IL SUMMER BIATHLON FESTIVAL SULLA RINOMATA PISTA DELL’APPENNINO EMILIANO

IL SUMMER BIATHLON FESTIVAL SULLA RINOMATA PISTA DELL’APPENNINO EMILIANO

(Ti Lancio dall’Emilia Romagna) Frassinoro (MO) 27 giugno 2022 – Frassinoro capitale italiana del biathlon per un giorno. Si tratta della specialità olimpionica che unisce lo sci da fondo con il tiro a segno con la carabina. Nel Comune dell’appennino modenese, si è svolto oggi il  Frassinoro Summer Biathlon festival. Una manifestazione unica che ha visto come madrina dell’evento l’atleta olimpionica Dorothea Wierer,  più volte campione mondiale e che è rimasta particolarmente soddisfatta del progetto della nuova pista che rappresenta l’unica pista di biathlon nell’appennino emiliano. 

Oreste Cappelli, sindaco di Frassinoro, con la campionessa mondiale Dorothea Wierer

ll sindaco di Frassinoro, Oreste Capelli ha fatto gli onori di casa e ha portato i saluti del presidente della Regione Stefano Bonaccini. ‘Siamo particolarmente soddisfatti di questo risultato – ha affermato il sindaco – puntiamo ad essere un ulteriore  punto di riferimento per lo sport, invernale e non,  in appennino. Si tratta di un opera complessa, che si sta sviluppando e arricchendo dal 2014:  parliamo di finanziamenti complessivi per oltre 600.000 euro, con fondi regionali, dell’Ente e Pnrr. L’obbiettivo ambizioso ma raggiungibile è di completarla per il prossimo anno, per farla rientrare  fra le piste che verranno utilizzate per gli allenamenti per le prossime olimpiadi invernali di Milano-Cortina  del 2026 ‘. 

Il festival è stato anche l’occasione per presentare la nuova edizione del trofeo IMSO Ceramiche, competizione di skiroll che si svolge dal 2012, interrotta a causa della pandemia e che dal prossimo anno tornerà ad essere disputata, proprio sul nuovo impianto da biathlon. 

Sul palco, oltre all’atleta olimpionica Dorothea Wierer,  si sono avvicendati Andrea Dondi, presidente del Coni regionale, il presidente della Fisi Flavio Roda, Luciano Magnani presidente onorario nazionale Maestri di sci e i giornalisti Leo Turrini e Luigi Giuliani. Leo Turrini ha intervistato Dorotea fra gli applausi del pubblico, ricordando le sue medaglie e ha cercato di strapparle la promessa di partecipare alle prossime olimpiadi. Promessa che potrà essere esaudita solo strada facendo, secondo Dorothea. Il sindaco Capelli ha invece ottenuto da Dorothea l’assenso pubblico a tornare a Frassinoro la prossima estate, per fare da madrina all’inaugurazione della nuova pista. La realizzazione della pista è il frutto di un’importante tradizione agonistica che vanta Frassinoro nello sci di fondo nazionale e più recentemente nel biathlon internazionale. Dalla società sportiva di Frassinoro, diretta per decine d’anni dal grande Leonello Biondini (secondo Leo Turrini, fin dalla Guerre Puniche!) hanno infatti preso il via numerosi skiman, come Simone Biondini, tecnico della nazionale italiana, Alessandro Biondini, già skiman della nazionale italiana, Gianluca Marcolini, tecnico della nazionale norvegese e skiman più titolato al mondo, Federico Fontana team manager della nazionale Usa e Giovanni Ferrari, tecnico del biathlon statunitense. Senza dimenticare i compianti Tonino Biondini e Paolo Manfredini, precursori  di tutti i successi dei giorni nostri.
(PARU)

Leave a Reply

Your email address will not be published.