle rive, l’Amaro troverà così uno dei luoghi più appropriati per la sua degustazione. «È un amaro fatto con erbe mediterranee – sottolinea il presidente – e la sua stagionatura avviene in botti di una barriqueria che si trova nella Laguna di Marano. L’aria marina gli conferisce caratteristiche uniche che ben si sposano con una manifestazione regina del mare». 

Nella foto: Lisa Tosolini

In evidenza

VENICA&VENICA, VENDEMMIA SUPERLATIVA

Condizioni climatiche ottimali hanno contribuito a una vendemmia 2020 di ottima qualità (nelle foto), premessa per un vino di altrettanto pregio: le piogge regolari hanno impedito alle viti di subire stress idrico, la buona escursione termica ha calibrato perfettamente carica aromatica e acidità, rendendo le uve di quest’anno molto simili a quelle degli anni Novanta, quando la gradazione era leggermente inferiore a quella delle ultime stagioni, accentuata dall’innalzamento delle temperature. Venica&Venica, la storica Cantina di Dolegna del Collio, racconta così la sua 90esima vendemmia, praticata in un anno in cui il Covid-19 ha messo in crisi molti aspetti della vita socio-economica ma non è riuscito a piegare la natura, che sta “regalando” raccolti da mettere in memoria.

È iniziata in questi giorni la vendemmia dell’uva a bacca rossa. Un periodo in cui la famiglia Venica&Venica e i suoi collaboratori sono entrati ogni giorno in vigna per cogliere il momento migliore in cui tagliare il frutto della vite rigorosamente a mano, perché ciò consente un controllo puntuale e immediato dello stato di salute dell’uva. «Se le condizioni climatiche sono importanti, è altrettanto determinante saper individuare la giusta curva di maturazione dell’uva», racconta infatti Ornella Venica, elencando le azioni fondamentali che portano a un vino d’eccellenza. Sono 40 gli ettari che l’azienda coltiva da 90 anni nella zona più a Nord del Collio, dove quest’anno la produzione della famiglia dei Pinot è stata leggermente inferiore alle precedenti annate, come è successo per altro nel resto d’Italia. «C’è stata una produzione inferiore di circa l’8-10% – conferma la vignaiola – il che è un vantaggio per la qualità dell’uva raccolta». Dalla vendemmia in vigna a quella glamour nel centro di una city come Milano, per Venica&Venica il passo è breve, poiché sarà protagonista fino al10 ottobre della “Vendemmia in via Montenapoleone”, l’ormai tradizionale appuntamento promosso da MonteNapoleone District, in collaborazione con il Comitato Grandi Cru d’Italia, per unire la produzione d’eccellenza italiana, contraddistinta dai brand del lusso e dalle più prestigiose cantine del made in Italy. Domani, venerdì 9 ottobre, la Cantina di Dolegna parteciperà al testing che coinvolge tutte le aziende presenti alla “Vendemmia in Via Montenapoleone”, in programma al salone delle feste dell’hotel Four Season di Milano.

www.venica.it

In evidenza

OVERLOG AL SERVIZIO DEL MONDO VEG – sviluppata una soluzione software per rendere completamente tracciabile la merce presente in 3 magazzini di The Bridge, produttore di alimenti vegani

Per gli imprenditori più avveduti ci sono due scelte strategiche che possono assicurare futuro alle proprie attività: la digitalizzazione spinta e una produzione ambientalmente sostenibile. S’innesta esattamente in questo solco la vocazione storica di The Bridge, dedita all’alimentazione vegana, e la sua scelta di affidarsi a un big del settore, Overlog di Buttrio in provincia di Udine – nella foto Marco Crasnich, Ceo di Overlog, per ottimizzare secondo le più evolute strategie 4.0 i sistemi per la gestione dei flussi logistici interni delle materie prime in produzione e dei prodotti finiti ai clienti finali. Scelte di automazione e tracciabilità strettamente connesse ad una ricerca di assoluta qualità nella gestione di ogni settore aziendale, in linea con l’eccellenza di una produzione di bevande al 100% biologiche e vegetali, con dessert e creme per cucinare realizzate con ingredienti selezionati e certificati. Una digitalizzazione, in sostanza, che accresce al sostenibilità dei processi, alimentando un percorso virtuoso. Nel moderno stabilimento logistico a San Pietro Mussolino (Vi) è stato implementato un sistema software in grado di garantire la corretta gestione dei flussi di magazzino, garantendo le logiche FIFO, dall’ingresso delle materie prime, alle movimentazioni in area di produzione, alla gestione del prodotto finito anche tramite dispositivi mobili con lettori di codice a barre. La soluzione sviluppata da Overlog consente di migliorare l’accettazione della merce sia nel controllo fisico che qualitativo, di eliminare errori durante il trasferimento di materie prime a lotto in zona di produzione (WIP) e ottenere dati certi di disponibilità della merce. Diversi i benefici ottenuti: giacenze dei magazzini in tempo reale con lotto e scadenza associate, gestione in Slim2k delle regole commerciali per la spedizione ai clienti, avanzamento puntuale dei documenti di carico e delle liste di spedizione sulle dashboard messe a disposizione della logistica. “Il percorso fatto con Overlog per l’inserimento di Slim2K è stato fondamentale per tracciare completamente la merce presente nei nostri tre magazzini e avere una visione reale di quanto effettivamente presente – sottolinea il Ceo e Co-owner di The Bridge, Marco Negro Marcigaglia -. Riteniamo di aver centrato gli obiettivi che ci eravamo prefissati, così da consolidarci e prepararci per i prossimi progetti”.

In evidenza

GRUPPO GATTO: LA SOSTENIBILITÀ GENERA UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS

L’amministratore delegato Cristian Paravano racconta un processo in tre fasi avviato nel 2013 «Sostenibilità», un termine tanto evocato quanto complesso. Essenziale per poter essere competitivi oggi, ancor di più dopo Covid-19, eppure capace di esplicare la sua forza innovativa attraverso una programmazione di lungo periodo. È ciò che ha compreso, da pioniera, Sarno Display – Gruppo Gatto, l’azienda presente a livello internazionale primariamente nel visual display per occhialeria, cosmesi e gioielleria, che ha cominciato nel 2013 a organizzarsi in un’ottica sostenibile e ora sta gestendo la seconda di tre fasi. Cristian Paravano è entrato recentemente nel consiglio di amministratore della società stessa, mantenendo anche i precedenti ruoli a livello di capogruppo ed ha avviato i processi, sta guidando il presente e ha già chiare le prossime tappe.

Paravano, se qualcuno non conoscesse il significato di «sostenibilità», come la racconterebbe abbinando all’attività di un’impresa? «La spiegherei come l’ha interpretata il nostro Gruppo. Nell’accezione, cioè, che comprende una performance economica in grado di bilanciare benessere delle persone, salvaguardia dell’ambiente e delle risorse».

Possibile tutto e subito? «Noi siamo partiti nel 2013 e abbiamo una progettualità al riguardo che prevede il 2022 e oltre. Nel 2013 il Gruppo usciva da un periodo complesso e doveva trovare una nuova strada. Capimmo che tutto ciò che ruotava attorno alla sostenibilità sarebbe stato il futuro e abbiamo avviato un processo perché il tema diventasse sistemico in azienda, non occasionale».

Quale fu, in concreto il primo passo? «L’ottenimento delle certificazioni che oggettivavano i nostri traguardi: abbiamo così ottenuto la 9001 la qualità e l’efficienza di processo; la Sa 8000 per la responsabilità sociale d’impresa, la 14000 che riguarda la sicurezza sul lavoro e la 18000 che attiene al rapporto con l’ambiente. È stato un lavoro che ha interessato tutti gli stabilimenti del Gruppo nel mondo. Stiamo completando gli accreditamenti anche in Cina. Nel 2019 siamo arrivati al Bilancio di sostenibilità. Sono stati anni in cui, in parallelo, abbiamo molto investito nel rinnovamento dei macchinari, per automatizzare diversi processi e liberare risorse umane e da impiegare in lavori meno ripetitivi».

La fase 2 quando è scattata? «È quella in corso, possiamo dire che si sviluppa tra il 2020 e il 2021, per attuare una trasformazione organizzativa e di filiera. Abbiamo cambiato le abitudini delle persone per fare in modo che la sostenibilità diventi una forma mentis, un modo di essere, il modo con cui approcciare ogni aspetto della vita. Per esemplificare: chi progetta non può che partire dall’idea di impiegare materiali da riciclo e di disassemblare gli oggetti. Inoltre, è necessario ‘fertilizzare’ la filiera, perché in tema di sostenibilità non ha senso un anello senza la catena. In questa fase 2, inoltre, dovremo affinare e arricchire gli indicatori per misurare i progressi aziendali. Il concetto di economia circolare è uno degli indicatori da recepire, sarà dirimente nei prossimi anni».

E dal 2022, la sostenibilità come sarà vissuta dalla Divisione Display e, soprattutto, che cosa avranno generato 8 anni d’attività in questa direzione? «Sarà il periodo della maturità, in cui il connubio di sostenibilità e innovazione porterà al cambio del modello di business al fine di avere una progettualità competitiva sul lungo periodo. Le tantissime tecnologie mature e disponibili a valori economici “normali” coniugati ad una crescente sensibilità in materia Green dovrebbe poter modificare il mercato del PoP/Visual in modo disruptive dove servitization e circolarità saranno protagonisti.»

Possibile tanto cambiamento in un momento di così grande incertezza generata da Covid-19 e dalle sue conseguenze? «Non solo possibile, ma necessario. Se ci sono idee, ora bisogna metterle in campo. È il momento in cui il sistema ha meno resistenze e l’immobilità crea maggiori paure».

In evidenza

TURISMO, CHIAVEGATO: ‘SERVONO INTERVENTI FORTI PER FAR TORNARE TURISTI IN ITALIA’

«Il comparto turistico ha bisogno che si adottino politiche statali e regionali estremamente aggressive per riportare gli ospiti stranieri in Italia. Continuare a puntare solo sul turismo interno e locale, infatti, significa passarci la palla all’interno di un sistema chiuso e lasciare ad altri affari per 44,3 miliardi. Appena sarà possibile viaggiare con maggiore libertà dobbiamo essere pronti con politiche forti ad hoc». È la proposta-appello che mette in campo Mattiarmando Chiavegato, attivo nel settore dell’ospitalità in Fvg ed a Venezia (Hotel Messner ****), preoccupato che, per effetto delle conseguenze Covid-19, l’Italia sia tagliata fuori dalle mete del turismo internazionale, una voce cruciale per i bilanci delle attività dedicate all’ospitalità e a tutti i servizi connessi. Secondo dati di Bankitalia, nel 2019 la spesa dei viaggiatori stranieri in Italia è stata di 44,3 miliardi e secondo i numeri di Unioncamere la spesa turistica complessiva è arrivata a 84 miliardi, con il 45,3% generato dal turismo straniero. «Si tratta dei turisti che hanno una maggiore propensione alla spesa – prosegue Chiavegato -: a seconda della nazionalità, la spesa media giornaliera varia dai 102 ai 149 euro, con una permanenza media di 4 giorni, esclusi i costi aerei». Sono cifre che indicano come «questi turisti lascino nei nostri hotel, ristoranti, negozi e servizi un importo simmetrico a quello del bonus vacanze da 500 euro ideato dallo Stato quest’anno per incentivare il turismo interno. La sostanziale differenza – evidenza l’imprenditore – sta nel fatto che per il bonus le risorse sono messe dallo Stato, quindi sono sempre soldi nostri e l’iniziativa è a debito». In sostanza, se il “bonus vacanza” 2020 «è stato meglio di niente, ma ha prodotto effetti positivi limitati perché i beneficiari sono soggetti con poca o scarsa capacità di spesa», per Chiavegato urge ritornare ad essere molto attrattivi sul fronte estero. «È da lì che arriverà l’ossigeno per una ripartenza vera ovunque e in particolare nelle città d’arte, motore trainante di una lunga filiera», aggiunge, indicando anche una misura attrattiva possibile. «Dobbiamo catalizzare il turismo straniero con iniziative dirompenti – ribadisce -. Penso a incentivi simili a quello della “continuità territoriale” Ue, cioè lo strumento legislativo che garantisce i servizi di trasporto nelle regioni più disagiate all’interno di una nazione. In questo momento è l’Italia a essere una delle regioni più disagiate in Europa e merita un supporto dedicato – continua Chiavegato -. In deroga al principio di libero mercato – pensa -, ci potrebbero essere incentivi statali che abbassino drasticamente il costo dei biglietti aerei per tutto il traffico inbound. Una formula applicabile innanzitutto attraverso le compagnie aeree nazionali, senza limitarsi a esse».

In evidenza

COVID, CAMBIO ANCHE SUI CONSUMI DI VINI PREGIATI. IANICH: ‘SI SPENDE PER LA QUALITÀ’

‘Il consumo di vini pregiati italiani, in special modo rossi, ha tenuto: nel periodo di lockdown ed anche successivamente. Il bere consapevole fra le mura domestiche ha reso il consumatore più attento alla qualità di ciò che sceglie per la sua tavola, facendolo propendere per vini eccellenti italiani. In calo, i consumi, in generale nel settore Horeca, nelle grandi città o città d’arte. Mentre, in ripresa nel medesimo ambito, nelle località meno centrali. Anche l’export di vini eccellenti italiani nel mondo, ha tenuto’. A confermare questi trend, Michele Ianich, presidente di Lavorazione Legnami, con core business nella creazione di confezioni di legno per vini pregiati, in particolar modo rossi, italiani, con sede in Carnia. ‘Diversa la situazione in Francia dove, si è registrato un calo dell’export di vini d’Oltralpe solo negli Stati Uniti, del 30 per cento. Inevitabilmente, il settore Horeca italiano ha risentito della situazione legata alla pandemia, e noi con loro. Molte delle nostre confezioni, finiscono, in hotel, ristoranti o bar, a racchiudere vini importanti. Il calo fisiologico dei consumi nei locali pubblici, ha subito però una compensazione, su due fronti: il consumatore ha aumentato gli acquisti nella Gdo, ed ha continuato a bere a casa, con una maggiore attenzione alla qualità. Questo potrebbe diventare un vero e proprio trend anche per il futuro. Assistiamo ad una maggiore consapevolezza negli acquisti: si spende meno e meglio, nell’ottica soggettiva di ognuno – afferma Ianich che continua – I vini italiani pregiati tengono ed hanno tenuto sui consumi pre-pandemia: con uno spiraglio anche nel settore Horeca. Tranne che nelle grandi città, il settore è in ripresa’. ‘Sì questo mese di settembre, che ancora deve chiudersi, registra un aumento dei consumi di vini nei locali pubblici, anche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Si registra una ripresa. Il cammino è ancora lungo. Sicuramente un settore di nicchia, come quello dei vini di pregio, non subisce flessioni, tendenzialmente. Stante, l’accelerazione di un fenomeno già in essere: la maggiore attenzione alla qualità ed ai consumi. Il consumatore ha deciso di spendere meglio i suoi denari. Anche a tavola – conferma Ianich, che prosegue – ci attendiamo un calo del fatturato di circa il 15%, da qui alla fine dell’anno. Una diminuzione fisiologica che, confidiamo, possa essere neutralizzata da un incremento a partire dal 2021’.

In evidenza

MECCANICA QUANTISTICA: ‘IL FUTURO È LÌ, ANCHE IN CAMPO INDUSTRIALE’

‘Questo è il secolo della meccanica quantistica, anche in campo industriale’ è quanto afferma Roberto Siagri (nella foto), amministratore delegato di Eurotech che non esclude un coinvolgimento aziendale sul tema: ‘Ci impegneremo sul computer quantistico quando questo raggiungerà uno stadio di industrializzazione che lo renderà commerciabile, a temperatura ambiente e dunque basato su tecnologia fotonica’. ‘È una opportunità per tutti e sicuramente Trieste è ben posizionata per quanto riguarda la parte di teoria dello sviluppo della meccanica quantistica: ora si tratta di far partire iniziative che coinvolgano anche le imprese. Questa nuova frontiera richiede investimenti importanti e soprattutto uno stretto collegamento con le imprese. Suggerisco di guardare a cosa sta facendo la qui vicina Austria e magari provare ad adottare un modello di collaborazione simile a quello adottato da ‘Silicon Austria’, con dotazioni finanziare simili. Richard Feynman aveva tracciato la strada già 60 anni fa durante il discorso all’accademia delle scienze americana, si Mr. Feynman rimane sempre vero che c’è tanto spazio nel molto piccolo. La combinazione delle tecnologie digitali e di dispositivi che possano sfruttare in maniera prevalente la meccanica quantistica possono portare allo sviluppo di una economia intrinsecamente sostenibile. Confermando quello che scriveva Orio Giarini commentando le conclusioni del libro del Club di Roma “i Limiti alla crescita”, che non dimostravano la fine della crescita economica in quanto tale, ma i limiti di un certo tipo di crescita. I cambi dei modelli di business introdotti dal digitale e l’ulteriore riduzione degli sprechi e dei consumi che le tecnologie quantistiche porteranno dentro il mondo industriale potranno garantirci una crescita economica senza praticamente fine. La produzione digitale abbinata alla produzione quantistica porterà un’enormità di benefici confermando che si potrà fare sempre di più con sempre meno materia, energia, spazio e tempo. Non c’è settore che non ne possa beneficiare, dai calcolatori quantistici, a nuovi materiali, nuovi sensori e nuovi metodi di produzione. Nel mondo dell’informazione e della comunicazione si stanno già ottenendo i primi risultati per quanto riguarda il trasporto sicuro dei dati e mi aspetto che entro 5 anni si incominci a diffondere l’uso di computer quantistici. Mi aspetto anche il drastico miglioramento dei computer attuali grazie a dispositivi che pur essendo costruiti sfruttando la meccanica quantistica operino in modalità di calcolo classica. Non solo, dunque, il settore dell’ICT potrà trarre grandi benefici ma anche altri settori come la robotica e la produzione grazie a nuovi sensori e alle nano macchine potranno trarre grandi benefici.Servono importanti investimenti per poter rendere fruibile a livello industriale i sorprendenti paradigmi , per non dire paradossi, che derivano dall’uso delle leggi quantistiche. Serve però crederci e servono importanti investimenti, l’Europa infatti ha messo a disposizione un miliardo di euro per le iniziative collegate alle tecnologie quantistiche. Se questo è l’importo messo a disposizione dell’Europa si fa presto a capire che non si entra in questo nuovo mondo con ticket da qualche milione di Euro’. Eurotech (ETH:IM) è una multinazionale che progetta, sviluppa e fornisce soluzioni per l’Internet of Things complete di servizi, software e hardware ai maggiori system integrator e ad aziende grandi e piccole. Adottando le soluzioni di Eurotech, i clienti hanno accesso alle pile di software (stack) open-source e standard più recenti, a gateway multiservizi flessibili e robusti e a sensori sofisticati, allo scopo di raccogliere dati dal campo e renderli fruibili per i processi aziendali. In collaborazione con numerosi partner di un ecosistema mondiale, Eurotech contribuisce a realizzare la visione dell’Internet delle Cose, fornendo soluzioni complete oppure singoli blocchi “best-in-class”, dalla gestione dei dispositivi e dei dati alla piattaforma di connettività e comunicazione, dai dispositivi periferici intelligenti agli oggetti “smart”, con modelli di business idonei al mondo dell’impresa moderna. Per maggiori informazioni su Eurotech, www.eurotech.com.

In evidenza

beanTech inarrestabile, nuovo PREMIO

Fabiano Benedetti, CEO e presidente di BeanTech

Nuovo prestigioso riconoscimento per beanTech: l’azienda tecnologica friulana si è aggiudicata il Global Most Outstanding National Winner e potrà competere a livello globale per il titolo di “Global MIKE”. Innovative Knowledge Enterprise (MIKE) Award nasce nel 1998 a Londra con l’obiettivo di unire accademia e mondo manageriale in uno sforzo volto ad identificare le migliori pratiche manageriali utilizzate per coltivare e convertire la conoscenza aziendale in innovazione. Nel corso degli anni, hanno partecipato e vinto il prestigioso riconoscimento aziende riconosciute leader dell’innovazione a livello mondiale, come Google e Microsoft. Il riconoscimento viene assegnato prima a livello nazionale, poi beanTech sarà invitata alla cerimonia di premiazione a livello globale. Il premio viene assegnato previo un processo di valutazione condotto da un comitato scientifico che analizza le imprese che intendono sottoporsi all’audit ed è composto da professori provenienti da 14 Paesi diversi. Per l’Italia, il premio è coordinato da Maurizio Massaro dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e gestito dallo spin-off Universitario Strategy Innovation sotto la direzione di Carlo Bagnoli. beanTech si è distinta per la propria capacità di convertire la conoscenza in innovazione. La cerimonia di consegna si è tenuta sulla piattaforma webex ed in rappresentanza di beanTech ha ritirato virtualmente il premio Fabiano Benedetti, CEO & President. “Intelligenza collettiva d’impianto, questa è la nostra sfida quotidiana – afferma Benedetti durante il suo intervento legato al tema “produzione” – vogliamo continuare a portare intelligenza negli impianti, rendere le macchine sempre più capaci di analizzare dati e parametri dai noi forniti per arrivare a risultati analoghi a quelli previsti in ambito automotive: macchine intelligenti capaci di apprendere e perfezionare le proprie decisioni. Non si parla più di mero Internet of Things, ma di Intelligence of Things, un mix di dati, IoT, Analytics ed Intelligenza Artificiale, che riassume nel modo più chiaro possibile cosa facciamo per supportare le aziende manifatturiere lungo il percorso di Digital Transformation. Il dato rimane al centro del successo: un’azienda in grado di interpretare le informazioni è sempre un passo in avanti rispetto alla concorrenza. Siamo convinti che il “success factor” di un’azienda siano i talenti desiderosi di continuare a formarsi e crescere. beanTech ne è sempre alla ricerca, con l’obiettivo di ripopolare i nostri territori e creare grandi opportunità: la Manufacturing Valley può essere fucina di know how e fonte di crescita per tutti.”

In evidenza

TURISMO ESTATE 2020 IN FVG: HA TENUTO NONOSTANTE IL COVID

«Non si è certo colmato tutto ciò che si è perso, ma da metà luglio a settembre inoltrato la stagione estiva in montagna e al mare in Friuli Venezia Giulia è stata decisamente meglio di ciò che ci si aspettasse. Per il 90% i clienti sono stati italiani, austriaci e tedeschi sono arrivati solo a settembre. A soffrire maggiormente sono state le città d’arte e i capoluoghi: lì le strutture ricettive non sono ancora riuscite a recuperare l’assenza degli stranieri e la riduzione del turismo business». La presidente di Federalberghi Paola Schneider tratteggia così la stagione estiva delle strutture ricettive nell’anno in cui il Covid-19 ha stravolto ogni piano e annullato gli affari della primavera e d’inizio stagione, lasciando tutti gli operatori in un grande stato di incertezza riguardo all’evoluzione del periodo estivo. Tuttavia, il virus non ha annullato né la determinazione degli imprenditori a reagire – trovando soluzioni a molti dei problemi generati dalla necessità di rispettare le regole anti pandemia – né la voglia di vacanza, in particolare degli italiani e dei locali, che hanno animato lidi e cime. «In montagna è andata bene, ad agosto i numeri ci sono stati e la stagione si è prolungata a settembre, soprattutto nei weekend, grazie a un tempo atmosferico favorevole – spiega la presidente -. Gli italiani si sono mossi e sono stati loro a connotare gli ospiti quest’estate. Gli stranieri, austriaci e tedeschi, si sono visti solo a settembre. Certo, non tutto il perduto si è recuperato ma, rispetto alle premesse di questa stagione, possiamo permetterci anche di vedere il bicchiere mezzo pieno». Per gli alberghi, la stessa dinamica si è registrata al mare, «con una stagione partita attorno al 10 luglio, buon agosto e una prosecuzione a settembre». Il Friuli Venezia Giulia è fatto però anche di città d’arte e dai capoluoghi in cui la ricettività alberghiera è un importante aspetto dell’economia. In questo contesto i risvolti della pandemia sono più accentuati. «Sono i centri che hanno subito di più le conseguenze del lockdown e delle limitazioni negli spostamenti – spiega Schneider -. Hanno risentito molto dell’assenza degli stranieri, potendo recuperare poco con gli italiani. Il calo dei pernottamenti per business ha fatto il resto. Certo, un po’ si è lavorato, ma si è lontani dai numeri pre Covid». Tuttavia, per ora «non abbiamo evidenza di chiusure definitive – sottolinea la presidente -. Ci sono realtà che hanno deciso di riaprire nel 2021 e dovremo verificare se ciò accadrà realmente. Gli investimenti attorno a un albergo, comunque, sono notevoli e credo che per ora permanga la volontà di resistere». Quanto alla stagione invernale, Scheneider non si sbilancia in previsioni. «Per ora navighiamo a vista, credo che chi terrà aperto a ottobre potrà avere qualche soddisfazione, ma proiettarsi oltre è difficile. Si respira un certo attendismo – rileva -, soprattutto in riferimento all’andamento del Covid-19».

In evidenza

TOSOLINI: UNA GRANDE FAMIGLIA DI DISTILLATORI. LO SPOT SU MEDIASET: UN REGALO AL FVG

https://assodistil.it/amaro-tosolini-lamaro-che-viene-dal-mare-tradizione-e-territorio-nel-backstage-del-nuovo-spot-tv/

«L’inizio della stagione fredda è la premessa per gustare appieno l’Amaro Tosolini, prodotto ininterrottamente dal 1918 con una ricetta che prevede erbe mediterranee e un invecchiamento nell’aria marina della Laguna di Marano», afferma il presidente della storica Distilleria friulana Bepi Tosolini, Giovanni Tosolini Temperature più basse, giornate più corte e voglia di un elisir che porti con sé quella miscela di erbe segrete che continua a convincere da 102 anni, richiamando il profumo marino dell’ambiente in cui invecchia.

Insomma, voglia di Amaro Tosolini. La notissima Distilleria Bepi Tosolini di Povoletto (Ud), in Friuli Venezia Giulia, da oltre un secolo continua a tenere in produzione questa «pietra miliare del nostro brand», afferma il presidente Giovanni Tosolini, e si appresta a ricordarne storia e caratteristiche ai consumatori con una campagna informativa che viene trasmessa da ieri, sulle reti televisive Mediaset, con uno spot che onora il Fvg. Non solo. Quest’anno la Distilleria sarà sponsor della Barcolana, la regata velica più grande del mondo che l’11 ottobre porterà nel Golfo di Trieste migliaia e migliaia di vele per la sua 52esima edizione. Tosolini ha già solcato questo mare per diversi anni con il brand abbinato a una barca, ma quest’anno ha voluto fare di più, legando il proprio nome a quello della manifestazione nel suo complesso e arrivando nella sacca di ogni skipper iscritto all’evento. «In ogni sacca ci sarà una bottiglia del nostro Amaro Tosolini – conferma il presidente della Distilleria -, per una degustazione condivisa con tutto l’equipaggio». In barca o sulle Rive, l’Amaro troverà così uno dei luoghi più appropriati per la sua degustazione. «È un amaro fatto con erbe mediterranee – sottolinea il presidente – e la sua stagionatura avviene in botti di una barriqueria che si trova nella Laguna di Marano. L’aria marina gli conferisce caratteristiche uniche che ben si sposano con una manifestazione regina del mare».

In evidenza

SICUREZZA SUL LAVORO: Alla MEP il cambio di passo sostenibile determinato dall’emergenza Covid: i vademecum della MEP Business School preziosi per ogni cittadino

https://youtu.be/G2S7kVPXkoc

La sicurezza sul Lavoro in azienda ha fatto un ulteriore salto di qualità a seguito della pandemia, perché la responsabilità per i comportamenti corretti è stata consapevolmente compresa come trasversale da ciascun operatore. Le aziende, inoltre, sono diventate luogo “di istruzione” a tutto tondo, oltre che di formazione obbligatoria. Non da ultimo, i principi basilari di contrasto del virus hanno permesso anche una nuova organizzazione strutturale all’interno dei locali, con il recupero di spazi tanto essenziali quanto funzionali.

Sono tutti aspetti che, sperimentati direttamente in MEP, Macchine Elettroniche Piegatrici di Reana del Rojale, Udine, sono sostenibili, per la sicurezza in Azienda, a giudizio del Perito Industriale Paolo Querini, alla guida da un trentennio della società, puntualmente (…è il caso di dirlo) Punto Sicurezza. Tra le ultime novità riguardo alle certificazioni in tema proprio di sicurezza, «la ISO 45001 – spiega Querini – ha definito come “rischio” il risultato dell’incertezza. Ne consegue che le aziende debbano rimuovere tale incertezza in tutte le sue forme. I principi, i precetti e le procedure sono perciò fondamentali, tanto quanto la comunità d’intenti per l’intera Organizzazione, perché si vince o si perde insieme». L’azienda diventa, quindi, luogo di grandissima responsabilità personale, e ad essa compete un compito che ha sempre più ripercussioni importanti al di fuori dei locali aziendali. «Stiamo assistendo a un profondo cambiamento di mentalità riguardo alla Sicurezza – prosegue l’esperto -: poiché è il singolo lavoratore chiamato a prendersi cura della propria salute e l’impresa per questo svolge un ruolo d’istruzione, oltre a quello obbligatorio di informazione e formazione». L’atteggiamento acquisito in questo contesto, in sostanza, diventa un «modus operandi» che il soggetto mette in pratica nella propria quotidianità. Lo ha sperimentato in questi mesi la stessa MEP. «Può sembrare un paradosso, ma non lo è: l’emergenza Covid ha avuto anche un effetto positivo, perché ha permesso all’azienda di riorganizzarsi, di operare al meglio sotto ogni aspetto e di estendere forte consapevolezza a tutti i Lavoratori», spiega Claudio Miconi, RSPP di MEP. Insieme alle regole fondamentali di comportamento, l’igienizzazione meticolosa che è stata effettuata negli ambienti ha consentito il recupero di spazi da tempo sottoutilizzati, ha inoltre attivato anche la creatività editoriale della MEP Business School, che ha pubblicato diversi volumi. Tra questi non ultimo il “Manuale COVID-19 per il Viaggiatore”, rivolto non unicamente a chi viaggia bensì «ai cittadini che lavorano in azienda (e in trasferta appena consentito), svolgendo così contemporaneamente una formazione aziendale e sociale», conclude Claudio Miconi.

In evidenza

LA VENDEMMIA? SI FA ANCHE IN VIA MONTENAPOLEONE

Condizioni climatiche ottimali hanno contribuito a una vendemmia 2020 di ottima qualità, premessa per un vino di altrettanto pregio: le piogge regolari hanno impedito alle viti di subire stress idrico, la buona escursione termica ha calibrato perfettamente carica aromatica e acidità, rendendo le uve di quest’anno molto simili a quelle degli anni Novanta, quando la gradazione era leggermente inferiore a quella delle ultime stagioni, accentuata dall’innalzamento delle temperature. Venica&Venica www.venica.it la storica Cantina di Dolegna del Collio, racconta così la sua 90esima vendemmia, praticata in un anno in cui il Covid-19 ha messo in crisi molti aspetti della vita socio-economica ma non è riuscito a piegare la natura, che sta “regalando” raccolti da mettere in memoria. In attesa di staccare i grappoli a bacca rossa, tra gli ultimi giorni di settembre e inizi ottobre. La vendemmia dell’uva bianca quest’anno è iniziata il 25 agosto per concludersi il 18 settembre. Un periodo in cui la famiglia Venica&Venica e i suoi collaboratori sono entrati ogni giorno in vigna per cogliere il momento migliore in cui tagliare il frutto della vite rigorosamente a mano, perché ciò consente un controllo puntuale e immediato dello stato di salute dell’uva. «Se le condizioni climatiche sono importanti, è altrettanto determinante saper individuare la giusta curva di maturazione dell’uva», racconta infatti Ornella Venica, elencando le azioni fondamentali che portano a un vino d’eccellenza. Sono 40 gli ettari che l’azienda coltiva da 90 anni nella zona più a Nord del Collio, dove quest’anno la produzione della famiglia dei Pinot è stata leggermente inferiore alle precedenti annate, come è successo per altro nel resto d’Italia. «C’è stata una produzione inferiore di circa l’8-10% – conferma la vignaiola – il che è un vantaggio per la qualità dell’uva raccolta». Dalla vendemmia in vigna a quella glamour nel centro di una city come Milano, per Venica&Venica il passo è breve, poiché sarà protagonista dall’8 al 10 ottobre della “Vendemmia in via Montenapoleone”, l’ormai tradizionale appuntamento promosso da MonteNapoleone District, in collaborazione con il Comitato Grandi Cru d’Italia, per unire la produzione d’eccellenza italiana, contraddistinta dai brand del lusso e dalle più prestigiose cantine del made in Italy. Venica&Venica l’8 ottobre, dalle 19.30, e fino alle 22, sarà protagonista del “Cocktail in boutique” nello spazio Pinko. «Tre le nostre proposte per la ‘vendemmia’ in città – illustra Ornella Venica -: ”Talis”Pinot Bianco, simbolo dell’eleganza produttiva del Collio e delle aree alpine della Mitteleuropa; il “Ronco delle Cime” Friulano, l’autoctono che racconta al meglio il legame della famiglia Venica con la propria terra; “Ronco delle Mele” Sauvignon, il vitigno internazionale che nel Collio si impreziosisce dello spirito del luogo. E per gli amanti del ‘nero’, ci sarà il Merlot Doc Collio 2017, dove la percezione della freschezza della frutta rossa di sottobosco inebria l’olfatto. Nei giorni precedenti, il 6 ottobre, Venica&Venica parteciperà all’asta benefica, organizzata in questa occasione, con il Magnum Ronco delle Cime Friulano che celebra i 90 anni della Cantina. Infine, venerdì 9 ottobre, la Cantina di Dolegna parteciperà al testing che coinvolge tutte le aziende presenti alla “Vendemmia in Via Montenapoleone”, in programma al salone delle feste dell’hotel Four Season di Milano.

In evidenza

ARRIVA REVID19, SCOPRE IL COVID DAL RESPIRO IN TEMPO REALE, AVVIATA LA SPERIMENTAZIONE DA UN LUMINARE UDINESE

Si chiama Revid 19 il nuovissimo device messo a punto da Eurotech in corso di utilizzo per la ricerca in via sperimentale, della presenza del Covid-19, nel respiro. La sperimentazione è già in corso. Si tratta di uno strumento dotato di intelligenza artificiale e tecnologia Iot (Internet of things): una serie di sensori raccoglie le informazioni provenienti dal respiro. Ovvero, riconosce le anomalie dell’aria eliminata dai bronchi, il cosiddetto esalato. Al momento e da qualche tempo, Revid 19 è in uso dall’associazione Allergie e Pneumopatie infantile Alpi Odv di Udine, e da Mario Canciani, pneumologo di fama internazionale e presidente dell’Alpi Odv. E’ stato analizzato, in via sperimentale, dalla macchina il respiro di 30 persone fino ad ora. ‘Siamo a disposizione della comunità: la campionatura dei risultati è per noi fondamentale. Per questo, ci rivolgiamo ai nosocomi della regione perché possano utilizzare lo strumento in pazienti sia ambulatoriali che ospedalizzati. La manovra necessaria è molto semplice: si basa sull’espirazione per 20 secondi in uno strumento che invia i dati successivamente processati da un algoritmo di intelligenza artificiale, e poi letti da un medico competente in materia. Non vi sono rischi di contagio, né per la salute dei pazienti’ spiega Canciani. ‘Ci è piaciuta l’idea di Canciani, partendo dal nostro know-how sull’analisi dell’aria e sul calcolo ad alte prestazioni – afferma Ugo Padulosi, a capo della R&D di Eurotech – siamo fieri di aver messo a disposizione la tecnologia di Eurotech, per questo progetto di tutela della salute pubblica, in un momento così complicato di pandemia. Sono necessari però, ai fini della sperimentazione, più pazienti da sottoporre al test del respiro, per far apprendere alla rete neurale con un maggior numero di dati ’. Mario Canciani si occupa da sempre di patologie dell’apparato respiratorio, dapprima all’Ospedale Burlo Garofolo di Trieste e poi alla clinica pediatrica dell’Università di Udine. Per 12 anni nel comitato direttivo della maggiore associazione medica europea, l’European Respiratory Society, è stato il fondatore dell’ Alpi, l’associazione dei bambini asmatici, allergici e con problemi respiratori, e del Grap: Gruppo regionale di allergo-pneumologia. Attualmente è presidente del Fvg di Isde (Medici per l’ambiente) e coordinatore per il Fvg della Siaip (Società italiana allergie e immunopatologie pediatriche) e si occupa in particolare degli effetti dell’inquinamento sulla salute dei bambini e sulle patologie allergiche e pneumologiche di bambini e adulti. È autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche e di una trentina di libri.

In evidenza

ARTENI SI ALLEA CON INFOSTAR E L’E COMMERCE VOLA

Tecnologia e prodotti di qualità: un binomio vincente, in grado di attraversare da protagonisti una pandemia che ha pesato significativamente anche sul settore del commercio. È quanto conferma l’esperienza di questi mesi di un baluardo della moda come il Gruppo Arteni di Tavagnacco (Ud) che, nei mesi di lockdown, ha quadruplicato le vendite online, grazie a un servizio estremamente curato nei contenuti e un’infrastruttura tecnologica efficiente e appositamente studiata da un’altra azienda friulana, la Infostar di Tarcento, capace di garantire sistemi informatici-business continuity, salvaguardando dati e reti. «Da tempo Arteni è attento a coniugare le tecnologie digitale con il proprio core business – afferma Matteo Arteni uno degli amministratori di Arteni-. Siamo sempre stati all’avanguardia su questo fronte e il momento storico ci ha dato ragione». In questi mesi particolari del 2020 «il nostro fatturato da vendita online è quadruplicato», prosegue l’imprenditore, ai vertici di un Gruppo che conta 10 punti vendita, impiega 150 persone e ha un fatturato di 32 milioni l’anno. «Infostar ci ha aiutato ad implementare le nostre dotazioni informatiche, anche e soprattutto per un obiettivo importante: la sicurezza dei dati, a salvaguardia del consumatore. Guardiamo avanti consapevoli che le scelte sui consumi sono cambiate: anche per ciò che riguarda il metodo di acquisto. Il lockdown ha incrementato, come ovvio, l’e-commerce, e questo nuovo trend ci ha trovati pronti e competitivi’. «Lavorare con aziende come Arteni è un piacere – sottolinea l’amministratore delegato di Infostar, Cristian Feregotto -, poiché si rende evidente che, quando i sistemi informativi aziendali sono progettati con professionalità, mantenuti efficienti e aggiornati nel tempo, le aziende beneficiano di un miglioramento dell’operatività, che si traduce in efficienza e competitività. Oltre che in efficacia: il consumatore si trova sicuro nell’affrontare gli acquisti on line e per noi questo, è un vantaggio competitivo enorme. Veniamo incontro al cliente in due modi: fornendo al nostro partner, in questo caso Arteni, le dotazioni informatiche per accontentare il consumatore finale, ovvero tutti noi. Ritengo che in questo momento storico la qualità dei servizi sia essenziale a parole e nei fatti».

In evidenza

I BRILLANTI COLORI DELLA FRIULANA MEP. GABRIEL AUBRY SUI CIRCUITI DELL’INTERNATIONAL MOTOR SPORT ASSOCIATION CON MEP!

Una partnership coinvolgente che si fonda su una visione del lavoro condiviso – all’insegna della preparazione, della disciplina, dell’entusiasmo, della passione, della determinazione – e sulla volontà di essere sempre un passo avanti, in virtù di un efficace gioco di squadra. È quella che MEP ha costruito con il pilota Gabriel Aubry, protagonista della classe Daytona Prototype nella serie International Motor Sport Association. Al volante di una splendida Cadillac, Aubry sta portando i colori di MEP Group sui circuiti internazionali, in una stagione che, già iniziata, si prefigura come stimolante ed impegnativa.

L’intervista video al link sopra –

«MEP Group è fiera di poter condividere con Aubry i suoi grandi risultati sportivi: proprio come in MEP, le ottime performance sono il frutto di impegno, valori e strategie nell’affrontare quotidianamente il proprio lavoro: preparazione, determinazione, attenzione ai dettagli ed emozioni opportunamente gestite. Anche il contesto è fondamentale» – aggiunge – «e come in un team che prepara una gara, anche nella nostra Azienda cooperazione e coesione fanno la differenza». Aubry, ventiduenne con determinazione da vendere, è convinto che per raggiungere alte prestazioni e mantenerle nel tempo, «la preparazione sia importantissima, anche rispetto al talento naturale. Il talento ci deve essere, ma a noi piace dire che» – sottolinea – «la preparazione vince sempre sul talento». Per gareggiare ai più alti livelli, «devi lavorare ogni giorno», confida, e «nella mia preparazione cerco di prendere in considerazione tutti gli scenari possibili». Nella vita di un pilota del suo calibro, insieme a tanto esercizio fisico e preparazione al volante, c’è molto allenamento a livello psicologico. «Ho lavorato un paio d’anni con gli psicologi dello sport e ciò ha contribuito a cambiare molto il mio approccio e la mia preparazione, come persona e come sportivo», spiega. Questo rapporto ha fatto la differenza anche nel gestire le emozioni e lo stress da prestazione, inevitabile quando gli spettatori si attendono risultati una gara dopo l’altra. «Se non sai come reagire e come lavorare con le tue emozioni, tutto può diventare molto difficile – osserva il pilota -. Era un mio problema, ma lavorando con gli psicologi dello sport è diventato chiaro che le emozioni possono essere una grande debolezza o una grande forza. Se le sai controllare, non ti porteranno al fallimento». Nel suo percorso umano e professionale, Aubry ha maturato inoltre la convinzione che «entusiasmo, positività ed ottimismo» sono «importantissimi» e ancora di più «credere in sé stessi» ed «essere determinati». Le vittorie, inoltre, sono il risultato di un lavoro d’insieme che spesso non traspare nell’immediato, ma che si costruisce giorno per giorno. «Negli sport come il mio, attorno a un pilota c’è una squadra composta da 16-17 persone, con le quali non si lavora direttamente ogni giorno, ma delle quali ci si deve interessare, trovando il tempo per rivolgere loro anche solo un saluto» – racconta Gabriel Aubry -. «Sono piccoli gesti che non si notano dall’esterno, ma che contribuiscono a creare un buon ambiente in cui ciascuno darà il meglio di sé, riuscendo a far fare a tutti quello sforzo in più che fa la differenza». I piloti, conclude il campione, «non vincono da soli».

In evidenza

‘NEBRODOK’ QUANDO LA SICILIA INCONTRA IL FVG, IN UN PROSCIUTTO UNICO

Sono pronti per il consumatore gli 8mila prosciutti siciliani stagionati nel cuore del Friuli dall’imprenditore Carlo Dall’Ava. Un’iniziativa che intende esaltare le prelibatezze italiane, mettendo insieme l’alta qualità dei suini neri dei Nebrodi siciliani e l’aria unica delle colline di San Daniele. Il microclima di San Daniele del Friuli, straordinario per la stagionatura, si allea con l’arte siciliana di allevare maiali, per offrire al consumatore “Nebrodok”: il prosciutto nato dal suino nero dei Nebrodi, i monti tra le province di Messina, Enna e Catania. Qui, sono allevati allo stato semibrado questi suini dal manto scuro, di taglia piccola, caratteristica delle razze suine autoctone italiane. La carne è di altissima qualità. Esprime un’intensità aromatica importante ed è adatta alla lunga stagionatura. A dimostrare questa particolarità oro sono gli 8mila “Nebrodok” che hanno appena terminato la stagionatura a San Daniele, su iniziativa dell’imprenditore Carlo Dall’Ava, e che sono pronti a incontrare il palato dei consumatori garantendo «una sapore incredibile per un prosciutto che si soglie in bocca», afferma l’imprenditore con una lunga esperienza nella produzione e stagionatura di prosciutti. I suini che si trasformano in Nebrodok sono allevati nella zona di Sant’Agata di Militello, in provincia di Messina, dove, la tipicità dell’aria contribuisce a fissare nella carne «il gusto peculiare ispirato dal mare di Sicilia e tipico della terra sicula», continua Dall’Ava, che non esita a definire la degustazione di Nebrodok «una vera e propria esperienza».

In evidenza

NEL NOSTRO FUTURO I RISULTATI DELLA RICERCA SULLA MECCANICA QUANTISTICA. LO SCIENZIATO CALARCO: ‘CIÒ CHE NON SERVE A NULLA HA TANTISSIMO VALORE’

‘Tutto ciò che non serve a niente: ha un valore altissimo’. Sono le parole di Tommaso Calarco, professore di fisica teorica all’Università di Colonia – dove lo abbiamo incontrato – direttore dell’istituto di Controllo Quantistico presso il laboratorio nazionale Julich, in Germania, oltre che presidente del Community network, organo governativo della Quantum Flagship europea.

‘Decisi di occuparmi di fisica quantistica in seguito ad un incontro con Claudio Magris, per puro caso quindi’ spiega Calarco. Il caso: tanto caro alla meccanica quantistica. Secondo la concezione soggettivistica quello che noi chiamiamo caso è in realtà il frutto della lacunosità della conoscenza umana. Se noi avessimo una conoscenza più elevata, nulla ci sembrerebbe casuale, ma tutto sarebbe riconducibile a un quadro deterministico in cui ogni evento ha una sua causa. Secondo la concezione oggettivistica invece il caso sarebbe intrinseco alla realtà. Esisterebbero cioè eventi privi di causa o che, dipendendo dall’intrecciarsi di differenti serie di cause, seguono un’evoluzione assolutamente imprevedibile non solo all’intelletto umano, ma anche a qualsiasi eventuale intelligenza superiore. Il dibattito sull’interpretazione della meccanica quantistica è tuttora abbastanza aperto. Tuttavia, allo stato attuale: la maggior parte dei fisici accetta una concezione sostanzialmente oggettivistica del caso. Quindi, imprevedibile. ‘Scrissi una tesi – continua Calarco, che è laureato in fisica a Padova – con l’obiettivo di dimostrare se la fisica è in grado di spiegare la realtà. Arrivai alla conclusione: le leggi della fisica non sono in grado di spiegare la realtà’. Ovvero. Venne spiegato un qualcosa che solo apparentemente non serve a nulla. ‘Perché proprio da lì, e dall’incontro con Magris decisi di proseguire sulla scia della quantistica’.

Su cosa avete lavorato in questi anni? Abbiamo riproposto il paradosso del gatto di Schrödinger a 20 stati quantistici. ‘ll lavoro recentemente pubblicato dimostra come sia possibile preparare e caratterizzare uno stato altamente intrecciato con ben 20 qubit in una piattaforma di atomi intrappolati tramite dei fasci laser detti optical tweezers’.

Il paradosso del gatto di Schrödinger è un esperimento mentaleideato nel 1935 da Erwin Schrödinger, con lo scopo di illustrare come la meccanica quantistica fornisca risultati paradossali se applicata ad un sistema fisico macroscopico. Andando decisamente contro il senso comune: presenta un gatto che, in uno stato noto come sovrapposizione quantistica, può essere contemporaneamente sia vivo che morto, come conseguenza dell’essere collegato a un evento subatomico casuale che può verificarsi o meno.

Quali saranno, a tuo avviso, le applicazioni nella vita quotidiana di tutti i giorni, delle ricerche che state conducendo? Serve essere piuttosto realistici e come uno dei primi impieghi utili vedo l’applicazione nella crittografia. ‘La crittografia quantistica consiste in un approccio alla crittografia che utilizza proprietà della meccanica quantistica nella fase dello scambio della chiave per evitare che questa possa essere intercettata da un attaccante senza che le due parti in gioco se ne accorgano’. Si utilizza questo principio per realizzare un cifrario perfetto.

Quindi per la sicurezza informatica? Direi proprio di sì.

Eri uno degli ospiti presenti ad Esof 2020, a Trieste. Nel suo intervento, il premier Giuseppe Conte ha affermato di voler utilizzare parte delle risorse del recovery fund per la ricerca in tema di meccanica quantistica, cosa ne pensi? Penso che sarebbe ora che il Governo italiano spinga sulla ricerca in questo senso. La Germania investe 8 miliardi l’anno. Devo dire che la Regione Friuli Venezia Giulia, insieme agli enti di ricerca triestini, ci stanno mettendo del loro, con risorse economiche e professionali.

Quando vedremo i computer quantistici venduti su scala industriale? Non penso prima di dieci anni. Oggi è ancora troppo presto.

In evidenza

FEDRIGA, ECONOMIA DOPO COVID: ‘SERVONO DAL GOVERNO RISORSE A FONDO PERDUTO E NON UN SOSTEGNO ASSISTENZIALISTA’. L’INTERVISTA

Come valuta la sua governance sino a qui? Stiamo facendo molto per l’abbattimento fiscale, sia in modo diretto che indiretto. Sul fronte delle imprese, nel sociale, per le famiglie, e il trasporto pubblico. Abbiamo lavorato per la detassazione. Ci siamo ritrovati a fare i conti con due emergenze considerevoli: la tempesta Vaia e la pandemia.

Da un punto di vista umano, come si è sentito a dover affrontare il Covid? Diciamo che una emergenza sanitaria di questo genere è stata imprevedibile: il Friuli Venezia Giulia si è comportato molto bene. Dando prova di grande responsabilità, dimostrandolo con un numero di limitato di casi.

Ed ora come vede la situazione economia attuale, in Fvg e in Italia? Stiamo affrontando un momento piuttosto difficile. Non lo possiamo negare. Serve un intervento da parte del Governo che non sia, come è stato fino ad ora, di natura assistenzialista. Ma che faccia progredire le imprese, verso un passaggio successivo, fuori dalla linea del timore, con risorse a fondo perduto, come quelle che stiamo mettendo in campo in Regione.

Quanto è importante per lei l’internazionalizzazione? La ritengono fondamentale; per questo abbiamo creato una agenzia ad hoc. E’ necessario però che sia vera internazionalizzazione: che possa portare anche capitali ed investitori in Fvg.

Cosa state facendo per il miglioramento delle infrastrutture (porti, strade, ferrovie ed aeroporti)? Prioritaria è la velocizzazione della linea ferroviaria Trieste-Venezia.

Rfi vi ha dato dei tempi? Prima del Covid si parlava del 2022 come termine per la realizzazione dei lavori per rendere veloce la linea. Dopo di che servono scelte politiche decisive sui territori: il treno dovrà fermarsi solamente nei centri più importanti.

E per l’implementazione dello scalo aeroportuale? Abbiamo già avuto dimostrazione di interesse da parte di diverse compagnie, anche se Alitalia non collabora in questo senso, facendo da tappo.

Porti? Il Fvg ha le carte in regola per divenire sistema intermodale al centro dell’Europa, con lo sbocco a Trieste e Monfalcone (Go). Su treno, ferro, gomma e aria, dobbiamo divenire competitivi.

Nella sua agenda a che punto si trova lo sviluppo digitale? Abbiamo seri problemi al riguardo. La pandemia ha messo in evidenza che in molte aree regionali non c’è la banda larga. Dobbiamo lavorare su questo come primo passo.

Durante Esof, a Trieste, il premier Giuseppe Conte ha affermato di voler utilizzare le risorse del recovery fund per la ricerca anche sulla meccanica quantistica, lei quanto e come punta sulla ricerca? A Trieste, abbiamo enti di ricerca estremamente all’avanguardia. In primis: Area Science Park. Abbiamo destinato, come Regione, 800mila euro alla ricerca, anche in ambito quantistico.

Quale è il suo principale obiettivo da qui al 2023? Creare una regione sempre più competitiva. Abbiamo stravolto, rispetto al governo regionale precedente, le politiche sull’immigrazione, togliendo molte delle risorse che erano state messe in campo.

Si ricandiderà? Personalmente: amo fare il presidente di Regione. Sarà comunque l’elite che mi supporta a decidere per la mia ricandidatura. Io sono disponibile.

Il turismo, quanto ne ha risentito dopo il Covid? Onestamente, rispetto alle aspettative: ha tenuto. Sia al mare che in montagna.

Il Fvg quanto conta a Roma? La nostra regione conta 1 milione e 200mila abitanti. Serve farsi sentire. Lo dico per esperienza personale: per ottenere qualcosa, dobbiamo alzare la voce.

In evidenza

EUROLLS: MEGA COMMESSA DA 12 MILIONI DAGLI USA

Una ventata di positività. Attenzione alle novità. Flessibilità ed apertura al mondo. E’ quanto si respira in Eurolls, azienda con quartier generale ad Attimis (Ud), ma con due baluardi produttivi a Villa Santina (Ud) ed una filiale nei pressi di Milano. Con uffici e produzione in Messico e Brasile e clienti sull’intero pianeta. A capo del gruppo: con un fatturato di 27 milioni (solo per il segmento definito ‘attrezzature’) e 180 addetti, è il poliedrico friulano Renato Railz: un 71enne che ha creduto, 30 anni fa, di poter fare l’imprenditore. Tanto che Eurolls ad oggi è, per molti versi, unica nel suo settore, con prodotti come i rulli per la formazione del tubo saldato strutturale più grande al mondo (28 pollici di diametro e spessore 1 pollice), indispensabili per le costruzioni di ultima generazione. ‘L’idea della laminazione dell’acciaio è stata vincente – afferma Railz – da lì siamo partiti. Ed oggi stiamo portando avanti investimenti per nuovi impianti produttivi da 6 milioni. Abbiamo una dinamica produttiva integrata: la sola materia prima che acquistiamo è l’acciaio. Per il resto del materiale, come il metallo duro, lo produciamo dalle polveri’ attraverso il nostro processo di sinterizzazione’. L’azienda ha appena ricevuto una commessa da 12 milioni di euro dagli Stati Uniti. Per molti anni ha servito il settore oil&gas con attrezzature di grosse dimensioni, mentre oggi questo prodotto si sta evolvendo anche verso il settore delle costruzioni. ‘E’ la prima volta che accade di avere un ordine di queste proporzioni dall’America – spiega Railz – diciamo che la pandemia, nel nostro settore, non ha per ora provocato un calo di ordini. Anzi, sta accadendo il contrario’. Energia e dinamismo vengono anche dal braccio destro di Railz, Matteo Querini, ingegnere meccanico, ‘nato’ e cresciuto in azienda. ‘Dobbiamo rimanere competitivi – spiega Querini – per questo, per noi sono fondamentali la ricerca e sviluppo: godiamo di collaborazioni con diverse Università, con l’INFN di Padova, il CFR di Ferrara, Università di Udine, e PMI di Minsk. Studiamo il comportamento dei metalli. Ricerchiamo. Per non fermarci mai: innovare e crescere in un mercato globale estremamente competitivo anche per il nostro settore di riferimento’. Sono 6 le persone impegnate nell’R&D di Eurolls. ‘Ho creduto nelle mie idee e ora sono qui: dalla vergella d’acciaio, titanio e acciai alto resistenziali di ultima generazione, siamo passati dalla trafilatura alla laminazione per la creazione di fili sottili. Pur con limitato numero di brevetti, per determinate lavorazioni dell’acciaio, siamo leader incontrastati, ovvero le facciamo solo noi nel mondo con garanzie qualitative e di risultato sul processo’ conclude Railz, non senza una nota di amarezza nei confronti di una buona parte di imprenditori locali e italiani che: ‘Non amano far squadra, pensano al loro orticello. Diventa difficile raggiungerli e interloquire, anche solo per uno scambio di pareri. Cosa che non accade invece Oltreoceano dove, è possibile parlare facilmente con i Ceo di aziende enormi. Peccato. E’ sinonimo di provincialismo questo atteggiamento, tutto italiano, purtroppo’.

In evidenza

FOTOGALLERY, EVENTO SU COVID E IL FUTURO DELL’ECONOMIA IN ITALIA E NEL MONDO

pic by @Anna Airone @Airone Foto

Fotogallery: 4 agosto 2020; Amaro (Ud), tavolo di discussione dal titolo: Covid e futuro dell’economia locale, nazionale ed internazionale.

Presenti: Marco Neopensi, Ceo di Riel; Cristian Feregotto, Ceo di Infostar; Alessandra Sandrini, psicologa-psicoterapeuta; Paola Schneider, presidente di Federalberghi Fvg; Roberto Siagri, Ceo di Eurotech; Lisa Tosolini, proprietaria Tosolini Distillerie; Alessandro Englaro, Ceo di Akuis; Mattia Armando Chiavegato, albergatore a Venezia; Majra Cimenti, gruppo Fantoni; Marco Crasnich, Ceo di Overlog; Massimiliano Cecotto, direttore commerciale Credifriuli.

In evidenza

SLOVENIAN AT THE TOP OF AI RESEARCH

In Lubiana, Slovenia, the Jozef Stefan Institute (IJS) (in the pic) – the country’s largest applied research institute – is developing the future of Ai. And one of the predominant fields of application is aerospace industry. Slovenia is very attentive to Ai’s applications, with the director Saso Dzeroski (in the pic), whom we met.

The “ESA-CLAIRE AI Special Interest Group on Space” (http://claire-ai.org/sig-space/) is organizing its first online conference on space-realted use of artificial intelligence (AI) in space. Collocated with the 24th European Conference on Artificial Intelligence ECAI (http://digital.ecai2020.eu/), the conference is a full-day open access event and is taking place recently, September 4 (a tutorial and workshop day for ECAI). You can join the event online at 

https://zoom.us/j/91268494373?pwd=ZzVEV1EvQmhraDh6anFDVWx3Q2p0UT09

The event had a rich and varied program, which includes 5 keynote talks, 17 contributed presentations and a panel discussion with 6 distinguished panelists. We brought together speakers from different realms, and our keynote speakers come from space agencies (NASA, ESA), world-renowned research institutions (TU Munich, as well as industrial and private partnerships (SIRIUS Chair, and Frontier Development Lab). Keynote talk topics include the use of machine learning in space and planetary exploration, as well as in earth observation, the use of AI and data and improved planetary stewardship, as well as legal issues related to space and AI. The 17 contributed presentations cover cutting-edge topics concerning different AI methods and different areas of space technology: imagery and EO, space exploration, astronomy and space events, among others. The event will conclude with a presentation of the ESA vision and strategy on applications and AI and a panel discussion reflecting upon the “Present, Lessons Learned, and the Future of AI in Space”,  involving panelists from the EU Commission, United Nations Office for Outer Space Affairs, Euroconsult, Pioneer Astronautics, among others, creating a unique synergy of themes within AI in Space, such as space law, space policy and space exploration. 

In evidenza

MEP, L’AZIENDA GLOCAL CHE COSTRUISCE IL PROPRIO FUTURO CON I GIOVANI

https://youtu.be/r4lHH_V1TtY

«Un’Azienda glocal (Global-Local), che crede nei giovani per costruire il proprio futuro e li inserisce in un contesto armonico, precondizione per poter crescere e lavorare bene con i Colleghi». Lorenzo Tam, si è laureato a marzo 2020, in piena emergenza Covid-19 in International Management con la tesi sulla Governance il cui titolo è un programma del futuro presente: Change management as thriving force in the creation of Sustainable Value in the Italian SMEs: the case of MEP S.p.A. Il dottor Tam, che dunque conosce bene l’Azienda in cui è già occupato a tempo pieno, racconta così il profilo di MEP, Macchine Elettroniche Piegatrici SpA di Reana del Rojale-Udine: Azienda fortemente radicata nel proprio territorio “locale” e al contempo aperta al mondo, “globale”, ben sostenibile in 128 Paesi. «Qui – sottolinea il giovane Governance Specialist Tam – ho trovato un ambiente stimolante, in cui sono inserito ormai da un anno. È una realtà positiva, che mi ha accolto nel migliore dei modi, dapprima in seno alla Scuola di Formazione del Gruppo, successivamente inserendomi nel mio ruolo attuale nel quale posso mettere in pratica tutte le conoscenze acquisite nel mio percorso formativo, entrando così appieno nel mondo pragmatico dell’impresa». Ritenendosi fortunato per aver trovato sin dall’inizio della propria carriera professionale una realtà che investe sui giovani, sia offrendo un ambiente lavorativo positivo, sia dando opportunità di formazione continua attraverso la MEP Business School, Tam analizza il fenomeno della «fuga dei cervelli» e, a sorpresa, chiama in causa anche la responsabilità dei coetanei. «È un fenomeno in parte dettato da contingenze sfavorevoli, ma in parte chiama in causa la responsabilizzazione di se stessi. I giovani, e mi ci metto in mezzo, devono lavorare per sviluppare alcune soft skills molto importanti, l’impegno costante e lo spirito di sacrificio, al fine di migliorare la situazione e non fuggire da essa». Ciò non significa restare necessariamente nei propri confini, anche emotivi, e non avere uno sguardo aperto sul mondo. «Io stesso sono stato per un periodo all’estero nel corso dei miei studi e ho appreso tutto quanto di positivo era possibile, con l’intenzione però di portarlo nel mio Paese – aggiunge Tam -. Il percorso di studi mi ha proiettato in un contesto globale ed è esattamente ciò che ho trovato in MEP, un’azienda dinamica che dà ai giovani la possibilità di far crescere se stessa e il proprio Paese». Nonostante il Covid-19 gli abbia fatto vivere la discussione della tesi di laurea davanti al video del computer, togliendo un po’ del pathos che caratterizza l’evento, Tam evidenzia il lato positivo dell’esperienza: «Quel periodo ha fatto emergere in me un sano spirito di resilienza ed esattamento».