ROMA: UNA MOSTRA GREEN E MULTIDISCIPLINARE SULLA RIGENERAZIONE URBANA

ROMA: UNA MOSTRA GREEN E MULTIDISCIPLINARE SULLA RIGENERAZIONE URBANA

“Riscatti di città”: dai millennials parte la discussione sul futuro sostenibile per la Capitale

(TILANCIO) – Roma 20 aprile 2022 – Il futuro del tessuto urbano di una metropoli deve essere sostenibile, condiviso e inclusivo. E, ancora, deve far rinascere spazi abbandonati e recuperare il valore del già esistente anziché continuare a erodere natura con cantieri eterni. Questi sono i concetti della mostra “Riscatti di Città – Transizioni urbane a Roma”, fondata sul racconto di una città studiata e immaginata all’insegna del green e della partecipazione. 

   Nelle sale di Palazzo Merulana, trasformate con un allestimento che ruota attorno a un’isola botanica, sono esposti fino al 29 maggio i risultati della mappatura e della documentazione realizzati da TWM Factory e H501 City Lab, in collaborazione con CoopCulture. Si tratta della seconda edizione del progetto multidisciplinare, curato da Nicola Brucoli, Carlo Settimio Battisti e Andrea Fulgenzi. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Città-del-Rugby_Luoghi-Dismessi-Project-1024x683.jpg

   Il percorso espositivo comprende fotografie, video, grafiche e infografiche, bacheche interattive. Nelle settimane di apertura della mostra, inoltre, saranno diversi gli incontri tematici – “Laboratori urbani”- che coinvolgeranno esperti e cittadini. 

   Riccardo Ferranti di TWM Factory, fotografo e co-fondatore di RomaSmistamento, hub multifunzionale che ha sede in uno spazio delle Ferrovie dello Stato recuperato dopo anni di abbandono, racconta che tutto nasce dall’amore per Roma: “Il nostro è uno studio creativo di progettazione culturale creato da under 30 è rivolto alla valorizzazione dei talenti della nostra generazione e al servizio della città. La mostra è il culmine di un lavoro attento di mappatura e di presenza attiva sul territorio”. Obiettivo? Non consumare suolo, ma valorizzare e far rinascere ciò che è in decadenza o trascurato. E intanto, aggiunge Ferranti, “generare discussione, coinvolgere le istituzioni, che già si sono interessate, e creare un confronto tra queste e i millennials e la generazione Z, che sono ricchi di creatività e professionalità”. 

   La mostra è visitabile dal mercoledì alla domenica, dalle ore 12 alle 20, in via Merulana 121. Il biglietto permette l’accesso anche la ricca collezione di arte del Novecento della Fondazione Cerasi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.