PMI TEMONO CASSA INTEGRAZIONE E BLOCCO INVESTIMENTI. API TORINO: NO ELEMOSINA, MA SOSTEGNO ALLA COMPETITIVITA’ 

PMI TEMONO CASSA INTEGRAZIONE E BLOCCO INVESTIMENTI. API TORINO: NO ELEMOSINA, MA SOSTEGNO ALLA COMPETITIVITA’ 

(Ti Lancio dal Piemonte) Torino 30 settembre 2022 – Crolla la fiducia delle aziende e si comincia a temere la cassa integrazione e il blocco degli investimenti. Sono le sintesi che emergono dall’aggiornamento dell’indagine congiunturale dell’Ufficio Studi di API (Associazione Piccole e Media Imprese) di Torino. Dopo un primo semestre 2022 che prometteva miglioramenti economici, in tre mesi è cresciuto il pessimismo; pesano la situazione internazionale, la guerra Russia-Ucraina, la crisi di governo. “Il momento è più difficile di quello vissuto con la pandemia di Covid-19 – dice il presidente API Fabrizio Cellino – e i risultati degli sforzi del sistema industriale sono a rischio. Il punto cruciale è quello energetico”. 

Gli associati chiedono al nascente governo misure di contrasto decise e immediate per mantenere la competitività. Cellino aggiunge: “Non chiediamo l’elemosina. E’ necessario agire sul cuneo fiscale a partire dalla decontribuzione degli aumenti contrattuali”. 

I dati raccontano il tracollo della fiducia degli imprenditori: in soli 3 mesi, 40 punti in meno, un minimo storico. Il 28,8% delle PMI prevede di dover ricorrere a nuove linee di credito a breve termine, mentre solo il 53% di queste (contro il 63% di 3 mesi fa) si dichiara in grado di programmare nuovi investimenti. 
(MARIFRE)

Leave a Reply

Your email address will not be published.