CRISTOFORETTI TORNA SULLA STAZIONE SPAZIALE: TUTTI I DETTAGLI

CRISTOFORETTI TORNA SULLA STAZIONE SPAZIALE: TUTTI I DETTAGLI

L’astronauta italiana dell’Esa racconta la missione “Minerva”, strategica per la space economy e per la cooperazione internazionale

(TiLancio) Roma 12 aprile 2022 – Lo spazio continua a essere il nodo più attivo della cooperazione internazionale. Ogni fase di tutti i progetti di esplorazione coinvolge una comunità salda con un unico obiettivo: la conoscenza senza confini. 

   È appena partita la fase più intensa prima della partenza di Samantha Cristoforetti alla volta della ISS, la Stazione spaziale internazionale. Per lei sarà la seconda volta a bordo del laboratorio in orbita (dopo il 2014 come membro dell’Agenzia spaziale Italiana, questa volta entra in gioco direttamente l’ESA, l’agenzia europea). 
Se le condizioni meteo saranno favorevoli, il lancio è previsto per il 21 aprile dalla storica base della NASA Kennedy Space Center in Florida. 

   Obiettivi del progetto: proseguire i tanti esperimenti scientifici nel laboratorio spaziale ed eseguire la manutenzione dei moduli; in quest’ultimo caso Cristoforetti potrebbe compiere una “passeggiata” extraveicolare per il monitoraggio e l’eventuale riparazione dei pannelli solari. Il suo compagno di uscita sarà un cosmonauta russo, come ha specificato, senza scendere in dettagli, la stessa Cristoforetti. 
I dettagli della missione “Minerva” sono stati raccontati dall’astronauta collegata da Houston, dove prosegue la sua preparazione in una rigida quarantena per evitare di portare il coronavirus nello spazio. 

   “Ho scelto per questa missione il nome della dea della saggezza – ha spiegato Cristoforetti  –  perché la saggezza non è mai abbastanza. Minerva è anche la protettrice degli artigiani e il veicolo che mi porterà sulla ISS è fatto da migliaia di ore di lavoro con le mani di tecnici, donne e uomini, di tutto il mondo“. Italiani compresi. 

   Il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia, infatti, intervenendo alla conferenza ha specificato che sono diversi i moduli della Stazione orbitante targati Made in Italy. 
Il veicolo che trasporterà il team fra pochi giorni è la capsula Crew Dragon realizzata dalla SpaceX di Elon Musk. 

    Cristoforetti è al momento è l’unica donna nel corpo astronauti europeo. “Samantha rappresenta il meglio che si può far vedere alle nuove generazione: duro lavoro, competenza, umanità, semplicità”, ha detto Vittorio Colao, ministro dell’Innovazione tecnologica e transizione digitale con delega allo spazio. Ha inoltre rilevato la fondamentale necessità della cooperazione internazionale e il ruolo del nostro Paese. “Lo spazio è al centro delle politiche strategiche italiane, sia per l’esplorazione sia per la space economy”. E gli investimenti sono concentrati sul settore: “Il budget di due miliardi con Pnrr è raddoppiato”.  

   Appuntamento, dunque, al 21 aprile per seguire in tempo reale il lancio della capsula, sognando consapevolmente un’avventura di scienza e pace.

Leave a Reply

Your email address will not be published.